Home Scenari Venti di guerra: La Cina addestra i droni per la difesa dai...

Venti di guerra: La Cina addestra i droni per la difesa dai jet da combattimento – video

La Cina ha costruito un sistema basato sull'intelligenza artificiale in grado di insegnare ai droni da combattimento a vincere gli scontri aerei

363
Droni da combattimento cinesi
Droni da combattimento cinesi

La Cina ha condotto un’esercitazione per simulare un combattimento aereo tra un drone ed un aereo con e senza equipaggio 

Secondo i rapporti, i ricercatori cinesi hanno affermato di aver costruito un sistema basato sull’intelligenza artificiale in grado di insegnare ai droni da combattimento a vincere gli scontri aerei risultando migliaia di volte più efficaci della tecnologia statunitense comparabile.

I ricercatori hanno scritto sulla rivista interna peer-reviewed Acta Aeronautica et Astronautica Sinica il 28 gennaio che la maggiore velocità di apprendimento potrebbe aiutare il drone a rilevare le “manovre elusive” dei piloti umani, ridurre il carico di lavoro su un chip del computer e superare gli avversari in termini complessi nel combattimento aereo su larga scala.

Potrebbe interessarti: Metaverso: 5 cose da sapere

“L’algoritmo in questo documento può essere esteso a un combattimento aereo con più agenti di intelligenza artificiale, che sarà più vicino alla situazione reale in un campo di battaglia”, sostengono i ricercatori del China Aerodynamics Research and Development Center di Mianyang, nella provincia di Sichuan. Il sistema è stato messo alla prova simulando il combattimento tra un drone e un jet da combattimento.

Questo sviluppo arriva poco meno di due anni dopo che la DARPA (Defense Advanced Research Project Agency) degli Stati Uniti ha condotto un esercizio simile. Secondo il suo sito web, l’evento della DARPA era una competizione di tre giorni “intesa a dimostrare algoritmi avanzati in grado di eseguire manovre di combattimento aereo simulate, entro il raggio visivo.

Nell’esercizio, un diplomato del corso per istruttori di armi F-16 della US Air Force Weapons School è stato battuto cinque volte di seguito da un pilota guidato dall’IA in un combattimento aria-aria simulato.

Inoltre, l’attuale esercitazione basata sull’IA per addestrare i droni ad un combattimento aereo, potrebbe non essere stato il primo per la Cina. L’anno scorso, l’aeronautica militare cinese del comando del teatro centrale del PLA ha simulato un combattimento aereo in cui un pilota di grande esperienza è stato abbattuto da un aereo guidato dall’intelligenza artificiale, come riportato dall’EurAsian Times.

All’epoca, il media statale cinese Global Times citava un rapporto del PLA Daily, la newsletter ufficiale dell’esercito, sull’esercizio di simulazione. Tuttavia, non ha specificato quali aeromobili fossero impiegati nell’esercitazione.

Le capacità di combattimento della Cina sono migliori di quelle degli Stati Uniti?
I sistemi di intelligenza artificiale sono stati testati contro piloti di caccia F-16 in una competizione simile negli Stati Uniti. Heron Systems, con sede nel Maryland, è emersa vittoriosa nelle prove AlphaDogfight. Il sistema Heron aveva sconfitto i piloti in tutti e cinque i combattimenti aerei, richiedendo oltre 4 miliardi di round di “addestramento”.

Tuttavia, in netto confronto, secondo i ricercatori del Sichuan, ci sono volute solo “800.000 simulazioni” affinché il sistema cinese vincesse la maggior parte delle sue battaglie, ha affermato SCMP.

In precedenza, piloti esperti utilizzavano una picchiata profonda come ultima risorsa per far precipitare il drone a terra in una guerra simulata. Tuttavia, secondo l’autore principale Huang Jiangtao e i suoi colleghi, la nuova IA ha previsto la trappola e si è tirata su all’ultimo secondo, rimanendo in coda dell’avversario.

