Perché il tanto temuto attacco di Putin all’Ucraina scuoterà l’America e il mondo

In una notte da incubo, segnata da un discorso del presidente ucraino Volodymyr Zelensky che sembrava un elogio per una democrazia, decenni di pace tra le nazioni del continente europeo si sono conclusi con forti esplosioni in diverse città ucraine

102
Perché il tanto temuto attacco di Putin all'Ucraina scuoterà l'America e il mondo
Perché il tanto temuto attacco di Putin all'Ucraina scuoterà l'America e il mondo

Proprio mentre i diplomatici in una riunione dell’ultimo minuto del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite chiedevano la pace, il fuoco russo ha iniziato a piovere sull’Ucraina.

In una notte da incubo, segnata da un discorso del presidente ucraino Volodymyr Zelensky che sembrava un elogio per una democrazia, decenni di pace tra le nazioni del continente europeo si sono conclusi con forti esplosioni in diverse città ucraine. In poche ore, il video in live streaming ha mostrato una colonna di veicoli militari varcare il confine tra Bielorussia e Ucraina. Fragorose esplosioni sono presto esplose sulla capitale Kiev, mentre le sirene dei raid aerei ululavano, annunciando una nuova pericolosa crisi per un mondo già scosso.
Il tanto temuto assalto del presidente Vladimir Putin si ripercuoterà ben oltre la Russia e il suo vicino. Porterà conseguenze tra cui picchi dolorosi nei prezzi del gas, già cresciuti molto negli ultimi mesi, durante la lotta per uscire da una pandemia che capita una volta in un secolo. E potrebbe riaccendere una Guerra Fredda che era sembrata una reliquia della storia, creando un nuovo precario stallo tra gli Stati Uniti e la Russia, le più grandi potenze nucleari del mondo. Il presidente Joe Biden svelerà la serie di sanzioni più punitive mai imposte contro la Russia quando si rivolgerà alla nazione più tardi.
(La) invasione è iniziata“, ha detto ai giornalisti Anton Gerashchenko, un consigliere del ministro degli interni ucraino, descrivendo attacchi missilistici su aeroporti e quartier generali militari a Kiev, mentre i giornalisti hanno assistito a esplosioni e colpi di artiglieria, l’inizio di un il conflitto che gli Stati Uniti hanno avvertito potrebbe costare migliaia di vite civili.
Putin, in un discorso televisivo non programmato pieno di false affermazioni sul genocidio perpetrato contro l’etnia russa nelle regioni orientali dell’Ucraina, ha dichiarato un’operazione per “smilitarizzare e denazificare l’Ucraina“. La sua azione ha ricordato le oscure manovre dei dittatori negli anni ’30 che hanno lanciato il mondo verso la seconda guerra mondiale. Il suo riferimento ai nazisti ha sollevato l’idea di epurazioni politiche e ha suggerito una mentalità apparentemente al limite della paranoia.
L’Ucraina è un’ex repubblica sovietica che è andata per la sua strada dopo il crollo del comunismo e ha rinunciato alle armi nucleari in cambio delle garanzie di sicurezza ora violate da Mosca. Ha espresso la sua volontà di avvicinarsi all’Occidente, ma Putin vede la sua ricerca di libertà come una minaccia al proprio governo autocratico e vuole assicurarsi che il paese non realizzi mai il suo sogno di adesione alla NATO.

