Venti di guerra: gli USA esortano i cittadini statunitensi in Ucraina a lasciare il paese mentre sono allo studio spostamenti di truppe

Il Dipartimento di Stato USA ha raccomandato domenica che tutti i cittadini statunitensi in Ucraina lascino immediatamente il Paese, citando la straordinaria concentrazione militare russa al confine

334
Venti di guerra: gli USA esortano i cittadini statunitensi in Ucraina a lasciare il paese mentre sono allo studio spostamenti di truppe
Venti di guerra: gli USA esortano i cittadini statunitensi in Ucraina a lasciare il paese mentre sono allo studio spostamenti di truppe

Il Dipartimento di Stato USA ha raccomandato domenica che tutti i cittadini statunitensi in Ucraina lascino immediatamente il Paese, citando la straordinaria concentrazione militare russa al confine.

La nostra raccomandazione ai cittadini statunitensi attualmente in Ucraina è che dovrebbero prendere in considerazione la partenza ora utilizzando opzioni di trasporto commerciali o private disponibili”, ha detto domenica sera un alto funzionario del Dipartimento di Stato in una telefonata con i giornalisti.

Per mesi, l’Occidente ha assistito a uno straordinario dispiegamento di forze e mezzi da parte della Russia al confine con l’Ucraina.

La concentrazione di forze ha evocato l’annessione della Crimea da parte della Russia nel 2014, che ha innescato una serie di sanzioni contro Mosca. L’annessione della Crimea ha visto anche la rimozione della Russia dal G-8, il gruppo delle otto maggiori economie globali.

Le condizioni di sicurezza, in particolare lungo il confine con l’Ucraina e nella Crimea occupata dalla Russia e nell’Ucraina orientale controllata dalla Russia, sono imprevedibili e possono deteriorarsi con poco preavviso”, ha aggiunto il funzionario, che ha parlato a condizione di anonimato per condividere i dettagli.

Un secondo alto funzionario del Dipartimento di Stato ha affermato di non essere in grado di fornire il numero esatto di cittadini statunitensi residenti o attualmente in viaggio in Ucraina. “I cittadini statunitensi non sono tenuti a notificare quando viaggiano in un paese straniero e non manteniamo un elenco completo”, ha spiegato il funzionario.

Il Dipartimento di Stato ha inoltre ordinato ai familiari idonei del personale presso la sua ambasciata a Kiev di lasciare il Paese a causa del deterioramento delle condizioni di sicurezza.
Il segretario di Stato americano Antony Blinken e il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov si trasferiscono al loro posto prima del loro incontro, a Ginevra, in Svizzera, il 21 gennaio 2022.

Il segretario di Stato Antony Blinken ha detto venerdì al suo omologo russo che il Cremlino potrebbe disinnescare le tensioni e le preoccupazioni su una potenziale invasione rimuovendo un dispiegamento di 100.000 soldati ed equipaggiamenti lontano dai confini dell’Ucraina.

L’incontro tra Blinken e il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov è avvenuto quando funzionari occidentali, incluso il presidente Joe Biden, hanno affermato di aspettarsi che Mosca lanci un’incursione in Ucraina. L’intelligence statunitense ha indicato  che la Russia potrebbe attaccare entro un mese.

Gli Stati Uniti non sono convinti dell’affermazione della Russia secondo cui non si stanno preparando per un’invasione del loro vicino ex sovietico, ha detto Blinken.

Se la Russia vuole iniziare a convincere il mondo che non ha intenzioni aggressive nei confronti dell’Ucraina, un ottimo punto di partenza sarebbe ridurre l’escalation rimuovendo queste forze dai confini”, ha detto Blinken ai giornalisti.

Noi e tutti i nostri alleati e partner siamo ugualmente impegnati ad assicurarci di fare tutto il possibile per chiarire alla Russia che ci sarà una risposta rapida, severa e unita a qualsiasi forma di aggressione da parte della Russia diretta all’Ucraina”, ha aggiunto Blinken .

