Uomini e donne rispondono in modo diverso ai disastri naturali

Le donne, durante le emergenze, vengono meno considerate, eppure la loro percezione del pericolo è più realistica di quella degli uomini

204
Uomini e donne rispondono in modo diverso ai disastri naturali
Uomini e donne rispondono in modo diverso ai disastri naturali

Le donne sono più veloci a mettersi al riparo o prepararsi ad evacuare durante un’emergenza, ma spesso hanno difficoltà a convincere gli uomini a farlo, suggerisce un nuovo studio dell’Università del Colorado Boulder su come il genere influenza la risposta ai disastri naturali.

La ricerca ha anche scoperto che i ruoli di genere tradizionali tendono a riemergere all’indomani dei disastri, con le donne relegate al ruolo importante ma isolante di casalinga mentre gli uomini si concentrano sulle finanze e sulle attività di comunità.

Anche le agenzie incaricate di fornire assistenza, a volte, chiedono ancora di parlare con “l’uomo di casa“, riferiscono i ricercatori.

“Abbiamo scoperto che ci sono molte barriere che svantaggiano le donne in caso di disastro, lasciandole indietro quando si tratta di prendere decisioni e potenzialmente rallentando la loro guarigione”, ha affermato l’autrice principale Melissa Villarreal, studentessa di dottorato presso il Dipartimento di Sociologia e assistente di ricerca presso il Natural Hazards Center.

Per lo studio i ricercatori hanno analizzato una serie di interviste approfondite con 33 donne e 10 uomini in due città del Texas. Alcuni degli intervistati provenivano da Granbury, che nel 2013 è stata colpita da un tornado EF-4 che uccise sei persone, lasciando una scia di distruzione larga un chilometro e mezzo, danneggiando 600 case. Altri provenivano dall’ovest, dove nello stesso anno un’esplosione in un’azienda di fertilizzanti uccise 15 persone e distrusse 100 case.

Ai residenti è stato chiesto quali fossero le loro esperienze nel mezzo e l’anno successivo al disastro. Sebbene le circostanze che circondano gli eventi fossero molto diverse, sono emersi modelli comuni influenzati dal genere.

“Spesso diamo per scontato che uomini e donne risponderanno allo stesso modo a questo tipo di stimoli esterni, ma stiamo scoprendo che non è proprio così”, ha affermato Meyer, direttore del Hazard Reduction and Recovery Center presso il Texas A&M.

Correlato: Spera nel meglio ma preparati per il peggio

In un’intervista, una donna di Granbury ha raccontato di essersi accovacciata nell’armadio con i suoi figli, implorando suo marito – che stava guardando il tornado fuori dalla finestra – di entrare e unirsi a loro. In un altro caso, una donna ha resistito al piano del marito di salire in macchina e allontanarsi dalla tempesta, preferendo ripararsi sul posto. Alla fine ha ceduto, e sono rimasti bloccati in macchina, i bambini sul sedile posteriore, spinti dal vento mentre il tornado sferzava.

“Le donne sembravano avere una percezione del rischio e un desiderio di azione protettiva diversi rispetto agli uomini, ma gli uomini spesso determinano quando e quale tipo di azione intraprendono le famiglie”, ha scritto Villareal. “In alcuni casi, questo ha messo le donne e le loro famiglie in pericolo maggiore”.

I risultati sono gli ultimi di una serie di studi che hanno rilevato che le donne tendono ad avere una maggiore percezione del rischio, ma poiché sono considerate “paurose”, a volte non vengono prese sul serio.

Le donne nel nuovo studio si sono anche lamentate del fatto che le organizzazioni di recupero tendevano a chiamare gli uomini della famiglia per sapere dove indirizzare gli aiuti, anche quando le donne avevano compilato i moduli che li richiedevano.

“L’eliminazione del modello di capofamiglia maschile è fondamentale per accelerare la ripresa generale della famiglia”, concludono gli autori.

Correlato: I disastri naturali che misero quasi fine al mondo

Durante i soccorsi, le donne vengono spesso incaricate di compiti relativi “alla sfera privata” come riordinare la casa e prendersi cura dei bambini mentre le scuole restano chiuse, ma spesso si sono sentite escluse dai ruoli di leadership nei progetti di recupero della comunità.

“Se la tua prospettiva non viene presa in considerazione e ti senti isolato, ciò può ostacolare il recupero della salute mentale”, ha detto Villareal.

Di recente ha intrapreso uno studio separato, ambientato a Houston, che esamina le sfide uniche che le popolazioni immigrate messicane stanno affrontando all’indomani dell’uragano Harvey, che ha colpito la regione nel 2017.

In definitiva, vorrebbe vedere le agenzie governative considerare le differenze di genere durante la creazione di avvisi di calamità e dare la priorità alla fornitura di assistenza all’infanzia dopo il disastro in modo che le donne possano svolgere un ruolo maggiore negli sforzi della comunità.

“Se riusciamo a mettere da parte le forme di pregiudizio razziale e di genere e ascoltare tutte le persone che raccontano le loro storie su ciò che le sta colpendo, ciò potrebbe fare molto per aiutare le comunità a riprendersi”, ha affermato Villarreal.

Correlato: Catena di approvvigionamento: funzioni e rischi