Home Attualità La Russia aumenta la pressione su Ucraina e NATO

La Russia aumenta la pressione su Ucraina e NATO

Cresce la preoccupazione che la Russia intenda invadere l'Ucraina in tempi brevi. Una forza di Terra di circa 18.000 uomini dell'esercito russo si è infatti posizionata lungo il confine nord ucraino, in territorio bielorusso, mentre parte della flotta del mar Nero ha raggiunto il Mediterraneo unendosi alla flotta del Mediterraneo ed incrocia ora al largo delle coste della Sicilia, pericolosamente vicina alla flotta USA

832
La Russia aumenta la pressione su Ucraina e NATO
La Russia aumenta la pressione su Ucraina e NATO

Cresce la preoccupazione che la Russia intenda invadere l’Ucraina in tempi brevi. Una forza di Terra di circa 18.000 uomini dell’esercito russo si è infatti posizionata lungo il confine nord ucraino, in territorio bielorusso, mentre parte della flotta del mar Nero ha raggiunto il Mediterraneo unendosi alla flotta del Mediterraneo ed incrocia ora al largo delle coste della Sicilia, pericolosamente vicina alla flotta USA.

Nell’ultima settimana di gennaio, il ministero della Difesa russo ha annunciato che un’ondata di 140 navi da guerra e di supporto, 60 aerei e un totale di 10.000 membri del personale stavano partecipando a esercitazioni navali simultanee. Questo livello di attività non ha precedenti dai tempi della Guerra Fredda e prevede il dispiegamento di unità delle flotte del Mar Nero, del mare del Nord e del Pacifico. L’attività è progettata per dimostrare la capacità della Russia di minacciare l’Europa in vari modi e di concentrare ulteriormente le forze anfibie nel Mar Nero, potenzialmente per colpire il fianco meridionale dell’Ucraina.

Manovre costiere nel Mar Nero

L’operazione è iniziata a metà gennaio con i primi spostamenti significativi di navi da sbarco russe si sono spostate nel Mediterraneo. Due navi d’assalto di classe Ropucha, la RFS Olenegorskiy Gornyak e la RFS Georgiy Pobedonosets insieme alla moderna RFS Pyotr Morgunov sono salpate dalla base della flotta settentrionale. Altre tre Ropucha, RFS Korolev, RFS Minsk e RFS Kaliningrad si sono mosse dal Baltico e sono state sorvegliate a distanza quando hanno attraversato la Manica da navi NATO tra cui la HMS Dragon e la HMS Tyne. Tutti e sei le navi russe sono poi passate attraverso lo Stretto di Gibilterra e probabilmente condurranno esercitazioni nel Mediterraneo. La loro destinazione finale è probabilmente Sevastapol, dove aumenteranno la capacità anfibia della flotta del Mar Nero.

L’arrivo di queste 6 navi di modeste dimensioni aumenterà il numero di truppe che potrebbero sbarcare nella prima ondata di un assalto da circa due gruppi tattici di battaglione (BTG) a tre BTG e mezzo rinforzati (un BTG conta circa 800 soldati). Qualsiasi assalto anfibio è rischioso, ma fornisce ai comandanti una gamma di opzioni e creerà incertezza nella mente dei difensori ucraini, vincolando risorse che potrebbero essere utilizzate altrove. Con concentrazioni di truppe che ammontano a oltre 100.000 unità appena oltre il confine ucraino dalla Bielorussia a nord fino ai confini marittimi meridionali, l’Ucraina, di fatto circondata su tre lati e con parte dei territori meridionali, il Donbass e la Crimea, di fatto già egemonizzati dai ribelli pro Russia, potrebbe presto vedersela con navi d’assalto pronte a minacciare la sua costa.

Esercitazioni atlantiche

Dal punto di vista del Regno Unito, l’annuncio della Russia di organizzare un’esercitazione a fuoco vivo nei 240 km a sud-ovest dell’Irlanda tra il 3 e l’8 febbraio è dell’interesse più immediato. Un gruppo di 5 navi russe è stato osservato da un P3C-Orion dell’aeronautica norvegese dirette verso ovest nel Mare di Barents il 22 gennaio. Il gruppo è composto dalla fregata ASW FRS Vice-Admiral Kulakov, dalla moderna fregata missilistica FRS Admiral Flota Kastanov e dall’incrociatore FRS Marshal Ustinov insieme alla petroliera di supporto Vyazma il rimorchiatore SB-406. Le tre navi da guerra, probabilmente anche accompagnate da almeno un SSN, condurranno esercitazioni a fuoco.

Il piano originale emesso in un avviso agli Airmen (NOTAM) stabiliva che l’operazione si svolgerà all’interno della Zona Economica Esclusiva (ZEE) irlandese. I dettagli di ciò che è pianificato non sono naturalmente stati forniti, ma probabilmente includeranno fuoco d’artiglieria e lanci di missili. Il luogo dell’esercitazione è interessante perché sono stati osservati aerei russi TU-142 Bear a lungo raggio effettuare lunghi voli dalla Russia per girare intorno a quest’area prima di rientrare alla base. Ci sono anche cavi sottomarini transatlantici sui fondali marini della zona. I Bears dovranno probabilmente valutare le reazioni irlandesi (o la mancanza di) e le navi che parteciperanno all’esercitazione non hanno alcuna capacità di interferire con i cavi sottomarini.

