AGNOCASTO – ERBE E PIANTE MEDICINALI

AGNOCASTO

Utilizzato per: RITENZIONE IDRICA – SPASMI – CAPOGIRI

Vitex agnus-castus (nomi comuni: vitex, agno-casto, Liamba, anho-casto, agno-puro, castità, peperone selvatico, pepe, rosmarino angola, è un arbusto autoctono della regione mediterranea. Ha foglie tipizzate, fiori con corolla bilamata, sommità tricotomiche e frutti drupacee.

Viene utilizzato nella medicina popolare come tisana, indicata per il trattamento della tensione premestruale, dell’ansia, della tensione nervosa e dell’insonnia. Come infuso per il bagno, allevia il caldo e la sudorazione tipici della menopausa.

Secondo Plinio, le donne greche che volevano preservare la loro castità mettevano foglie della pianta sui loro letti e dormivano con loro.

AGNOCASTO

Nome Scientifico:

Vitex Agnus Castus

Famiglia: Verbenaceae

Principi Attivi:

essenza di agnocasto, cineolo, sabinene, chinone, linalolo, acido palmitico, sesquiterpene e pinene

Usato per curare:

RITENZIONE IDRICA

SPASMI

CAPOGIRI

 

AGNOCASTO
AGNOCASTO

Parti utilizzate: Tutta la pianta

RITENZIONE IDRICA:

Infuso: lasciare in infusione 2 bicchieri di acqua con 4 grammi di frutti di agnocasto per 5 minuti, dolcificare con miele e assumerne una parte dopo ogni pasto.

SPASMI:

Infuso: Preparare un infuso con 30 grammi di foglie di agnocasto e ¼ di litro di acqua bollente, dividerlo in 3 parti e assumerlo dopo i pasti.

CAPOGIRI:

Olio di agnocasto: si versano in un recipiente con mezzo litro di olio di oliva 15 grammi di fiori freschi di agnocasto. Si chiude il recipiente e si lascia riposare per 20 giorni in un luogo fresco. Passati i 20 giorni, si filtra l’olio attraverso una tela o una garza e si imbottiglia.

Assumerne 7 gocce al giorno diluite in poca acqua.

 

INDICE GENERALE: ERBE E PIANTE MEDICINALI, PRINCIPI ATTIVI ED ANTICHE RICETTE