L’America si trova improvvisamente ad affrontare una nuova pericolosa crisi

A parte la sfida all’ordine mondiale guidato dagli Stati Uniti e a quello che un tempo era conosciuto come il mondo libero, l’occidente pagherà un prezzo per questo attacco, anche se non è direttamente sotto tiro.
L’aumento dei prezzi del gas e l’inflazione sono certi. Il petrolio ha superato i 100 dollari al barile non appena è iniziato l’assalto russo.
E dal momento che Putin aveva chiesto il ritiro della NATO negli stati satelliti dell’ex Unione Sovietica che avevano aderito all’organizzazione, questa è anche la crisi dell’America. Gli Stati Uniti non invieranno truppe per combattere la Russia direttamente in Ucraina, dato che in quanto non membro della NATO, l’Ucraina non gode delle garanzie di difesa reciproca dell’alleanza. Ma è quasi certo che Washington dovrà inviare truppe per rafforzare i suoi alleati europei.
Le nazioni baltiche di Lettonia, Lituania ed Estonia sembrano improvvisamente vulnerabili e, a differenza dell’Ucraina, sono membri della NATO che gli Stati Uniti devono difendere per trattato. C’è anche la possibilità di un’insurrezione finanziata dagli Stati Uniti in Ucraina, aumentando la rischiosa prospettiva di una nuova guerra per procura tra Washington e Mosca.
Più in generale, l’attacco di Putin all’Ucraina è un’altra sfida al potere globale dell’America. La democrazia liberale ora deve affrontare una terribile sfida, non solo da una Russia revanscista, ma da una superpotenza autoritaria in crescita quale è la Cina. E a differenza della Guerra Fredda, quando tutti i partiti sono rimasti fermi di fronte a 40 anni di lotta contro il comunismo, la democrazia in occidente sembra vacillare.
La vera natura dell’assalto russo, e il suo significato per il resto del mondo, è brillato attraverso un toccante discorso di Zelensky, che ha affermato di aver chiamato Putin in precedenza e di aver ottenuto solo il silenzio sulla linea.
Implorando il popolo russo nella loro lingua, Zelensky ha detto: “Vi è stato detto che questo incendio libererà il popolo ucraino. Ma il popolo ucraino è libero“.
Il presidente ucraino, un ex attore comico ora incaricato di raccontare una tragedia nazionale, ha detto ai russi: “Vogliamo determinare da soli la nostra storia. In pace, calma e onestà“. E in un brivido a parte, ore prima che i cannoni risuonassero di nuovo su un continente macchiato del sangue di milioni di persone perse nelle guerre dei tiranni, Zelensky ha ricordato la lezione che le battaglie localizzate raramente rimangono così in una regione maledetta dalla storia – un punto sottolineato da le decine di migliaia di tombe statunitensi in Europa da due guerre mondiali. “Questo passo può diventare l’inizio di una grande guerra nel continente europeo“, ha affermato.
L’ex segretario alla Difesa degli Stati Uniti William Cohen, parlando con Anderson Cooper della CNN, ha fatto un punto simile. “Iniziare una guerra in un luogo arido, per così dire, può innescare un incendio selvaggio“, ha detto.

Un rischio per Putin

L’entità e la durata dell’operazione guidata da decine di migliaia di soldati russi ammassati intorno l’Ucraina non è ancora certa. Ma il suo scopo è chiaro. Un leader autocratico russo ha scelto di privare milioni di ucraini del diritto di prendere le proprie decisioni sul proprio paese e sul suo futuro. La loro ovvia preferenza non è quella di essere governati dalla Russia.
Un alto funzionario statunitense che ha familiarità con l’ultima intelligence statunitense ha affermato che la prima valutazione era che questo sia l’inizio della piena invasione russa da tempo prevista dagli Stati Uniti. Putin si è a lungo irritato contro quella che vede come mancanza di rispetto da parte dell’America dopo la Guerra Fredda e l’espansione orientale della NATO fino a comprendere ex alleati sovietici come Polonia, Romania e Ungheria. Questo spiega perché il conflitto potrebbe essere localizzato in Ucraina, ma è anche una sfida più ampia per Washington.
Tra i primi fumi della guerra, è troppo presto per dire l’entità della resistenza che i russi dovranno affrontare, se rovesciassero il governo in Ucraina o se l’invasione provocherà un’insurrezione che potrebbe uccidere le truppe russe e creare condizioni che potrebbero sfidare il regime di Putin.
Un esperto di Russia, l’ex alto ufficiale della CIA Paul Kolbe, ha affermato che l’invasione di una nazione più grande della Francia o della Germania potrebbe alla fine creare una situazione insostenibile per i russi ed è un’enorme scommessa.
Putin cercherà di ingoiare un porcospino qui e sarà difficile per l’orso russo digerirlo“, ha detto Kolbe.
Questo è un conflitto che si estenderà per mesi e anni, indipendentemente dal fatto che l’invasione vada bene per Putin o meno. Cambierà la forma dell’Europa e stabilirà linee di conflitto durature all’interno dell’Ucraina e ai confini dell’Ucraina con l’Occidente“, ha aggiunto.
Qualche istante prima dell’inizio dell’assalto, i diplomatici si erano radunati nella camera del Consiglio di sicurezza dell’ONU per un incontro presieduto, in un’amara stravaganza del programma mondiale, dall’ambasciatore russo.
Il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha lanciato un ultimo disperato appello per fermare l’invasione.
Ho solo una cosa da dire dal profondo del mio cuore. Presidente Putin, impedisca alle sue truppe di attaccare l’Ucraina. Dai una possibilità alla pace. Troppe persone sono già morte“.
Era già troppo tardi.