10 lezioni di sopravvivenza dall’invasione dell’Ucraina

L'invasione russa dell'Ucraina ha inviato onde d'urto attraverso la comunità internazionale e ha attirato l'attenzione del mondo sull'importanza della prontezza personale. Mentre osserviamo gli eventi svolgersi, è facile immaginare noi stessi e i nostri cari intrappolati nelle fauci di eventi che sono molto più grandi di noi

402
10 lezioni di sopravvivenza dall'invasione dell'Ucraina
10 lezioni di sopravvivenza dall'invasione dell'Ucraina

L’invasione russa dell’Ucraina ha inviato onde d’urto attraverso la comunità internazionale e ha attirato l’attenzione del mondo sull’importanza della prontezza personale. Mentre osserviamo gli eventi svolgersi, è facile immaginare noi stessi e i nostri cari intrappolati nelle fauci di eventi che sono molto più grandi di noi.

Osservando gli eventi e ascoltando le testimonianze e le storie di coloro che sono sopravvissuti per davvero, il resto di noi può imparare molte lezioni importanti sull’essere preparati per tutti i tipi di emergenze, non solo la minaccia di invasione e guerra.

Mentre il mondo guarda, tutti cercheranno di imparare le lezioni della prontezza personale. Ecco 10 dei più importanti:

Stabilire un piano di sopravvivenza familiare completo

Nessun singolo individuo può sopravvivere in un ambiente ostile da solo. Un gruppo coeso ha una probabilità molto più alta non solo di sopravvivere, ma anche di prosperare e ricostruire dopo un disastro.

Il primo passo per essere preparati è stabilire un piano di sopravvivenza familiare completo che tenga conto delle esigenze, delle abilità e delle risorse uniche di ogni membro della tua famiglia. Altrettanto importante, devi essere preparato nel caso accadesse un’emergenza mentre la tua famiglia è dispersa (scuola, lavoro, spese).

Troppe persone commettono l’errore fondamentale di presumere che saranno sani e salvi a casa con i propri familiari. La realtà potrebbe essere ben diversa. Capire come risponderai a una grave crisi se sei sul posto di lavoro mentre il tuo partner è a lavorare altrove, magari mentre due dei tuoi figli sono a scuola e un altro è in vacanza, è un livello completamente separato di difficoltà e complessità che deve essere tenuto in considerazione per considerarti veramente preparato.

Comprendi la vulnerabilità contestuale della tua casa

Il prossimo passo è capire la vulnerabilità contestuale della tua casa. Ciò significa comprendere i rischi specifici della tua posizione che potrebbero potenzialmente portare a un disastro e in che modo eventi e circostanze diversi potrebbero comportare minacce uniche.

Ad esempio, la maggior parte delle persone che praticano uno stile di vita di preparazione sanno quali tipi di disastri naturali ci si deve aspettare nella loro zona di origine, ma vale la pena guardare più in profondità. Potresti vivere in una città o regione che ha molti impianti chimici o altre raffinerie che operano nella zona, installazioni che potrebbero provocare massicce e pericolose fuoriuscite tossiche nell’aria o nell’acqua se dovessero essere danneggiate da eventi naturali o attaccate da terroristi o forze nemiche.

Allo stesso modo, le persone che vivono nelle principali aree urbane o in altri centri densi di popolazione avranno minacce contestuali diverse in tutte le circostanze rispetto a coloro che vivono in sonnolenti villaggi rurali.

Entrambe le aree hanno vantaggi e svantaggi durante diversi incidenti che i sopravvissuti intelligenti sapranno come sfruttare o evitare secondo il caso.

L’autocompiacimento uccide

Uno dei più grandi assassini in ogni disastro è l’autocompiacimento. Le persone spesso pensano “non può succedere a me” o diventano così abituate a una situazione che smettono di essere vigili. Il disastro può colpire e colpisce persone che non sono preparate, spesso con conseguenze devastanti. L’autocompiacimento spesso si traveste da facilità e conforto e può sicuramente portare te e la tua famiglia a essere divisi proprio nel momento di un’emergenza.

Evitare l’autocompiacimento è più facile a dirsi che a farsi quando la maggior parte di noi ha vite piene, con faccende e compiti che devono essere svolti, essere lì per la famiglia o altro. Ma se consideri il fatto che investire nella tua prontezza personale è necessario e vitale come qualsiasi altra cosa tu possa dover realizzare per mantenere il tuo stile di vita, dovresti trovare il modo più semplice.

Permettere a te stesso di diventare lento, svogliato e meno capace equivale al peccato, e se il disastro dovesse colpire avrai problemi. Rimani vigile e preparati a tutto.

Il pregiudizio della normalità può renderti cieco ai pericoli reali

D’altra parte, essere troppo fiduciosi nella valutazione di una situazione come “buona” o “stabile” potrebbe essere altrettanto pericoloso. Le persone che sono costantemente in guardia possono iniziare a percepire minacce dove non esistono, con conseguente condizione di paranoia, ma credere che nulla cambierà perché nulla cambia mai porta a una condizione chiamata pregiudizio di normalità.

