Australia e Nuova Zelanda inaspriscono i blocchi in risposta alla maggiore diffusione del Covid

Il blocco di due mesi di Sydney sarà esteso almeno fino alla fine di settembre e le maschere dovranno essere indossate all’esterno mentre l’epidemia della variante delta di Covid-19 nella città più popolosa dell’Australia peggiora e ora coinvolge pure la Nuova Zelanda.

Il Nuovo Galles del Sud ha registrato 642 nuovi casi venerdì, ha detto ai giornalisti il ​​premier Gladys Berejiklian. Da lunedì, l’uso della mascherina all’aperto sarà obbligatorio, tranne quando si fa attività sportiva, in tutte le regioni dello stato, ha affermato. Verrà imposto il coprifuoco nelle aree della parte occidentale di Sydney più colpite dall’epidemia.

Altre quattro persone sono morte a causa del virus, ha detto il governo statale.

In Nuova Zelanda, le autorità hanno collegato l’epidemia di Sydney ad almeno 30 casi locali, cosa che ha spinto il primo ministro Jacinda Ardern ad annunciare che  il blocco nazionale di tre giorni del paese, che doveva essere revocato venerdì, sarà esteso almeno fino a martedì.

Chiediamo a tutti di sopportare un po’ di dolore per proteggere le vite fino a quando non aumenteremo i tassi di vaccinazione“, ha detto Berejiklian. “Non esiste una risposta semplice alla variante delta: i blocchi brevi e bruschi non sempre funzionano“.

L’annuncio di Berejiklian arriva mentre l’epidemia iniziata a Sydney continua a diffondersi anche in altre aree della nazione, che giovedì ha registrato il conteggio giornaliero più alto dall’inizio della pandemia. Più della metà dei 26 milioni di australiani è in isolamento, anche a Melbourne. Lo stato di Victoria ha rilevato 55 casi di trasmissione locale venerdì.

 

Le epidemie stanno esercitando una pressione senza precedenti sulla cosiddetta strategia Covid Zero perseguita sia dall’Australia che dalla Nuova Zelanda dall’inizio della pandemia. Chiudendo i confini ed eliminando i casi di trasmissione comunitaria che si sono diffusi nei loro paesi attraverso rigide misure di blocco, le nazioni hanno evitato le ondate di morti osservate nella maggior parte degli altri paesi.

Ora, la natura altamente infettiva della variante delta del coronavirus sta iniziando a far sembrare irrealizzabili le speranze di alcune autorità di mantenere il loro status di Covid Zero a lungo termine.

L’attenzione si sta invece concentrando sull’aumento dei tassi di inoculazione tardivi: Vaccine Tracker di Bloomberg mostra che l’Australia ha fornito entrambe le dosi solo per il 22% della sua popolazione e la Nuova Zelanda per il 19%, dietro alla maggior parte delle altre nazioni sviluppate.

Il primo ministro Scott Morrison è stato sottoposto a crescenti pressioni per accelerare campagna vaccinale, che è stata ostacolata dai ritardi nelle forniture. Il messaggio della sua coalizione di governo, insieme al governo statale di Berejiklian, si è ora rivolto ad avvertire gli australiani che dovranno convivere con la variante delta a tempo indeterminato.

Dobbiamo essere sinceri con il pubblico e ammettere che ci saranno più casi“, ha detto il tesoriere australiano Josh Frydenberg in un’intervista televisiva venerdì. “Ci saranno morti. Ma non possiamo vivere in isolamento per sempre. Questo è il nostro messaggio“.

Altri leader statali e territoriali avvertono che il New South Wales non dovrebbe allentare alcuna restrizione mentre il numero dei casi rimane elevato, indipendentemente dai tassi di vaccinazione.

Il premier dell’Australia occidentale Mark McGowan – forse il più severo aderente della nazione all’approccio di tolleranza zero – ha affermato di essere pronto a mantenere il suo stato isolato dal Nuovo Galles del Sud indipendentemente dai tassi di vaccinazione nel tentativo di tenere fuori va variante delta.