La tecnica originale per l’apprendimento automatico, secondo Huang, era dispendiosa poiché i computer ripetevano semplicemente i round di allenamento “alla cieca”, con ogni nuova sessione basata su dati casuali creati da esercizi precedenti. Poiché gran parte dei dati sono inutili, un computer potrebbe impiegare molto tempo per migliorare le proprie prestazioni.

Secondo Huang, il loro nuovo sistema di intelligenza artificiale è stato discriminatorio, selezionando solo i dati migliori per il round successivo

Nonostante il modello di apprendimento utilizzato fosse paragonabile a quello utilizzato da Heron e altri, il metodo di selezione ha prodotto una differenza significativa nella curva di apprendimento dell’IA. Per i motivi forniti dall’autore principale, il match di simulazione cinese avrebbe potuto funzionare meglio di quello degli Stati Uniti. La Cina sembra aver capito il deficit della tecnica che le ha permesso di ottenere risultati simili in simulazioni significativamente inferiori.

La svolta dell’IA in Cina

Secondo Huang, la macchina stava già volando costantemente come un pilota professionista dopo solo 80.000 round di allenamento. In una battaglia simulata utilizzando jet da combattimento J-10, un pilota aveva un vantaggio nei primi 30 secondi, ma la caccia si è trasformata bruscamente e non è riuscito a resistere alla macchina per più di 12 minuti.

Si prevede che i droni svolgeranno un ruolo crescente nella difesa, come è stato dimostrato negli ultimi tempi in varie zone di conflitto in tutto il mondo. Le attuali difese del paese sono vulnerabili ai droni statunitensi molto economici dotati di tecnologia stealth di ultima generazione, che potrebbero disabilitare i sistemi di comando centralizzati dell’esercito cinese.

Secondo il ricercatore dell’aeronautica, il maggiore generale Fei Aiguo, in risposta, l’Esercito popolare di liberazione ha iniziato a decentralizzare parti delle sue truppe da combattimento e ad assicurare flessibilità contro una potenziale invasione degli Stati Uniti con l’uso di droni alimentati dall’intelligenza artificiale simili.

Tuttavia, Fei e i suoi colleghi hanno dichiarato in un rapporto pubblicato sulla rivista Command Information System and Technology in ottobre che il sistema di intelligenza artificiale deve aumentare le sue capacità e imparare più velocemente dall’ambiente in continua evoluzione.

La maggior parte dei droni militari sono costruiti per la sorveglianza, l’allarme rapido, la comunicazione o l’attacco a bersagli a terra. Secondo alcuni specialisti militari, questi sistemi non possono gestire azioni sofisticate e veloci come i combattimenti aerei poiché una grande quantità di calcoli deve essere eseguita rapidamente.

Un altro problema è che la maggior parte dei chip per computer militari sono stati progettati con una tecnologia più lenta e conservativa per resistere ad ambienti difficili come calore intenso, pressione e disturbi elettromagnetici.

L’obiettivo principale del programma di intelligenza artificiale militare cinese è creare nuovi algoritmi in grado di estrarre prestazioni elevate da una macchina lenta. L’industria cinese dei droni ha visto un boom negli ultimi tempi poiché i suoi droni da combattimento hanno trovato popolarità tra gli acquirenti stranieri. Solo pochi giorni fa, il drone cinese WJ-700 con capacità di combattimento e raccolta di informazioni ha preso il volo per la prima volta, come riportato da EurAsian Times.

I droni cinesi hanno guadagnato una notevole popolarità in tutto il mondo, in particolare in Medio Oriente, che è emerso come il più grande cliente degli UAV cinesi Wing Loong. Anche il Wing Loong 1E, una nuova variante realizzata completamente in materiali compositi, è entrato a far parte della famiglia Wing Loong. È interessante notare che viene confrontato con le American Grey Eagles da osservatori militari.

Poiché i ricercatori cinesi creano sistemi di intelligenza artificiale più avanzati, in futuro si potrebbero ottenere risultati ancora migliori nei combattimenti aerei con i droni.