Il pregiudizio della normalità è una forma di cecità che ti impedisce di vedere pericoli reali.

Il pregiudizio della normalità colpisce quando ti rifiuti di accettare ciò che stai vedendo o percependo come reale. Il pregiudizio della normalità è a volte sottile, ma è quasi sempre tragico. È un pregiudizio di normalità che vede uno spettatore essenzialmente ignorare un tiratore attivo che entra in un centro commerciale con un fucile perché si è convinto che si tratta di uno scherzo o che il fucile è solo un giocattolo. Il pregiudizio della normalità rallenta anche l’intervento necessario richiesto quando una persona cara è incapace o ferita perché una persona crede che stia scherzando.

Superare il pregiudizio della normalità non è così facile come sembra, ma può essere fatto se sei spietatamente dedicato a seguire una procedura corretta in risposta a stimoli specifici. Nel caso dell’invasione dell’Ucraina, non vorresti convincerti che il boom di un grande ordigno e bombe è un tuono, un’incidente d’auto o qualsiasi altra cosa.

Non lasciare che i tuoi principi siano testati in Extremis

In caso di disastro, i tuoi principi saranno messi alla prova. Potresti trovarti in una posizione in cui devi scegliere tra ciò che è giusto e ciò che è conveniente, tra ciò in cui credi e ciò che ti manterrà in vita. È importante pensare a queste cose in anticipo in modo da non essere costretti a prendere una decisione nell’istante che può avere conseguenze gravi o addirittura per tutta la vita.

Considerando l’invasione dell’Ucraina, ad esempio, praticamente la totalità della popolazione maschile è stata arruolata nell’esercito all’improvviso. In che modo questo cambierebbe i tuoi piani se fossi una persona arruolata o richiamata per combattere?

Cercheresti di portare in salvo i tuoi familiari a dispetto dell’ordine del governo, o li manderesti via da soli e faresti il tuo dovere?

Allo stesso modo, se ti trovassi di fronte a un’ondata di rifugiati che fuggono letteralmente dalla morte di fronte alle armi nemiche, li aiuteresti condividendo i rifornimenti, e la tua stessa casa, con loro? Lo faresti lo stesso sapendo che questo avverrà a scapito delle scorte di cui tu e i tuoi cari potreste disperatamente aver bisogno in seguito, e avete poche possibilità di reintegrarle?

Questo scenario è reso ancora più complicato dai desideri e dagli input in competizione dei tuoi cari. È imperativo che tu discuta di tali situazioni in anticipo e raggiunga il consenso o almeno l’accettazione ben prima di mettere alla prova i tuoi principi fondamentali.

Devi allenarti per sopravvivere

Devi essere preparato sia fisicamente che mentalmente per sopravvivere a una catastrofe. Ciò implica che dovresti allenarti per qualsiasi potenziale emergenza che possa verificarsi. Implica anche avere le attrezzature e le risorse necessarie in modo da non essere colti alla sprovvista quando si verifica un disastro e, soprattutto, sapere come usarlo.

La conoscenza va bene, ma non è così preziosa come la saggezza, e la saggezza è il possesso della conoscenza che viene raffinata attraverso l’esperienza vissuta. Devi allenarti se vuoi sopravvivere in qualsiasi dominio, dall’autodifesa della vita o della morte alla sopravvivenza in zone urbane devastate o ritiri remoti nella natura selvaggia.

Improvvisare mentre si verifica un’emergenza non è molto facile.

Anche se ci saranno molte volte in una situazione di sopravvivenza caotica e variabile in cui dovrai improvvisare e adattarti al volo, non avere un serbatoio di esperienza da cui attingere che informerà le tue scelte in modo sano è il marchio di un dilettante e probabilmente una futura vittima.

Non essere un sopravvissuto one-trick

La chiave per la sopravvivenza non è solo essere bravi in una cosa, ma avere una varietà di abilità e risorse a cui puoi attingere quando arriva il momento. Ciò significa avere conoscenze e formazione a tutto tondo, oltre ad avere un set diversificato di strumenti e forniture che ti aiuteranno in qualsiasi situazione.

Questo è più comunemente espresso da coloro che praticano solo ciò che amano praticare. Coloro che amano l’esercizio fisico si trasformeranno in topi da palestra che trascureranno altre abilità più difficili ma essenzioali. Le persone che amano il campeggio saranno più che felici di elaborare le loro abilità di sopravvivenza all’aperto. Le persone con una mentalità difensiva trascorreranno la maggior parte o tutto il loro tempo nel dojo delle arti marziali o al poligono di tiro.

Come ha osservato una volta un famoso autore, la specializzazione è per gli insetti. È imperativo che tu diventi almeno transitoriamente competente in un’ampia varietà di abilità di sopravvivenza al fine di considerarti veramente e olisticamente preparato per la più ampia varietà di situazioni che potrebbero capitarti.

