Come realizzare un elettromagnete

Più l' elettromagnete è potente più ha la forza per spostare oggetti d'acciaio molto più grandi e molto più pesanti

545

A volte è utile avere degli elettromagneti da accendere e spegnere. Ad esempio, usano i magneti per estrarre lattine di acciaio dai rifiuti generici e poi spostarle negli appositi contenitori di riciclaggio.

Più l’elettromagnete è potente più ha la forza per spostare oggetti d’acciaio grandi e pesanti, ad esempio per spostare le auto in un autodemolitore. Questi tipi di magneti non permanenti sono noti come elettromagneti; non a caso perché usano l’elettricità.

Realizzare un elettromagnete è abbastanza semplice e puoi divertirti cercando di migliorarlo.

Materiali necessari

  • Picchetto in acciaio. assicurati che non sia un picchetto in alluminio morbido che viene spesso incluso con le tende da escursione perché non funzionerà; puoi usare, in alternativa, un’asta d’acciaio, mentre una barra d’acciaio o dei cacciaviti sono la scelta più ovvia, ma funzionerà anche un grosso bullone o un chiodo;
  • Batterie AA da 1,5 V;
  • Nastro isolante, per unire le batterie, collegare i cavi ai terminali e per utilità generale;
  • Cavo di rete e fasci di fili isolati sottili, un cavo di rete contiene 8 supporti di filo separati (ne serve solo 1): dovrai sbrogliarlo. In alternativa, il cavo telefonico sulla tua rete fissa è anche un’ottima alternativa. Il cavo elettrico domestico a 3 conduttori è troppo spesso.

Assemblaggio

  • Prendere l’asta d’acciaio e avvolgerlo con un sottile filo isolato;
  • Il filo va avvolto lungo l’asta per circa 20 cm. Tenere gli avvolgimenti stretti e ravvicinati. A pochi cm dall’estremità del picchetto, riavvolgerlo. Continuare a farlo finché non resteranno circa 20 cm di filo in modo da poterlo collegare alla batteria. Per impedire al filo di svolgersi si può fissare con del nastro adesivo all’asta.
  • Rimuovere alcuni cm di isolante da ciascuna estremità del filo. Si può fare con le unghie poiché l’isolante è molto sottile;
  • Unire un paio di batterie da 1,5 V con il nastro collegando i poli opposti. Questo darà un totale di 3v. Assicurarsi che i terminali positivo e negativo si tocchino quando si mette il ​​nastro;
  • Ora si deve fissare un’estremità del cavo al polo negativo della batteria (il lato piatto). Non fissare l’altra estremità al terminale positivo altrimenti non si sarà in grado di spegnere l’elettromagnete.
elettromagnete

Ora avremo un’asta d’acciaio avvolta con un sottile filo isolato e un paio di batterie AA fissate con del nastro adesivo. Le estremità dei cavi collegate ai poli delle batterie. A questo punto l’elettromagnete è finito.

Fatto!

Sarai sorpreso di quanto sia forte il tuo elettromagnete.

Con il tuo elettromagnete fai-da-te puoi sollevare puntine da disegno, un cucchiaio o un’asta d’acciaio più piccola. Metti alla prova la forza del tuo elettromagnete pesando l’oggetto più pesante che può sollevare. Oppure caricalo con tante piccole cose e pesale.

Migliorie

La tensione – In che modo la tensione influisce sulla potenza del magnete? Provare una singola batteria da 1,5 V o aggiungere altre batterie aumentando la tensione a 4,5 V o 6 V.

Gli avvolgimenti – Se si possiede del filo più lungo, avvolgerlo attorno all’asta creando un maggior numero di spire.

Il diametro dell’asta d’acciaio fa la differenza? – Provare a creare un elettromagnete da qualcosa di veramente insolito… un paio di forbici, una chiave inglese o un righello d’acciaio.

L’uso prolungato dell’elettromagnete scaricherà rapidamente le batterie.

La bobina del filo diventa piuttosto calda dopo un po’ di utilizzo. Dipende da quanto sono spessi gli avvolgimenti e da quanto è lunga l’asta. Se si applica troppa tensione, il marchingegno potrebbe diventare abbastanza caldo da iniziare a fondere o almeno a fondere l’isolamento. Stai attento.