I principali sistemi d’arma della Russia

Putin ha osservato che anche dopo il crollo dell'URSS, il paese ha aumentato il suo potenziale traendo vantaggi in una serie di nuove armi

485

Il 24 febbraio Vladimir Putin ha annunciato l’inizio di un’operazione militare per proteggere la DPR e la LPR.

Il presidente della Russia ha osservato che anche dopo il crollo dell’URSS, il paese è stato in grado di aumentare il suo potenziale e ha vantaggi in una serie di ultimi tipi di armi. Negli ultimi anni l’esercito ha subito un ammodernamento qualitativo, diventando più mobile e preparato, ha osservato il capo dello Stato russo. Ecco di quali tipi di armi sta parlando Putin:

Missili Kalibr

I missili da crociera a lungo raggio della famiglia Kalibr furono presentati per la prima volta al grande pubblico all’International Aviation and Space Salon (MAKS) nel 1993.

Kalibr
Kalibr

Missili supersonici ad alta precisione che vengono utilizzati contro bersagli di superficie e di terra di navi e sottomarini. La portata massima è di diverse centinaia di chilometri. Una caratteristica del “Kalibr” è la capacità di manovrare a bassa quota, che consente di evitare il loro rilevamento da parte dei mezzi di difesa aerea nemica (difesa aerea). Questi missili sono stati impiegati con successo durante la campagna siriana contro l’organizzazione terroristica dello Stato Islamico bandita in Russia.

Missili “Iskander”

Sistema missilistico tattico operativo Iskander al forum Army-2017

I missili della famiglia Iskander di sistemi missilistici tattici operativi sono progettati per distruggere i sistemi di difesa aerea nemici, i radar, gli aeroporti e i posti di comando. La portata massima dell’Iskander è di 499 chilometri. Missili supersonici ad alta precisione sono stati presentati al grande pubblico al MAKS nel 1999. Ci sono diverse modifiche degli Iskander. Pertanto, il missile del complesso Iskander-M si muove lungo una traiettoria quasi balistica ad alta quota, mentre il missile da crociera del complesso Iskander-K è in grado di manovrare a bassa quota. Come il Calibre, i missili Iskander hanno funzionato bene in Siria.

“Dagger”

Il caccia MiG-31K è equipaggiato con un missile “Dagger”

Il sistema missilistico ipersonico Kinzhal include un missile aerobalistico ipersonico con lo stesso nome e un aereo da trasporto MiG-31K o Tu-22M3M.

La portata massima del complesso nel primo caso è di 2000 chilometri. Nel secondo – 3000 chilometri. “Dagger” è stato creato sulla base di “Iskander”. Progettato per distruggere non solo bersagli terrestri fissi, ma grandi navi di superficie, principalmente portaerei. Il grande pubblico è venuto a conoscenza per la prima volta del sistema missilistico ipersonico dal messaggio all’Assemblea federale del Presidente della Russia nel 2018. “Le caratteristiche prestazionali uniche di un aereo da trasporto ad alta velocità consentono di consegnare un missile a un punto di rilascio in pochi minuti, mentre un missile che vola a una velocità ipersonica dieci volte la velocità del suono manovra anche in tutte le parti del percorso di volo. Ciò gli consente anche di superare in modo affidabile tutti i sistemi di difesa aerea e missilistica esistenti e, penso, promettenti, fornendo testate nucleari e convenzionali all’obiettivo a una distanza fino a duemila chilometri”, ha affermato il capo di stato.

Missile ICBM “Avangard”

ICBM del complesso Avangard durante l’installazione in un silo di lancio nella regione di Orenburg

Allo stesso tempo, Putin ha parlato del sistema missilistico strategico Avangard, che include il missile balistico intercontinentale (ICBM) UR-100N UTTKh con un’unità di manovra ipersonica, che “si distingue per la capacità di volare in strati densi dell’atmosfera a una velocità gamma intercontinentale, a una velocità ipersonica che supera il numero di Mach di oltre 20 volte. Secondo il presidente, “va sul bersaglio come un meteorite, come una palla di fuoco, la temperatura sulla superficie del prodotto è di 1600-2000 gradi Celsius” e “l’unità alata è controllata in modo affidabile”. Fino alla fine del 2022, le forze missilistiche strategiche (RVSN) della Russia dovrebbero ricevere il secondo reggimento degli Avangard. Il primo reggimento armato con questi sistemi missilistici ha assunto il servizio di combattimento nella divisione missilistica di Dombarovsk nella regione di Orenburg nel 2019.