Il primo soccorso, l’orientamento con le mappe, la costruzione improvvisata, l’approvvigionamento di cibo, il trattamento dell’acqua, i combattimenti, la guida, le riparazioni e altro ancora sono tutte abilità che dovresti possedere.

Le informazioni open source possono aiutare o danneggiare

L’avvento di Internet e dei social media ci ha dato accesso a una ricchezza di informazioni, sia buone che cattive. È importante essere in grado di discernere tra fonti di informazione affidabili e quelle che non lo sono, oltre a separare i fatti dalla finzione. Lo stesso vale per i social media; possono essere un ottimo modo per ottenere rapidamente informazioni, ma imparare a setacciare i fatti dalla finzione è un’abilità a sé stante.

Di conseguenza, sebbene tu possa scansionare rapidamente diversi siti Web importanti per ottenere un’idea di ciò di cui le persone stanno parlando e potenzialmente informare le tue decisioni, devi stare attento a controllare tali informazioni per timore di prenderle come vangelo e commettere un terribile errore. Questo è raramente facile, poiché sarai in competizione con la disinformazione, la propaganda deliberata, le voci e il buon errore umano vecchio stile.

Solo incrociando attentamente le informazioni importanti con più fonti e applicando una buona dose di logica e buon senso sarai in grado di determinare ciò che è la realtà e ciò che vale la pena incorporare nel tuo processo decisionale.

Sviluppare piani alternativi di emergenza

Nessun piano è infallibile e la legge di Murphy sarà sempre in vigore. Ecco perché è importante disporre di piani alternativi, piani di emergenza per qualsiasi potenziale scenario. In questo modo, se succede qualcosa e il tuo piano originale fallisce, hai ancora un piano di backup cui attaccarti per superare la crisi.

Questi piani dovrebbero essere sempre più granulari rispetto al tuo piano principale. Prendiamo un altro esempio diretto dall’invasione dell’Ucraina, quello della massiccia evacuazione da Kiev.

Ormai abbiamo visto tutti le immagini dell’enorme ingorgo lungo chilometri che ha completamente ostacolato gli sforzi di coloro che cercavano di uscire dalla città in auto. In questo caso, il tuo piano alternativo sarebbe quello di prendere strade secondarie e autostrade meno trafficate lontano dalla città e in un’altra direzione, facendo un largo giro prima di puntare nuovamente verso la tua destinazione.

Il tuo piano di emergenza potrebbe essere quello di dirigerti nella stessa direzione via barca, ad esempio. Oppure studiare bene il territorio e preparare un percorso attraverso la campagna o i boschi per allontanarti a piedi. Il tuo piano di emergenza potrebbe essere quello di allontanarti dalla città usando uno o più carrelli per trasportare rifornimenti vitali e bambini piccoli.

Applicando questo sistema di pianificazione agli elementi più importanti del tuo piano di sopravvivenza o prontezza, sarai drasticamente più preparato per affrontare i molti imprevisti che, inevitabilmente, capiteranno.

La migliore protezione è la prevenzione

Il modo migliore per proteggere te stesso e la tua famiglia è evitare il disastro prima che accada. Ciò significa essere consapevoli dei potenziali rischi nella tua zona e adottare misure per mitigarli. Significa anche avere un piano pronto da mettere in atto in modo da sapere cosa fare se succede qualcosa. E sicuramente significa allontanarsi dai guai prima che si verifichino.

L’invasione dell’Ucraina era stata annunciata forte e chiaro dai servizi segreti occidentali (USA e UK) ben prima che i veicoli e le truppe russe iniziassero a fluire attraverso il confine. Le truppe si stavano ammassando, i colloqui diplomatici diventavano più disperati o conflittuali e tutti gli altri passi danzanti della guerra erano in piena mostra. Perché così tanti hanno aspettato che fosse troppo tardi per agire?

Nessuno vuole muoversi senza necessità, sprecando tempo e risorse, nel caso in cui non succeda nulla ma è peggio sbagliare e rimanere bloccato nel caos quando l’emergenza si verifica. Vediamo lo stesso tipo di comportamento nelle regioni costiere quando un uragano mostruoso si abbatte sui residenti che aspettano fino all’ultimo minuto per evacuare.

Agendo tempestivamente in risposta agli avvertimenti di potenziali minacce, puoi essere sicuro di avere la massima quantità di tempo e margine di manovra per effettuare una risposta significativa che, in definitiva, salverà potenzialmente la tua vita e la vita dei tuoi cari.

Prima riuscirai ad identificare un potenziale problema, meglio sarà.

Pronto per la guerra?

Queste sono solo alcune delle cose che puoi fare per aumentare la tua prontezza personale per qualsiasi potenziale emergenza. Seguendo questi suggerimenti, ti darai migliori possibilità di sopravvivere e prosperare di fronte al disastro.