Il Kosovo vieta l’estrazione di valuta digitale a causa dei frequenti blackout

Per il Kosovo, in questo periodo la carenza di energia è così grave da giustificare lo stato di emergenza, che il governo ha dichiarato lo scorso dicembre per due mesi

107
Il Kosovo vieta l'estrazione di valuta digitale a causa dei frequenti blackout
Il Kosovo vieta l'estrazione di valuta digitale a causa dei frequenti blackout

Il Kosovo ha vietato l’estrazione di ricompense per blocchi di valuta digitale a causa della carenza di energia in corso mentre il paese è alle prese con un inverno molto freddo. Il Kosovo negli ultimi mesi ha subito frequenti blackout e sta riducendo la fornitura di energia a settori non essenziali dell’economia, con i miners di criptovalute che sono diventati le ultime vittime.

L’Europa orientale è nel mezzo della stagione invernale. E come sempre, molta energia va a riscaldare le case a scapito di altri settori dell’economia. In Kosovo, la situazione è peggiorata poiché il freddo ha messo fuori uso le centrali elettriche locali. Il governo è stato costretto ad aumentare le sue importazioni di energia dai paesi vicini come la Serbia, ma anche questo non sembra sufficiente a compensare la perdita di capacità energetica.

In una dichiarazione, il ministro dell’Economia del Kosovo Artane Rizvanolli ha affermato che il divieto ha lo scopo di affrontare la carenza di energia sia a breve che a lungo termine e garantire che l’economia del paese sopravviva all’attuale crisi energetica.

Oltre a negare l’elettricità ai minatori, il governo metterà alcune risorse per identificare i minatori di valuta digitale che sfidano la direttiva e continuano con le loro operazioni. La mossa è in linea con sforzi simili da parte del governo cinese, che ha dispiegato risorse significative per identificare e eliminare i minatori, inclusa la fornitura di incentivi per le persone che denunciano i minatori e la creazione di hotline dedicate per denunciare i minatori illeciti.

Il ministro Rizvanolli ha affermato che la decisione di vietare il block reward mining è arrivata dopo le raccomandazioni del Comitato tecnico per le misure di emergenza per l’approvvigionamento energetico. Il comitato, istituito nel dicembre 2021 dopo che il paese ha iniziato a subire frequenti blackout, è composto da un certo numero di ministri, dalla Kosovo Energy Corporation e da rappresentanti di altri uffici governativi.

L’interruzione temporanea delle attività di mining di ricompensa dei blocchi non è una novità. L’Iran ha  vietato l’attività mineraria nel maggio 2021 e ha revocato il divieto quattro mesi dopo. Verso gli ultimi giorni del 2021, l’operatore di rete nazionale Tavanir ha annunciato che avrebbe nuovamente interrotto l’alimentazione ai minatori.

Per il Kosovo, in questo periodo la carenza di energia è così grave da giustificare lo stato di emergenza, che il governo ha dichiarato lo scorso dicembre per due mesi. I continui blackout hanno portato a disordini e proteste, con molti che chiedono le dimissioni del ministro dell’Economia. E mentre il ministro ha vietato l’estrazione di ricompense per blocchi, è improbabile che questo da solo risolverà la crisi energetica. Dopotutto, il Kosovo rappresenta solo  lo 0,01% dell’hash rate globale di BTC.