5 conclusioni dalla testimonianza al Senato su Facebook di Frances Haugen

La testimone su Facebook Frances Haugen ha testimoniato di fronte a una sottocommissione chiave del Senato, lanciando l’allarme su tutto, dall’effetto di Instagram sulle ragazze adolescenti alle minacce alla sicurezza nazionale poste da Facebook.

Ha detto che la società deve dichiarare “fallimento morale“.

Prima della sua testimonianza di tre ore, Haugen ha inviato migliaia di documenti interni di Facebook ai legislatori, che stanno spingendo una lista di progetti di legge per regolamentare il gigante della tecnologia e invitando lo stesso Mark Zuckerberg a testimoniare sotto giuramento.

Ecco cinque conclusioni principali della testimonianza:

Instagram e ragazze adolescenti

Le ragazze adolescenti su Instagram affrontano una raffica di contenuti dannosi, comprese immagini che promuovono l’anoressia e altri disturbi dell’immagine corporea. Dal momento che gli algoritmi di Instagram sfruttano le vulnerabilità e gli adolescenti hanno uno scarso controllo degli impulsi, continuano a venire sull’app anche se questo li fa sentire peggio con se stessi, secondo Haugen.

Questa scoperta è supportata da documenti che la testimone ha divulgato al Wall Street Journal, che includono una presentazione interna di Facebook del marzo 2020 in cui si afferma che “il 32% delle ragazze adolescenti ha affermato che quando si sentivano male per il proprio corpo, Instagram le faceva sentire peggio“.

Instagram riguarda i corpi e il confronto degli stili di vita“, ha affermato Haugen, sostenendo che l’app di condivisione di foto è peggiore per gli adolescenti rispetto ai concorrenti TikTok e Snapchat.

Facebook ha affermato che lo studio di Instagram è stato preso fuori contesto e che l’app fa più bene che male alle ragazze adolescenti e ad altri utenti collegandole con gli amici. La società ha anche messo in dubbio la credibilità di Haugen dicendo che non lavorava per Instagram o per i team di sicurezza dei bambini mentre lavorava per Facebook.

Frances Haugen testimonia
Haugen ha inviato migliaia di documenti interni di Facebook ai legislatori prima della sua testimonianza.
Drew Angerer/Pool via EPA

Facebook e la sicurezza nazionale

Mentre era un dipendente di Facebook da giugno 2019 a maggio 2021, Haugen ha trascorso del tempo lavorando nel team di controspionaggio dell’azienda. Attraverso questo lavoro, ha detto di aver visto la Cina usare Facebook per sorvegliare i dissidenti uiguri e l’Iran usare la piattaforma per lo spionaggio.

Haugen ha accusato Facebook di non prendere abbastanza sul serio minacce come queste.

Credo che la consistente carenza di personale di Facebook nelle operazioni di controspionaggio e nelle squadre di antiterrorismo sia un problema di sicurezza nazionale, e ne sto parlando con altre parti del Congresso“, ha affermato. “Credo che il fatto che il Congresso non ottenga un rapporto esatto su quante persone stanno lavorando a queste cose internamente sia inaccettabile perché ha il diritto di proteggere il popolo americano“.

“Ho forti preoccupazioni per la sicurezza nazionale su come Facebook opera oggi”, ha aggiunto.

<div id='hbagency_space_2662'></div>

Il senatore Richard Blumenthal (D-Conn.) ha affermato che la sottocommissione del Senato in cui Haugen ha testimoniato martedì potrebbe chiedere all’informatore di tornare di nuovo per un’altra udienza specificamente incentrata sulle questioni di sicurezza nazionale.

Focus sugli algoritmi

Facebook e Instagram mettono in evidenza post che contengono clickbait e contenuti estremi, incentivando gli utenti a interagire e rispondere, ha affermato Haugen. Questo sistema, chiamato “ranking basato sul coinvolgimento“, mantiene gli utenti agganciati ma incoraggia la diffusione di disinformazione e incitamento all’odio, ha affermato l’informatore.

Haugen ha affermato che sosterrà le regole che richiedono alle società di social media di visualizzare i contenuti nell’ordine in cui sono stati pubblicati, il che, secondo lei, risolverà questi problemi.

L’informatore ha anche affermato che gli sforzi in corso da parte dell’antitrust per costringere Facebook a vendere Instagram o WhatsApp non risolverebbero i problemi perché non porterebbero a modifiche dell’algoritmo.

Facebook ha affermato di aver modificato i suoi algoritmi per ridurre la diffusione di incitamento all’odio e disinformazione.

Dov’è Zuck?

Il fondatore e CEO di Facebook Mark Zuckerberg è stato vistosamente assente nell’ultimo mese mentre le fughe di notizie di Haugen venivano riportate dalla stampa.

Mentre il Wall Street Journal pubblicava una serie di articoli sull’effetto dannoso di Instagram sulle ragazze adolescenti e sull’incapacità di Facebook di fermare spacciatori di droga e trafficanti di sesso, tra le altre questioni, Zuckerberg ha abbracciato gli sport acquatici.

La sua unica risposta agli articoli del Journal è stata una brutta battuta su una tavola da surf. Domenica, lo stesso giorno in cui Haugen ha rivelato la sua identità in un’intervista di 60 minuti, Zuckerberg ha pubblicato su Facebook l’idea di andare in barca a vela.

Piuttosto che assumersi la responsabilità e mostrare leadership, il signor Zuckerberg sta andando a vela“, ha commentato Blumenthal durante l’udienza.

Il New York Times ha riferito a settembre che Zuckerberg ha deciso di prendere le distanze dagli scandali evitando scuse e lasciando che le critiche diventassero pubbliche. Il piano sembrava essere in pieno effetto la scorsa settimana, quando Facebook ha inviato il suo capo della sicurezza globale, Antigone Davis, a testimoniare davanti allo stesso sottocomitato del Senato che ha ospitato Haugen.

Facebook unisce Democratici e Repubblicani

Mentre Democratici e Repubblicani litigano sulle spese del governo e sul tetto del debito, Facebook è il raro argomento su cui entrambe le parti sembrano essere d’accordo. I politici di entrambe le parti non hanno problemi a criticare l’azienda, specialmente quando si tratta dell’effetto di Instagram sulle ragazze adolescenti.

Ma nonostante una serie di legislazioni bipartisan che circolano al Congresso che chiedono di tutto, dalle modifiche degli algoritmi alla completa disgregazione di Facebook, non sembra esserci un chiaro consenso su quali progetti di legge possano effettivamente essere approvati.

Haugen ha suggerito diversi passi potenziali che il Congresso potrebbe intraprendere, inclusa la richiesta a Facebook di rilasciare la sua ricerca interna e la creazione di un gruppo di supervisione governativo indipendente gestito da ex lavoratori tecnologici in grado di comprendere i problemi tecnici.