C’è ancora tempo per sistemare il clima: circa 11 anni

Il 31 ottobre i leader mondiali si incontreranno a Glasgow, in Scozia, per la Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, o COP26, in un ultimo disperato tentativo di disinnescare l’emergenza climatica limitando il riscaldamento globale a meno di 1,5 gradi Celsius. Raggiungere quel livello porterebbe ancora violente tempeste, profonde inondazioni, gravi siccità e un problematico innalzamento del livello del mare, ma eviterebbe conseguenze ancora più gravi. La temperatura globale è aumentata di quasi 1,1 gradi C dall’inizio rivoluzione industriale.

Una chiara comprensione di come le emissioni influenzano la temperatura mostra che c’è ancora tempo per raggiungere gli accordi politici, le trasformazioni economiche e il consenso pubblico necessari per ridurre drasticamente le emissioni, limitare l’aumento della temperatura e limitare la distruzione. Le nazioni possono abbassare la crescita delle temperature a 1,5 gradi se fanno tagli profondi ora. A partire dal 30 luglio, gli impegni per ridurre le emissioni delle 191 nazioni che hanno firmato l’Accordo di Parigi sul clima del 2015 consentirebbero un riscaldamento di 2,7 gradi entro il 2100, secondo un rapporto pubblicato a settembre dal segretariato della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, il gruppo che coordina gli impegni in corso per l’Accordo di Parigi. L’obiettivo della riunione della COP26 è eliminare la differenza. Ecco cosa deve succedere.

Il primo passo è sbarazzarsi di una vecchio concetto su cui il pubblico, i media e i politici non hanno le idee chiare chiari: l’idea che anche se gli esseri umani smettessero di emettere anidride carbonica durante la notte, l’inerzia nel sistema climatico continuerebbe ad aumentare la temperatura per molti anni. Poiché la CO2 può persistere nell’atmosfera per un secolo o più, si sostiene, anche se la concentrazione smettesse di aumentare, la temperatura continuerebbe a salire perché il meccanismo di intrappolamento del calore è già in atto. In altre parole, un certo livello di riscaldamento futuro viene “infornato” nel sistema, quindi è troppo tardi per evitare la soglia di 1,5 gradi.

Ma gli scienziati hanno scartato quell’idea almeno un decennio fa. I modelli climatici mostrano costantemente che il riscaldamento “impegnato” (infornato) non si verifica. Non appena le emissioni di CO2 smettono di aumentare, la concentrazione atmosferica di CO2 si stabilizza e inizia a diminuire lentamente perché gli oceani, i suoli e la vegetazione continuano ad assorbire CO2 , come hanno sempre fatto. La temperatura non sale ulteriormente. Inoltre non diminuisce, perché le interazioni atmosferiche e oceaniche si adattano e si bilanciano. L’effetto netto è che “la temperatura non sale né scende“, afferma Joeri Rogeljdirettore della ricerca presso il Grantham Institute—Climate Change and Environment presso l’Imperial College di Londra. La buona notizia è che se le nazioni possono ridurre le emissioni in modo sostanziale e rapido, il riscaldamento può essere contenuto a meno di 1,5 gradi.

Il grafico a linee mostra che se smettessimo di emettere anidride carbonica, le temperature smetterebbero di aumentare.
Credito: Amanda Montañez; Fonte: IPCC, 2018: Global Warming of 1.5°C: An IPCC Special Report on the Impacts of Global Warming of 1.5°C above levels pre-industrial Levels and Global Greenhouse Gas Emission Pathways, nel contesto del rafforzamento della risposta globale al Minaccia del cambiamento climatico, sviluppo sostenibile e sforzi per sradicare la povertà, a cura di V. Masson-Delmotte et al. Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici

Per evitare quella soglia, il mondo può emettere solo una determinata quantità di CO2 da ora nel futuro. Questa quantità è nota come bilancio del carbonio. Nel 2019, l’anno prima che la pandemia di COVID deprimesse l’economia globale, il mondo ha scaricato circa 42 gigatonnellate di CO2 — simile al livello del 2018 e a quanto sta accadendo nel 2021. Secondo lo scenario di fascia media dell’indagine globale dell’Intergovernmental Panel on Climate Change rapporto pubblicato ad agosto, “Climate Change 2021: The Physical Science Basis“, altre 500 gigatonnellate di emissioni di CO2 aumenteranno la temperatura globale di 1,5 gradi. Le nazioni hanno circa 11 anni in più agli attuali tassi di emissione – 2032 – prima di esaurire il budget.

