Facebook vuole aiutarti a connetterti con Dio. Su Facebook

Mesi prima che la megachiesa Hillsong aprisse il suo nuovo avamposto ad Atlanta, il suo pastore chiese consiglio su come costruire una chiesa in caso di pandemia.

A Facebook.

Il gigante dei social media aveva una proposta, Sam Collier, il pastore, ha ricordato in un’intervista: usare la chiesa come caso di studio per esplorare come le chiese possono “andare oltre su Facebook“.

Per mesi gli sviluppatori di Facebook si sono incontrati settimanalmente con Hillsong ed hanno esplorato come sarebbe stata la chiesa su Facebook e quali app creare per donazioni finanziarie, funzionalità video o live streaming.

Quando è arrivato il momento dell’inaugurazione di Hillsong a giugno, la chiesa ha emesso un comunicato stampa dicendo che stava “collaborando con Facebook” e ha iniziato a trasmettere i suoi servizi esclusivamente sulla piattaforma.

Oltre a ciò, Collier non poteva condividere molti dettagli; aveva firmato un accordo di non divulgazione.

Ci stanno insegnando; gli stiamo insegnando“, ha detto. “Insieme stiamo scoprendo quale potrebbe essere il futuro della chiesa su Facebook”.

Facebook, che ha recentemente superato $ 1 trilione di capitalizzazione di mercato, può sembrare un partner insolito per una chiesa il cui obiettivo principale è condividere il messaggio di Gesù. Ma negli ultimi anni l’azienda ha coltivato collaborazioni con un’ampia gamma di comunità di fede, dalle singole congregazioni alle grandi denominazioni, come le Assemblee di Dio e la Chiesa di Dio in Cristo.

Ora, dopo che la pandemia di coronavirus ha spinto i gruppi religiosi a esplorare nuovi modi di operare, Facebook ha visto un’opportunità strategica ancora maggiore per attirare utenti altamente coinvolti sulla sua piattaforma.

Facebook vuole aiutarti a connetterti con Dio, su Facebook

L’azienda mira a diventare la casa virtuale per la comunità religiosa e vuole che chiese, moschee, sinagoghe e altri incorporino la loro vita religiosa nella sua piattaforma, dall’ospitare servizi di culto e socializzare in modo più informale alla richiesta di denaro.

Sta sviluppando nuovi prodotti, tra cui l’audio e la condivisione della preghiera, destinati ai gruppi di fede.

La vita religiosa virtuale non sostituirà presto la comunità di persona e anche i sostenitori riconoscono i limiti di un’esperienza esclusivamente online. Ma molti gruppi religiosi vedono nuove opportunità per influenzare spiritualmente ancora più persone su Facebook, la società di social media più grande e probabilmente più influente del mondo.

Le partnership rivelano come Big Tech e religione stiano convergendo ben oltre il semplice trasferimento di servizi su Internet. Facebook sta plasmando il futuro dell’esperienza religiosa stessa, come ha fatto per la vita politica e sociale.

Lo sforzo dell’azienda di corteggiare i gruppi religiosi arriva mentre sta cercando di riparare la sua immagine tra gli americani che hanno perso fiducia nella piattaforma, in particolare su questioni di privacy.

Facebook ha affrontato un esame approfondito per il suo ruolo nella crescente crisi della disinformazione del paese e nel crollo della fiducia della società, in particolare riguardo alla politica, e le autorità di regolamentazione si sono preoccupate per il suo potere fuori misura.

Il presidente Joe Biden ha recentemente criticato l’azienda per il suo ruolo nella diffusione di informazioni false sui vaccini COVID-19.

Voglio solo che le persone sappiano che Facebook è un luogo in cui, quando si sentono scoraggiate, depresse o isolate, possono andare e connettersi immediatamente con un gruppo di persone che si prendono cura di loro“, lo ha detto in un’intervista Nona Jones, il direttore dell’azienda per le partnership religiose globali e un ministro non confessionale.

Il mese scorso, i dirigenti di Facebook hanno lanciato i loro sforzi ai gruppi religiosi in un vertice di fede virtuale. Sheryl Sandberg, direttore operativo dell’azienda, ha condiviso un hub di risorse online con strumenti per creare congregazioni sulla piattaforma.

Le organizzazioni religiose e i social media sono una scelta naturale perché fondamentalmente entrambi riguardano la connessione“, ha affermato Sandberg.

La nostra speranza è che un giorno le persone ospitino servizi religiosi anche in spazi di realtà virtuale o utilizzino la realtà aumentata come strumento educativo per insegnare ai propri figli la storia della propria fede“, ha affermato.

Il summit di Facebook, che assomigliava a un servizio religioso, includeva testimonianze di leader religiosi su come Facebook li ha aiutati a crescere durante la pandemia.

L’imam Tahir Anwar della South Bay Islamic Association in California ha affermato che la sua comunità ha raccolto fondi record utilizzando Facebook Live durante il Ramadan lo scorso anno.

Il vescovo Robert Barron, fondatore di un’influente società di media cattolica, ha affermato che Facebook “ha dato alle persone un’esperienza intima della Messa che normalmente non avrebbero“.

Queste collaborazioni sollevano non solo questioni pratiche ma anche filosofiche e morali.

La religione è stata a lungo un modo fondamentale in cui gli esseri umani hanno formato la comunità e ora le società di social media stanno entrando in quel ruolo. Facebook ha quasi 3 miliardi di utenti mensili attivi, il che lo rende più grande del cristianesimo in tutto il mondo, che ha circa 2,3 miliardi di aderenti, o dell’Islam, che ne ha 1,8 miliardi.

 

Ci sono anche preoccupazioni per la privacy, poiché le persone condividono alcuni dei dettagli più intimi della loro vita con le loro comunità spirituali.

