Federica Pellegrini: in finale per la 5a volta

Grandiosa performance per Federica Pellegrini che si classifica per la sua quinta finale olimpica nei 200 metri sl. La nuotatrice azzurra, 33 anni, forma perfetta e grande carisma rappresenta l’orgoglio italiano per essere la prima donna ad essere riuscita in questa impresa.

Commossa durante le dichiarazioni alla rete nazionale, la Pellegrini rileva con grande umiltà, come solo pochi veri campioni sanno fare, che quest’azione in realtà era il suo vero obiettivo in quest’Olimpiade e non il minimo auspicabile.

Era – ha aggiunto ai microfoni Rai – un obiettivo difficile perché il livello si è alzato molto.”

https://www.youtube.com/watch?v=-5jswCG4CeY

Nonostante gli sforzi ottenuti prima della finale, la stessa precedentemente aveva già dichiarato di aver fatto fatica a raggiungere tale obiettivo, reputando il podio “fuori portata”. Eppure, questa leonessa del nuoto, fa ancora parlare di sé con grande ammirazione per la sua ultima fatica che sicuramente resterà nella storia dello sport!

Federica Pellegrini: impresa epica

La “Divina” come la chiamano nell’ambiente, specializzata nello stile libero, primatista mondiale in carica nei 200 m, ed europea nei 400 m è considerata la più grande nuotatrice italiana di sempre. Inoltre è una delle più forti e longeve in assoluto. Nelle scorse finali Olimpiche l’azzurra arrivò seconda ad Atene 2004. Poi l’oro a Pechino (2008). Nel 2012 a Londra si classificò quinta. E a Rio 2016 quarta. Nonostante questo, Federica Pellegrini, è dal 2009, primatista mondiale con il crono di 1’52″98.

Federica Pellegrini, quest’oggi ha compiuto un’impresa titanica che, a detta di molti, era tutt’altro che scontata dopo la fatica della sera prima. La stessa, con un apparente stato d’animo sconfortato, aveva asserito di dover cambiare “registro” e la sua grande forza di volontà le ha dato la spinta giusta per riuscire nell’impresa. Oggi per Tokyo 2020, nell’Acqutics Centre, l’Azzurra è terza nella seconda semifinale con 1’56″44. Segue Ledecky (1’55″34) e la ceca Barbora Seemanova (1’56″14).

Le dichiarazioni di Federica Pellegrini a Rai Sport:

 

“Era un obiettivo di questa Olimpiade più che mai difficile, ci abbiamo creduto fino alla fine, insieme ad uno staff incredibile – dice Federica, che è atleta del Circolo Canottieri Aniene.  Allenata da Matteo Giunta presso il centro federale di Negrar a Verona dopo essere cresciuta sotto la guida del compianto Alberto Castagnetti – E’ un anno che nuoto 1’56” e so bene ciò che posso ottenere: adesso mi aspetta la finale e voglio fare del mio meglio”.

Altre news dal nuoto

Meno bene per Thomas Ceccon, solo quarto nella finale dei 100 dorso; a soli 11 centesimi dal bronzo, un vero peccato, con l’unica soddisfazione di aver migliorato ulteriormente il record italiano portandolo a 52″30.

Meglio gli atleti russi, che han realizzano una splendida doppietta: primo Evgeny Rylov, medaglia d’oro con 51″98 (nuovo primato europeo) e Kliment Kolesnikov, argento con 52″00. Bronzo allo statunitense Ryan Murphy (52″19).

La Gran Bretagna, Nei 200 sl maschile, conquistano oro e argento con Tom Dean in 1’442″22, e Duncan Scott in 1’44″26.

Nella categoria femminile, alcune novità: Lilly King, grande favorita Nei 100 rana è arrivata terza in 1’05″54; battuta dall’americana 16enne Lydia Jacoby con 1’04″95. Al secondo posto si è classificata la sudafricana Schoenmaker in 1’05″22. Martina Carraro, invece, si piazza al settimo posto (1’06”19).

Intanto Maria Centracchio si aggiudica la medaglia di bronzo nel judo 63 chili, dopo aver vinto l’incontro con l’olandese Juul Franssen al golden score.

Un’altra medaglia di bronzo arriva dalla spada donne a squadre che ha battuto 23 a 21 la Cina. La squadra azzurra, è composta da Rossella Fiamingo, Federica Isola e Mara Navarria, tuttavia, l’ultimo dei tre incontri, con grande soddisfazione dopo la delusione per la sconfitta in semifinale contro l’Estonia, è stato disputato da Alberta Santuccio.

Questo nuovo bronzo delle azzurre porta a 11 il totale complessivo delle medagliere all’Italia: 1 oro, 4 argenti e 6 bronzi.