Tuttavia, tale soglia si sposta ulteriormente nel futuro, se i paesi riducono significativamente la loro produzione molto presto. Politiche aggressive, ora, possono creare più tempo e più speranza per prevenire la catastrofe. In un rapporto del 2018, l’IPCC ha dichiarato che il mondo doveva raggiungere emissioni nette di carbonio pari a zero entro il 2050 per mantenere il riscaldamento a 1,5 gradi. Per seguire questa strada, afferma il rapporto delle Nazioni Unite di settembre, le nazioni devono dimezzare le emissioni entro il 2030. Ogni anno di ritardo porta il mondo molto più vicino all’orlo del precipizio. “Non stiamo cercando di raggiungere gli obiettivi di temperatura“, afferma Rogelj, che è anche un ricercatore senior presso l’International Institute for Applied Systems Analysis e un autore chiave del rapporto IPCC 2021Stiamo cercando di stare il più lontano possibile dal limite“.

Il grafico a linee mostra quando supereremmo il nostro budget di carbonio rimanente in tre diversi scenari di emissioni.
Credito: Amanda Montañez; Fonte: Cambiamento climatico 2021: La base delle scienze fisiche: sintesi per i responsabili delle politiche . Gruppo di lavoro 1 al sesto rapporto di valutazione del Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici. Cambridge University Press (in corso di stampa)

GRADI DI RISCHIO

Se le nazioni falliscono e l’aumento della temperatura supera 1,5 gradi, sarà comunque fondamentale effettuare riduzioni immediate e continue per rimanere al di sotto di 2,0 gradi di riscaldamento, un livello al quale gli scienziati affermano che gli impatti diventano più terribili ed estremamente difficili da affrontare per le società. Per evitare quella soglia, il mondo può emettere solo altri 1.350 gigatonnellate di CO2 , secondo il rapporto IPCC di agosto. A 42 gigatonnellate all’anno, ciò avverrà entro il 2052. Ancora una volta, se i paesi ridurranno notevolmente le emissioni presto, anche quella data si estenderà in avanti.

 

Se i paesi non effettueranno riduzioni significative in questo decennio, i successivi tagli necessari per limitare l’aumento della temperatura a 2,0 gradi saranno molto più difficili da ottenere. “Ogni singolo anno che passa impone un’enorme penalità per le future riduzioni che sarebbero necessarie“, afferma Josep Canadell, capo ricercatore presso CSIRO, l’agenzia scientifica nazionale australiana e autore principale del rapporto IPCC 2021.

È anche importante capire, afferma Rogelj, che ogni decimo di grado di riscaldamento in più oltre 1,5 gradi comporta un rischio maggiore di danni meteorologici, innalzamento del livello del mare e altri mali a più ecosistemi e più persone, specialmente ai più vulnerabili. Egli paragona il rischio crescente al salto da una piattaforma che oggi può essere alta un metro: adulti sani potrebbero colpire il suolo senza ferirsi, ma i bambini piccoli e gli anziani si faranno male. Ogni decimo di grado in più solleva la piattaforma. “A due metri”, dice Rogelj, “molte più persone rischiano di farsi male. E a una certa altezza, tutti saranno gravemente danneggiati“.

L’analisi del bilancio del carbonio dell’IPCC include una misura dell’incertezza: circa il 15% in più o in meno. E lo scenario di fascia media significa che le nazioni hanno il 50% di possibilità di mantenere il riscaldamento a 1,5 gradi se limitano le emissioni future a 500 gigatonnellate. Per aumentare le probabilità all’83 percento, afferma l’IPCC, il budget scende a 300 gigatonnellate. I numeri diventano ancora più stretti se le nazioni continuano a bruciare le foreste pluviali perché ci sarà meno vegetazione che assorbe CO2 dall’atmosfera. I paesi devono considerare anche i fattori sociali, come essere sicuri di spalmare equamente sui cittadini eventuali sfide economiche derivanti dai tagli alle emissioni.

Naturalmente, se il mondo riducesse le emissioni solo marginalmente e non raggiungesse mai lo zero netto, “la concentrazione atmosferica di CO2 continuerà ad aumentare e la temperatura continuerà ad aumentare“, afferma Susan Solomon, professoressa di studi ambientali e chimica atmosferica presso il Massachusetts Institute. of Technology, che ha contribuito a molti rapporti sui cambiamenti climatici.