Il potenziale per Facebook di raccogliere preziose informazioni sugli utenti crea “enormi” preoccupazioni“, ha affermato Sarah Lane Ritchie, docente di teologia e scienze presso l’Università di Edimburgo.

Gli obiettivi delle imprese e delle comunità di culto sono diversi“, ha detto, “e molte congregazioni, spesso con membri più anziani, potrebbero non capire come potrebbero essere prese di mira con pubblicità o altri messaggi basati sul loro impegno religioso”.

Le aziende non sono preoccupate per i codici morali“, ha detto. “Non credo che sappiamo ancora tutti i modi in cui si svolgerà questo matrimonio tra Big Tech e la chiesa.”

Un portavoce di Facebook ha affermato che i dati raccolti dalle comunità religiose saranno stati gestiti allo stesso modo di quelli di altri utenti e che gli accordi di non divulgazione sono un processo standard per tutti i partner coinvolti nello sviluppo del prodotto.

Molte delle partnership di Facebook comportano la richiesta alle organizzazioni religiose di testare o fare brainstorming su nuovi prodotti, e questi gruppi sembrano indifferenti alle più grandi controversie di Facebook.

Quest’anno Facebook ha testato una funzione di preghiera, in cui i membri di alcuni gruppi di Facebook possono inviare richieste di preghiera e altri possono rispondere. Il creatore di YouVersion, la popolare app biblica, ha collaborato con l’azienda per testarla.

La divulgazione su Facebook è stata la prima volta che una grande azienda tecnologica ha voluto collaborare a un progetto di sviluppo, ha affermato Bobby Gruenewald, creatore di YouVersion e pastore presso la Life Church in Oklahoma, ricordando come ha anche lavorato con Facebook su un versetto della Bibbia al giorno nel 2018.

Ovviamente ci sono diversi modi in cui alla fine, ne sono sicuro, serviranno i loro azionisti“, ha detto. “Dal nostro punto di vista, Facebook è una piattaforma che ci consente di costruire comunità e connetterci con la nostra comunità e realizzare la nostra missione. Quindi serve, penso, a tutti bene“.

La Chiesa presbiteriana (USA) è stata invitata a diventare partner religioso di Facebook a dicembre, ha affermato Melody Smith, portavoce dell’agenzia missionaria della denominazione. La denominazione ha concordato in un contratto che non avrebbe avuto la proprietà di alcun prodotto che Facebook avrebbe aiutato a progettar, ha affermato.

I leader della Chiesa di Dio in Cristo, una denominazione pentecostale in gran parte afroamericana di circa 6 milioni di membri in tutto il mondo, hanno recentemente ricevuto l’accesso anticipato a molte delle funzionalità di monetizzazione di Facebook, offrendo loro nuovi flussi di entrate, ha affermato il social media manager della denominazione, Angela Clinton-Joseph.

Hanno deciso di provare due strumenti di Facebook: gli abbonamenti in cui gli utenti pagano, ad esempio, 9,99 dollari al mese e ricevono contenuti esclusivi, come i messaggi del vescovo; e un altro strumento per i fedeli che guardano i servizi online per inviare donazioni in tempo reale. I leader hanno deciso contro una terza caratteristica: gli annunci pubblicitari durante i flussi video.

La pandemia ha accelerato le dinamiche esistenti, racchiudendo anni di sviluppo tecnologico in uno, ha affermato Bob Pritchett, che ha fondato Faithlife, una piattaforma di ministero cristiano con una suite di servizi online.

Ma la vita spirituale è diversa dagli spazi personali e professionali occupati da Facebook e LinkedIn, ha detto.

È pericoloso avere la propria comunità ancorata “su una piattaforma tecnologica suscettibile di tutti i capricci della politica, della cultura e delle udienze del Congresso“, ha affermato.

Facebook ha creato il suo team di partnership religiose nel 2017 e ha iniziato a corteggiare i leader religiosi, in particolare di gruppi evangelici e pentecostali, sul serio nel 2018.

Facebook ha sostanzialmente detto, ehi, vogliamo essere l’It; vogliamo essere il punto di riferimento“, ha detto il reverendo Samuel Rodriguez, un pastore di Sacramento, in California, che guida una grande coalizione di chiese ispaniche.

I gruppi di ministri per le Assemblee di Dio, la denominazione pentecostale con 69 milioni di membri in tutto il mondo, sono stati i primi ad adottare uno strumento di Facebook che consente agli utenti di partecipare a un live streaming.

Anche la Potter’s House, la megachiesa di TD Jakes di 30.000 persone a Dallas, ha testato varie funzionalità prima che venissero lanciate.

Per alcuni pastori, il lavoro di Facebook solleva interrogativi sul futuro più ampio della chiesa in un mondo virtuale. Gran parte della vita religiosa rimane fisica, come i sacramenti o l’imposizione delle mani per la preghiera di guarigione.

La chiesa online non è mai stata pensata per sostituire la chiesa locale, ha affermato Wilfredo De Jesús, pastore e tesoriere generale delle Assemblee di Dio. Era grato a Facebook, ma alla fine, ha detto, “vogliamo che tutti mettano la loro faccia in un altro libro“.

Per chiese come Hillsong di Atlanta, l’obiettivo finale è l’evangelizzazione.

Non siamo mai stati così preparati per il Grande Mandato come adesso“, ha detto Collier, riferendosi alla chiamata di Gesù a “fare discepoli di tutte le nazioni“.

Sta collaborando con Facebook, ha detto, “per avere un impatto diretto e aiutare le chiese a navigare e raggiungere meglio il consumatore“.

Consumatore non è la parola giusta”, si è poi corretto. “Meglio dire raggiungere il parrocchiano”.

(Da The New York Times)