Nel frattempo, i funzionari russi hanno ripetutamente invitato gli Stati Uniti a impedire un’espansione verso est della NATO, l’alleanza militare più potente del mondo. La Russia  ha anche chiesto agli Stati Uniti di  “non stabilire basi militari” nei territori di alcuno stato dell’ex Unione Sovietica che non sia già membro della NATO, o di “utilizzare le loro infrastrutture per qualsiasi attività militare o sviluppare con loro una cooperazione militare bilaterale”.

Dal 2002, l’Ucraina sta chiedendo di entrare nella NATO, anche per la clausola dell’articolo 5 dell’alleanza che afferma che un attacco a un paese membro è considerato un attacco a tutti loro.

Alla domanda su tali richieste venerdì, Blinken ha affermato che gli Stati Uniti, così come l’alleanza della NATO, non negozieranno i termini di ingresso dei propri membri con il Cremlino.

Abbiamo bisogno di garanzie ferree, impermeabili, a prova di proiettile e legalmente vincolanti. Non assicurazioni, ma garanzie”, ha detto ai giornalisti il ​​viceministro degli Esteri russo Sergei Ryabkov durante una conferenza stampa del 10 gennaio.

Intanto, la CNN ha riferito che il Dipartimento della Difesa sta lavorando a una serie di opzioni militari che potrebbero essere attivate per rafforzare la presenza militare statunitense nell’Europa orientale come deterrente se la Russia invadesse l’Ucraina, secondo due funzionari della difesa. “Stiamo esplorando una vasta gamma di opzioni su come rafforzare militarmente i nostri alleati“, ha affermato il primo funzionario. Queste opzioni sarebbero probabilmente supportate anche da sanzioni.

L’obiettivo di qualsiasi rinforzo militare nell’Europa orientale sarebbe quello di fornire deterrenza e rassicurazione agli alleati. Le opzioni potrebbero includere “il movimento di risorse e forze già in Europa e anche risorse e forze disponibili al di fuori dell’Europa“, ha affermato il funzionario la scorsa settimana. Un’invasione russa “sarebbe certamente un fattore scatenante” per spostare le truppe e le risorse statunitensi. Ma alcune forze potrebbero essere utilizzate anche in altri scenari di esercitazione. E qualsiasi vendita di armi sarebbe considerata in qualche modo una questione separata dai movimenti delle truppe.
In generale, l’obiettivo militare degli Stati Uniti sarebbe quello di “soddisfare le capacità” richieste dagli alleati della NATO nella regione, ha affermato il funzionario. Le forze statunitensi potrebbero operare, come già fanno, unilateralmente in Europa, ma potrebbero anche operare sotto le strutture di comando NATO esistenti.
Inoltre, le forze speciali statunitensi continuano nell’addestramento delle forze operative speciali ucraine all’interno dell’Ucraina. “La nostra missione di addestramento in corso in Ucraina svolge un ruolo importante nello sviluppo delle forze operative speciali ucraine attraverso regolari esercitazioni di addestramento“, ha detto alla Galileus Web un portavoce dello Special Operations Command Europe degli Stati Uniti.
Questi sforzi per migliorare le capacità delle forze operative speciali promuovono la stabilità regionale. Ciò non sarebbe possibile senza l’enorme sostegno del governo ucraino e della leadership del ministero della Difesa. In particolare, SOCEUR si concentra sulla formazione per i bisogni immediati e sullo sviluppo del personale SOF ucraino (UKRSOF) per sviluppare la capacità delle forze speciali ucraine mentre si preparano per il dispiegamento. Inoltre, sottolineiamo l’addestramento a livello tattico e lo sviluppo della leadership. Infine, assistiamo nella certificazione dell’UKRSOF fornendo consulenza durante la loro partecipazione a esercitazioni nazionali e multinazionali“.