“15 minuti per salvare il mondo”: un terrificante viaggio in realtà virtuale nel bunker nucleare del presidente degli Stati Uniti

Era chiaro che le cose erano andate terribilmente storte, in quel particolare giorno, quando ho visto che l'opzione più moderata sulla scrivania di fronte a me prevedeva l'uccisione di almeno cinque milioni di persone

574
"15 minuti per salvare il mondo": un terrificante viaggio in realtà virtuale nel bunker nucleare del presidente degli Stati Uniti

Era chiaro che le cose erano andate terribilmente storte, in quel particolare giorno, quando ho visto che l’opzione più moderata sulla scrivania di fronte a me prevedeva l’uccisione di almeno cinque milioni di persone.

Avrei potuto uccidere fino a 45 milioni di esseri umani se avessi scelto la più completa delle alternative disposte su tre fogli di carta, ma era difficile concentrarsi sui dettagli perché c’erano persone che urlavano attraverso l’auricolare e dagli schermi di fronte me.

Stavo sperimentando ciò che un presidente degli Stati Uniti dovrebbe fare in caso di crisi nucleare: prendere una decisione che metterebbe fine a molti milioni di vite – e molto probabilmente alla vita sul pianeta – disponendo solo di informazioni incomplete e in meno di 15 minuti.

Nel mondo reale, ero in una sala riunioni in un hotel di Washington e indossavo gli occhiali per la realtà virtuale. Nella simulazione ero seduto dietro la scrivania del presidente nello Studio Ovale. Il telegiornale era in onda e c’era un servizio sui movimenti delle truppe russe, ma il volume era disattivato e qualcuno mi diceva che il consigliere per la sicurezza nazionale era in ritardo per il nostro incontro.

Ho cercato di riportare la mia attenzione sulla notizia ma pochi secondi dopo è suonata una sirena e un uomo calvo in uniforme e occhiali scuri è apparso dalla porta alla mia sinistra.

Signor Presidente, abbiamo un’emergenza nazionale“, ha detto una voce di donna. “Per favore, segua subito l’ufficiale militare“.

L’ufficiale pelato mi fece entrare in un ascensore con pannelli di legno nascosto dietro un muro, e iniziammo la nostra discesa.

La simulazione VR è stata sviluppata da alcune università internazionali sulla base di ricerche approfondite, comprese interviste con ex funzionari, su cosa accadrebbe se gli Stati Uniti fossero – o credessero di essere – sotto attacco nucleare. Hanno chiamato il loro progetto il Biscotto Nucleare, dal nome del cartellino con i codici di autorizzazione al lancio del presidente.

Negli ultimi giorni, è stato testato a Washington da esperti di armi nucleari ed ex funzionari.

Entri in quella simulazione e ne esci una persona cambiata“, ha detto dopo il suo turno Richard Burt, che era il capo negoziatore degli Stati Uniti nei negoziati per il controllo degli armamenti con l’Unione Sovietica.

Avendo vissuto quei terrificanti 15 minuti, posso capire cosa intende.

Uscii dall’ascensore con il mio aiutante militare nella sala operativa sotterranea. A differenza della famosa scena del dottor Stranamore, non ero circondato da consiglieri. Nel mondo reale, è improbabile che siano immediatamente a portata di mano quando suona l’allarme.

In questa occasione il mio consigliere per la sicurezza nazionale era ancora bloccato nel traffico e l’assistente militare è addestrato a non dire nulla. Il suo compito è quello di tenere in mano la valigetta, il “calcio nucleare”, contenente i piani di lancio e il biscotto. Nel sistema statunitense, il presidente ha l’unica autorità di comando. Lui o lei può prendere la decisione senza chiedere alcun consiglio.

Non appena mi sono seduto, una voce nelle mie cuffie ha iniziato a raccontarmi la situazione. I sensori di preallarme avevano rilevato il lancio di 299 missili in Russia che si stimava con grande certezza, fossero diretti verso la terraferma degli Stati Uniti e, molto probabilmente, i silos di missili balistici intercontinentali (ICBM) nel nord-ovest. Secondo la stima sarebbero stati uccisi 2 milioni di americani. Mentre questo veniva spiegato, un’altra voce, questa volta un ufficiale dei servizi segreti, mi diceva che gli elicotteri stavano arrivando per evacuarmi.

Ho faticato a capire tutti i dettagli perché la sirena era ancora in funzione. Mi ci sono voluti alcuni minuti per ricordare che ero il comandante in capo e potevo ordinare che venisse spento. Fu messo immediatamente a tacere, ma non potevo essere sicuro di non aver perso una sfumatura vitale.

Un generale del comando strategico è apparso su uno degli schermi davanti a me e mi ha detto che non avevo molto tempo per prendere una decisione e per tenere d’occhio l’orologio digitale sul tavolo della conferenza. Diceva che mi restavano 12 minuti e 44 secondi per prendere la mia decisione. Forse erano gli ultimi 12 minuti prima della fine del mondo.

Se non prende una decisione prima che l’orologio tocchi lo zero, perderemo tutta la nostra forza ICBM“, disse il generale, con una voce che implicava che avevo già deluso la nazione.

L’assistente militare silenzioso aprì la borsa e mi mise davanti le mie tre opzioni. Il primo era un attacco di “controffensiva limitata“, mirato ai silos ICBM russi e alle principali basi di sottomarini e bombardieri. Quella era la versione che avrebbe ucciso dai 5 ai 15 milioni di russi. L’opzione 2 era una “controffensiva su vasta scala” con una stima di 10-25 milioni di vittime. L’opzione 3 prendeva di mira anche le “industrie che sostengono la guerra” e la leadership russa e avrebbe potuto uccidere 30-45 milioni di persone.