RITARDO UMANO

Il dialogo che porta alla COP26, in cui i paesi cercheranno di incoraggiarsi a vicenda a impegnarsi per una maggiore riduzione delle emissioni, è incentrato sulla CO2 . Ma l’atmosfera è influenzata da altri gas serra come il metano e il protossido di azoto, dai feedback climatici come la scomparsa del ghiaccio marino e dagli aerosol, piccole particelle inquinanti rilasciate principalmente dalla combustione di combustibili fossili. Se le emissioni di CO2 rimangono ai livelli attuali, ma le emissioni di metano aumentano e altri feedback diventano più forti, il mondo si riscalderà di 1,5 gradi prima del 2032 e di 2,0 gradi prima del 2052. Gli scenari IPCC includono un certo livello di riscaldamento aggiuntivo dovuto a questi fattori. Non includono le cosiddette emissioni negative delle macchine che estraggono CO2 dal cielo, perché la fattibilità economica di quei sistemi è troppo incerta, dice Canadell.

Il grafico a barre mostra quanto i gas serra diversi dalla CO2 incidono sull'aumento della temperatura in tre diversi scenari di emissioni.
Credito: Amanda Montañez; Fonte: Cambiamento climatico 2021: La base delle scienze fisiche: sintesi per i responsabili delle politiche . Gruppo di lavoro 1 al sesto rapporto di valutazione del Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici. Cambridge University Press (in corso di stampa)

Il rapporto delle Nazioni Unite utilizza una metrica diversa per tenere conto di altri gas serra, chiamata CO2 -equivalente, una quantità che rappresenta il riscaldamento da CO2 oltre a metano, ossidi di azoto e altri gas come gli idrofluorocarburi. Ma le sue analisi sono parallele a quelle dell’IPCC. Al 30 luglio, afferma il rapporto delle Nazioni Unite, 113 delle 191 nazioni che hanno firmato l’Accordo di Parigi si erano impegnate a ridurre le emissioni. Secondo le ultime promesse, le emissioni globali entro il 2030 sarebbero in realtà del 5,0% superiori rispetto al 2019, non inferiori, nello scenario di fascia media utilizzato dall’IPCC. Il rapporto rileva che le emissioni delle nazioni che hanno emesso obiettivi rivisti dal 2015, come gruppo, sarebbero effettivamente inferiori nel 2030 rispetto al 2019, quindi l’aumento netto a livello mondiale proverrebbe dai paesi che non hanno migliorato i loro impegni originali.

Agli attuali tassi di emissione, afferma il rapporto delle Nazioni Unite, il mondo utilizzerebbe l’89 percento del restante budget di 1,5 gradi entro il 2030 e il 39 percento del budget di 2 gradi entro il 2050. Il 25 ottobre, una settimana prima dell’inizio della COP26, il segretariato doveva contare tutti gli aggiornamenti nazionali aggiuntivi effettuati dal 30 luglio. Gli occhi saranno puntati sulle nazioni del G20: 19 nazioni più l’Unione Europea che insieme rappresentano circa il 90% del prodotto lordo mondiale. Le nazioni del G20 sono responsabili di circa tre quarti delle emissioni globali, secondo Taryn Fransen, senior fellow del World Resources Institute che studia le strategie climatiche a lungo termine delle nazioni. È ansiosa di sapere come i paesi manterranno le loro promesse, note come contributi determinati a livello nazionale o NDC. Gli obiettivi a zero sono importanti, afferma Fransen, “ma ogni paese deve effettivamente arrivarci“.

Per arrivarci, le nazioni devono fare un salto di qualità, ora. Alcuni scienziati stanno iniziando a utilizzare il vecchio linguaggio del cambiamento climatico per evidenziare ciò che deve essere fatto. Il fattore di riscaldamento che è compreso in “è l’infrastruttura umana“, dice Solomon. Se i paesi lasciano che le attuali scorte di centrali a carbone, impianti di gas naturale, sistemi di trasporto, complessi industriali ed edifici vivano la loro vita naturale, si impegnano a una certa quantità di riscaldamento aggiuntivo. C’è anche un ritardo nell’arresto dell’aumento della temperatura, osserva, “un ritardo nell’azione umana, la lenta risposta delle persone al problema“. La domanda pratica, afferma Raymond Pierrehumbert, capo del Planetary Climate Dynamics Group presso l’Università di Oxford, è: quanto velocemente il mondo può eliminare i gas serra dall’economia globale?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: