Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di emergenza domestica, ai loro pro e contro e alle cose che puoi fare per prepararti

307
Progettazione dell'illuminazione di emergenza domestica
Progettazione dell'illuminazione di emergenza domestica

Diamo un’occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di emergenza domestica, ai loro pro e contro e alle cose che puoi fare per preparare la tua famiglia a comuni interruzioni di corrente, che possono rivelarsi problematiche da gestire.

Prima di tutto, è necessario dare un’occhiata alla tua casa e ai suoi requisiti di illuminazione. Per la maggior parte delle persone l’elenco delle stanze che hanno bisogno di luce, almeno quando sono in uso, è la zona giorno comune, il bagno e la cucina. Qualsiasi altra cosa può essere considerata abbastanza secondaria, a meno che, ovviamente, tu non abbia altre preoccupazioni che richiedono un’attenzione speciale. Le cose da tenere a mente sono in particolare gli animali domestici che richiedono luce come fonte di calore, i bambini che potrebbero avere paura del buio, i corridoi senza finestre, ecc.

Una volta che hai la tua lista, inizia valutando il tipo di illuminazione di cui avrai bisogno in due categorie: mobile e stazionaria. È possibile che tu debba uscire e riparare una recinzione al buio? Se qualcuno è ferito, disponi di una fonte di luce mobile adeguata per fornirgli assistenza medica?

Per quanto inverosimili possano sembrare alcune di queste idee, quando si è senza corrente, c’è poco da fare senza prima avere un sistema di luci di emergenza su cui contare: niente luce, niente riparazioni. Mettilo su carta e preparati.

Lavorare con quello che hai: fonti di energia

La sfida più grande da superare in questo scenario è ovviamente quella di stabilire una fonte di energia affidabile, preferibilmente rinnovabile. In caso di interruzioni di corrente, non sai mai per quanto tempo si protrarrà il blackout: potrebbero essere un paio d’ore o un paio di settimane.

Caminetti a legna, stufe a legna, bracieri

Questa categoria dipende in gran parte dal tipo di casa che hai e ovviamente ha i suoi vincoli. Se vivi in ​​un appartamento, è probabile che tu non possieda un braciere. Tuttavia, per coloro che possono rendere questa opzione una realtà, il legno può essere un’ottima risorsa, ovviamente non solo per la luce, ma anche per il calore e per cucinare, il che gli conferisce grande importanza come combustibile a doppio scopo. Ciò, unito al fatto che il legno è spesso molto economico o gratuito, lo rende un’ottima opzione per coloro che possono usarlo.

Stufa a legna

Se hai una stufa a legna o un caminetto, assicurati di avere sempre una scorta di legna a portata di mano, indipendentemente dalla stagione. Sebbene il fuoco non sia la migliore fonte di luce, può fornire quel tanto che basta per illuminare un’area comune.

Correlato: la tecnica del Char Cloth per accendere un fuoco

Lanterne a gas-propano e butano compressi

Se sei mai stato in campeggio, potresti aver usato una di queste piccole cose. Sono incredibilmente maneggevoli, emettono una bella luce forte e sono molto puliti e inodori. Tuttavia, questa fonte perde punti in quanto non è rinnovabile e dipende dalle scorte di bombole: quei piccoli contenitori durano circa 4-9 ore a seconda di quanto li usi.

Lanterna a cherosene

Oltre alla loro incapacità di durare abbastanza a lungo per le esigenze di illuminazione di emergenza, molte persone hanno paura del gas compresso.

Elettricità-batterie, generatori, batteria, solare, manuale

Questa è una categoria piuttosto ampia, solo perché ci sono così tante opzioni disponibili in questi giorni. La cosa grandiosa è che le luci al giorno d’oggi richiedono pochissima energia, in particolare i nostri adorabili amici, i LED.

Batterie ricaricabili

Procurati dei caricatori e tienili sempre pronti per l’uso. Ma non appena la corrente si interrompe, rimuovili, perché perdono la carica se si trovano in una presa morta. È sicuramente un investimento per qualsiasi cosa di importo sostanziale, ma funziona molto di più che buttare via e sostituire innumerevoli AA.

I generatori sono sorprendenti in quanto possono alimentare tutto ciò di cui hai veramente bisogno, non così sorprendenti in quanto richiedono sia l’acquisto costoso di un generatore (se non ne hai già uno), sia il carburante per farli funzionare. Niente gas, niente corrente. Ci sono prodotti più piccoli sul mercato ma sono progettati solo per caricare piccoli dispositivi come telefoni e magari un tablet.

Generatore di corrente

Le scatole della batteria sono sicuramente la mia opzione preferita, non solo per l’illuminazione, ma per qualsiasi cosa tu possa averne bisogno. Tutto ciò di cui hai bisogno è una raccolta di vecchie (ma decenti) batterie per auto, un inverter di potenza, alcuni cavi jumper e il gioco è fatto. Forse una grande cassetta degli attrezzi in cui mettere tutto ma in realtà, una configurazione semplicissima e molte applicazioni.

L’energia solare non ha bisogno di presentazioni, solo apparecchiature specializzate che non tutti potrebbero avere. Tuttavia, la sua rinnovabilità è innegabile, il che la rende ottima per quegli scenari in cui non hai idea di quanto tempo rimarrai senza energia. Assicurati solo di non fare affidamento sulle giornate di sole nel giorno delle tue esigenze e di avere alcune batterie già cariche e pronte per l’uso.

Correlato: Fonti di energie alternative per le case

L’alimentazione manuale è un po’ datata, ma affidabile. Sto parlando di quelle luci a manovella che trasformano il tuo buon olio di gomito vecchio stile in elettricità e luce. Forse non è l’opzione più conveniente, sono comunque rassicuranti da avere in giro e abbastanza economici. Rendi alcuni di questi un punto fermo nella tua casa.

Candele

Questo è un vecchio punto fermo dello scenario di interruzione di corrente. Tuttavia, dovrebbe essere ovvio che è una misura molto temporanea, è una fonte di luce piuttosto scarsa. Naturalmente, sono anche piuttosto pericolose, con la cera calda e le fiamme libere, indipendentemente dal fatto che tu abbia bambini o meno.

Principio per la preparazione-ripostiglio

Dopo aver valutato la tua disponibilità di energia e i tipi di illuminazione di emergenza che utilizzerai, inizia a riporre. Pensa a luoghi strategici intorno alla casa, preferibilmente in ogni stanza, dove puoi riporre una fonte di luce portatile. In questo modo, se qualcuno si trova in bagno quando viene a mancare la corrente, la luce è a portata a mano rischiando meno incidenti.

Tuttavia, assicurati che gli altri abitanti siano effettivamente consapevoli di dove stai mettendo queste cose e non aspettarti che ricordino 15 diversi luoghi strani nella foga del momento. Cerca di mantenere i punti per la luce coerenti, nonostante la stanza, in modo che tutti possano ricordare dove prendere una torcia.

Sorgenti luminose fisse – Luce di emergenza a LED

Procurati una grande luce da lavoro a LED di qualche tipo, del tipo che potresti vedere nell’officina di un meccanico o qualcosa del genere. Vicino alla tua luce fissa o, meglio ancora, connesso e pronto per l’uso, hai la tua fonte di alimentazione. Che si tratti di una prolunga che va al generatore o di un inverter di potenza, in entrambi i casi, configuralo a lungo termine. Ciò significa trovare un modo per tenere riposti eventuali cavi o componenti elettrici, sia per motivi estetici che per sicurezza.