Secondo il diritto internazionale, la ZEE si trova in acque internazionali, ma l’Irlanda ha il diritto di sfruttare le risorse minerali e naturali nell’area. I russi hanno il legittimo diritto di operare in quella zona, ma l’Irlanda ha manifestato una notevole preoccupazione e l’Autorità per l’aviazione ha confermato la necessità di reindirizzare i voli commerciali. In una svolta inaspettata e divertente della storia, però, i pescatori irlandesi sono riusciti a costringere i russi a trasferire l’esercitazione al di fuori della ZEE. Temendo che il rumore dell’esercitazione potesse influenzare i modelli di migrazione del melù, del tonno e di altra fauna marina, l’organizzazione irlandese dei produttori di pesce del sud e dell’ovest è entrato in azione, promettendo che avrebbero inviato pescherecci per monitorare e potenzialmente interrompere l’esercitazione. Ora, i russi terranno la loro esercitazione leggermente più lontano nell’Atlantico.

vuoto
Questo è il NOTAM originale che indica l’area dell’esercitazione russa prevista all’interno della ZEE irlandese e a circa 500 km dalla costa del Regno Unito (Via notaminfo.com). Sullo sfondo è mostrata la posizione approssimativa dei cavi di comunicazione sul fondale (tramite submarinecablemap.com).

La situazione evidenzia la difficile posizione dell’Irlanda come membro non NATO che spende solo lo 0,29% del PIL per la difesa, di gran lunga la più bassa di qualsiasi nazione europea tranne l’Islanda. In quanto debole potenza “neutrale”, non ha le risorse per scoraggiare o addirittura rilevare l’attività navale russa al largo delle sue coste. La flotta del servizio navale irlandese è composta da nove OPV armati solo di cannoni e non hanno capacità anti-sottomarino. Inoltre, l’Irlanda non dispone di un radar primario per monitorare il proprio spazio aereo e dipende dai transponder degli aerei e dall’aiuto della RAF per monitorare il traffico. In effetti, l’Irlanda conta sul Regno Unito e la NATO per la sua difesa e qualsiasi aspettativa di assistenza credibile da una sorta di costrutto di difesa dell’UE è una speranza vana.

La fregata FRS Admiral Flota Kasatonov da 4.500 tonnellate è equipaggiata con 16 celle VLS per missili da crociera Kalibr Land Attack, P-800 Onik o missili antinave 3M22 Zircon, più 32 celle per missili terra-aria. Il subsonico 3M-54 Kalibr LACM ha una portata di 1.650 km e la variante Kalibr-M a portata estesa (fino a 4.500 km) è in fase di sviluppo per la distribuzione alla fine degli anni ’20. È improbabile che l’esercitazione pianificata sia un test missilistico da crociera, ma la Russia ha numerose piattaforme in grado di lanciare LACM. Il Regno Unito ha poche difese contro i missili da crociera.

Nel 2021 la marina russa ha condotto una serie di lanci di prova del missile ipersonico Zircon da navi di superficie e sottomarini nel Mare di Barents. Si dice che quest’arma abbia un ranger maggiore di 1000 km e voli a velocità fino a Mach 9. Non è chiaro se sia ancora entrato in servizio operativo, ma i test sembrano avere avuto successo. Se i russi possono schierare un affidabile missile antinave ipersonico, ciò potrebbe cambiare in modo significativo l’equilibrio del potere in mare. Nonostante ciò, nessuna arma è del tutto infallibile e il missile è solo parte di una complessa “catena di uccisioni” che richiede il perfezionamento di robuste reti di dati per fornire le informazioni necessarie per colpire un bersaglio in movimento a così lungo raggio.

È probabile che navi e sottomarini della Royal Navy e altri mezzi navali della NATO vengano schierati per monitorare da vicino l’esercitazione. Il lancio di prova di uno Zircon sarebbe un altro segnale forte da parte della Russia che sottolinea la sua superiorità sugli europei nella tecnologia missilistica. È possibile che l’esercitazione non abbia luogo affatto o in un’altra località e lo spostamento delle navi russe faccia solo parte di una campagna di distrazione da parte di Mosca mentre attività potenzialmente più nefaste vengono svolte altrove.

Uno sforzo coordinato

Oltre all’esercitazione a fuoco vivo nell’Atlantico e ai trasferimenti di navi nel Mediterraneo, altre flotte russe stanno organizzando grandi esercitazioni. La flotta settentrionale è costituita da navi che esercitano il controllo del mare nel Mare di Barents e nell’Artico. Le principali unità coinvolte includono il cacciatorpediniere RFS Severomorsk, la fregata RFS Admiral Flota Gorshkov e la nave da sbarco RFS Ivan Gren.