Le opzioni di contrattacco sono state messe a nudo.
Le opzioni di contrattacco sono state messe a nudo. Fotografia: per gentile concessione di The Nuclear Biscuit Project

Nel 1979, il mondo arrivò a pochi minuti dalla guerra nucleare perché qualcuno aveva lasciato un nastro di addestramento che simulava un attacco russo nei monitor del sistema di allarme rapido. Nel settembre 1983, i computer russi mostrarono erroneamente missili statunitensi in arrivo. L’Armageddon è stato evitato solo perché l’ufficiale di servizio, il tenente colonnello Stanislav Petrov, andò contro i protocolli e decise di non reagire all’allerta perché il suo istinto gli diceva che si trattava di un problema tecnico.

Nei decenni successivi, la tecnologia è stata aggiornata, ma è teoricamente possibile che i sistemi di allerta precoce possano essere violati proprio come è già successo ad altre reti presumibilmente super-sicure.

Ho chiesto ai miei aiutanti se fosse possibile un attacco informatico e mi è stato detto che era impossibile saperlo con certezza. Il mio consigliere per la sicurezza nazionale (che aveva ormai superato i suoi problemi con il traffico) ha ricordato che c’era stato qualcosa nel brief quotidiano sulla rete di allerta precoce che respingeva un attacco informatico.

Ho deciso di scartare tutte e tre le opzioni e ho ordinato un attacco all’arsenale rimanente della Russia solo dopo la conferma dell’impatto dei primi missili in arrivo, con la certezza che un vero attacco fosse in corso. Nel caso fossi morto a quel punto, mi è stato consigliato di delegare l’autorità di lancio al vicepresidente.

Quello che succede dopo nella simulazione è stato deliberatamente lasciato poco chiaro. La simulazione termina con l’assistente militare che mostra i codici necessari per ordinare il lancio. Il punto dell’esercizio è sottolineare l’impossibilità paralizzante delle scelte che deve affrontare il leader di uno stato dotato di armi nucleari.

Vengono visualizzati i codici di lancio nucleare.
Vengono visualizzati i codici di lancio nucleare. Fotografia: per gentile concessione di The Nuclear Biscuit Project

Moritz Kütt, ricercatore senior presso l’Istituto per la ricerca sulla pace e le politiche di sicurezza dell’Università di Amburgo, ha affermato che la grande maggioranza dei partecipanti all’esperimento finora ha selezionato una delle tre opzioni sul tavolo.

La maggior parte delle persone ha scelto un’opzione di escalation e solo pochissimi hanno deciso di non rispondere“, ha affermato Kütt.

Le persone si sentivano forzati a prendere decisioni in condizioni di incertezza“, ha spiegato Sharon Weiner, professore associato presso la School of International Service dell’American University. “Volevano saperne di più o pensavano che qualcosa non fosse chiaro, ma c’era comunque la pressione di dover prendere una decisione”.

Penso che alcune persone scelgano un’opzione solo perché vogliono finire la simulazione“, ha aggiunto .

La pressione per prendere una delle opzioni presentate dal Pentagono è stata quasi schiacciante. A un certo punto un assistente mi ha chiesto come sarei stato in grado di affrontare il mio paese se non avessi risposto. La simulazione solleva la questione di chi sceglie queste opzioni . Nei 15 minuti a disposizione sarebbe impossibile mettere davanti a un presidente tutte le alternative possibili, quindi chi seleziona le possibili opzioni suggerite detiene un potere enorme. Tutto quello che sappiamo è che si tratta di qualcuno dell’esercito americano. Diplomatici, politici o esperti di etica non fanno parte del processo.

In caso di allerta nucleare, sarebbe troppo tardi per qualsiasi riflessione più ampia: solo pochi minuti per cercare di pensare chiaramente tra sirene, voci alzate e una moltitudine di incognite.

La tendenza a prendere scorciatoie mentali è maggiore nelle situazioni ad alto rischio“, ha detto Weiner. Le persone corrono più rischi nelle crisi. “Alcune pubblicazioni dicono che dipende dal fatto che tu ti senta al sicuro personalmente o nella tua carriera. Se senti che non stai andando bene, corri rischi inutili”.

Nel mio caso, mi sono bloccato negli ultimi minuti del conto alla rovescia, incapace di pensare ad altro da fare. Avrei dovuto provare a chiamare Vladimir Putin forse, ma pare che la simulazione mi avrebbe detto che non era disponibile.

Sorprendentemente, i ricercatori non hanno trovato prove che nessun presidente degli Stati Uniti, ad eccezione di Jimmy Carter, abbia mai preso parte a esercitazioni realistiche per mettere in pratica decisioni potenzialmente fatali. Altri presidenti occasionalmente hanno partecipato a esercitazioni da tavolo con alcuni aiutanti per discutere le opzioni, ma più spesso hanno inviato sostituti al loro posto.

A gennaio, il team di ricerca porterà il suo esperimento a Capitol Hill, con l’obiettivo di suscitare qualche riflessione sulle realtà alla base della pianificazione nucleare degli Stati Uniti.

Speriamo che i membri del Congresso ne facciano esperienza e almeno vedano le conseguenze delle scelte che hanno fatto sulle questioni relative alle armi nucleari“, ha detto Weiner. “Vedranno che tutti in quella stanza virtuale stanno cercando di fare il loro lavoro, ma è un lavoro impossibile“.