Razzo ipersonico “Zircon”

Zircon
Zircon

Il missile da crociera antinave ipersonico Zircon, lanciato da navi e sottomarini, è progettato per distruggere le forze nemiche in mare, in particolare le portaerei. La portata massima dell’arma è di circa 500 chilometri. La velocità ipersonica di otto Mach, sviluppata dal razzo, rende praticamente impossibile distruggerlo con i sistemi di difesa antimissilistica (ABM) a disposizione dei potenziali avversari della Russia. Parlando del successo del lancio di test di missili ipersonici Zircon nel 2021, il presidente del paese ha osservato che “questo è un grande evento nella vita del paese e un passo significativo nel miglioramento della sicurezza della Russia, nell’aumento della sua difesa capacità“.

Le consegne di “Zircon” alle truppe inizieranno nel 2022. I missili saranno ricevuti sia dalle navi di superficie che dai sottomarini del progetto 885M Yasen-M.

“Yars”

Il sistema missilistico strategico PC-24 “Yars” con missili balistici intercontinentali mobili a combustibile solido e basati su silo con una testata multipla è uno dei principali missili strategici in Russia. È una profonda modifica del complesso Topol-M, testato per la prima volta nel 2007. Con una portata massima di 12mila chilometri, il missile può consegnare fino a quattro testate nucleari, individualmente con una capacità di 150-300 kilotoni (in TNT equivalente) ciascuna.

Sistema Triumph S-400

Triumph S-400
Triumph S-400

Il sistema missilistico antiaereo (SAM) S-400 “Triumph” è stato messo in servizio nel 2007. Progettato per rilevare tutti i principali mezzi di attacco aerospaziale a distanze fino a 600 chilometri e distruggerli a una distanza fino a 400 chilometri. Il sistema di difesa aerea, insieme ad altri sistemi russi, consente di formare un sistema di difesa aerea a strati che limita l’area di operazione degli aerei nemici. Le capacità dell’S-400 Triumph furono apprezzate da Turchia, India e Cina, che le acquistarono dalla Russia. Un ulteriore sviluppo di questi sistemi di difesa aerea è stato l’S-500 Prometheus, che consente di distruggere lo spazio e bersagli ipersonici. I primi complessi S-500 Prometheus nel 2021 hanno iniziato a ricevere il 15° esercito delle forze aerospaziali di scopo speciale, a copertura di Mosca.

Potrebbe interessarti: Russia vs Ucraina: Come si è arrivati ​​alla guerra

“Su-35”

Su-35
Su-35

Il caccia di generazione 4++ Su-35, che è una profonda modernizzazione del Su-27, è stato presentato al grande pubblico al MAKS nel 2007. Il velivolo si distingue, in particolare, per l’abitacolo rinforzato, l’uso di materiali invisibili ai radar e la presenza di una stazione radar multimodale (radar) H035 “Irbis” con un array di antenne a fasi. La velocità massima in modalità non postcombustione è Mach 1.1, l’autonomia di volo senza serbatoi di carburante esterni è di 3.000 chilometri e il carico di combattimento è fino a 8.000 chilogrammi. Oltre alla Russia, anche la Cina ha tali aerei.

“Admiral Nakhimov”

Admiral Nakhimov
Admiral Nakhimov

Il progetto 1144.2M “Orlan” dell’incrociatore missilistico a propulsione nucleare “Admiral Nakhimov” è stato messo in funzione nel 1988. Dal 2013 è in riparazione presso Sevmash . Si prevede che nel 2023 la nave sarà consegnata alle forze armate russe. Secondo il direttore generale della United Shipbuilding Corporation (USC) Alexei Rakhman, l’incrociatore diventerà la nave più potente della Marina russa. Tra le armi che riceverà l’ammiraglio Nakhimov ci sono il missile ipersonico Zirkon, il sistema di difesa aerea Pantsir-M e il complesso anti-sottomarino Paket-NK.

“Belgorod”

Il sottomarino nucleare speciale K-329 “Belgorod” del progetto 09852, che sarà sottoposto a test di stato nel 2022, diventerà il vettore dei siluri nucleari Poseidon. Putin ha parlato di quest’arma nello stesso 2018, anche se le prime informazioni su di essa come prodotto creato nell’ambito del progetto Status-6 sono trapelate alla stampa nel 2015. I droni subacquei “Poseidon“, dotati di una centrale nucleare, sono in grado di muoversi a grandissime profondità con una portata illimitata, hanno una bassa rumorosità e un’elevata manovrabilità. Secondo il capo dello stato, “mezzi che possano resistergli semplicemente non esistono nel mondo di oggi”. Secondo i resoconti della stampa, Poseidon può consegnare una bomba atomica con una capacità di diverse decine di megatoni (in TNT equivalenti) al bersaglio.