Tra il 26 e il 31 gennaio, più di 20 navi della flotta del Mar Nero sono state coinvolte in esercitazioni di guerra contro le mine, in particolare la caccia alle mine, forse un precursore di una potenziale operazione anfibia. Le fregate RFS Admiral Essen e RFS Ladney con le corvette RFS Grayvoron, Ingushetia, Naberezhnye Chelny, Suzdalets e Yeysk hanno svolto esercitazioni ASW e di difesa aerea. 20 navi della flotta baltica sono in mare per esercitazioni nella regione e le corvette RFS Stoykiy e Soobrazitelny hanno navigato per quello che è stato ufficialmente descritto come un “dispiegamento a lungo raggio“.

vuoto
L’incrociatore russo RFS Varyag, una fregata iraniana e il cacciatorpediniere cinese di tipo 052D Urumqi nel Mar Arabico.

Coordinamento con i cinesi

Un gruppo di lavoro della flotta russa del Pacifico, tra cui l’incrociatore RFS Varyag e il cacciatorpediniere RFS Admiral Tributs, ha condotto l’esercitazione antipirateria “Peaceful Sea-2022” nel Mar Arabico occidentale con il cacciatorpediniere cinese PLAN Urumqi e la nave di rifornimento Taihu. Il ministero della Difesa nazionale cinese ha commentato: “L’esercitazione ha ulteriormente arricchito la connotazione del partenariato strategico globale di coordinamento tra Cina e Russia nella nuova era” . RFS Varyag e Admiral Tributs dovrebbero passare a nord attraverso il Canale di Suez, concentrando ulteriormente la potenza navale russa nel Mediterraneo orientale.

Non sorprende che i cinesi stiano appoggiando diplomaticamente Putin sull’Ucraina e niente sarebbe più interessante per loro di un’invasione che potrebbe attirare risorse e mezzi statunitensi a concentrarsi in Europa e lontano dal Pacifico. L’imposizione di dure sanzioni economiche contro Mosca che seguirebbero a un’invasione probabilmente costringerebbe i russi a fare più affidamento sul sistema finanziario cinese.

Formidabile nemico?

Viene spesso commentato il peso maggiore dell’armamento trasportato dalle navi russe rispetto alle loro controparti della Royal Navy. In generale, le navi russe sono costruite sacrificando resistenza e comfort dell’equipaggio con armi più offensive.

Gran parte della flotta di superficie come la maresciallo Ustinov (1984) risale ancora all’era sovietica, ma lentamente vengono consegnati combattenti di piccole e medie dimensioni più moderni. L’Ustinov è una buona dimostrazione di come riempire di armi ogni centimetro di una nave da guerra possa essere una benedizione mista. Ustinov, uno dei 3 splendidi incrociatori di classe Slava costruiti negli anni ’80 che prevedeva un’importante modernizzazione, è rimasto in cantiere per 6 anni, per poi emergere nel 2016 dopo i lavori di ristrutturazione. Tuttavia, gli aggiornamenti per le sue due sorelle Mosvaka e Varyag sono stati abbandonati a causa del costo e della complessità del lavoro.

vuoto
L’aspetto del maresciallo della RFS Ustinov è dominato dai contenitori per 16 missili anti-nave P-1000 Vulkan. Progettato principalmente come “assassino di portaerei” da sparare a salve di quattro, il missile ha una testata da 1000 kg e una portata di 700 km. Ustinov ha anche rampe VLS per 104 SAM (Foto: Forsvaret / Norwegian Air Force, Barent Sea, 22 gennaio).

In un confronto simile, le navi da guerra russe sembrano spesso superare considerevolmente le loro equivalenti occidentali, ma questo deve essere visto nel contesto di numeri complessivamente inferiori rispetto al peso combinato delle marine NATO. Nei domini meno ovvi, ma critici della guerra elettronica, del radar e della tecnologia acustica subacquea, si ritiene generalmente che i russi siano indietro. La marina russa è anche notevolmente vincolata dalla geografia e deve attraversare acque relativamente confinate per entrare nell’Atlantico o nel Mediterraneo, rendendola più vulnerabile al rilevamento, al monitoraggio o all’attacco. I problemi della flotta di superficie con la propulsione, la mancanza di ausiliari navali e la resistenza limitata si basano su una strategia di “colpisci per primo e colpisci duramente” piuttosto che su una guerra di logoramento prolungata.

Tra gli osservatori c’è a volte la tendenza a liquidare la Marina russa come un mucchio di relitti arrugginiti, un’opinione che ha messo radici negli anni ’90 dopo che il crollo del comunismo ha visto un drammatico declino delle forze sovietiche un tempo potenti. Questa percezione è rafforzata dalla classica immagine della portaerei Admiral Kusnetsov che erutta fumo dai motori spenti, dalla necessità di rimorchiatori per supportare schieramenti a qualsiasi distanza e dai regolari incendi e disastri nell’infrastruttura costiera. Ci sono certamente problemi con lo stato materiale di molte navi, ma Putin ha fatto un deciso sforzo per aumentare l’efficacia di ciò che è disponibile. L’industria si è dimostrata incapace di costruire grandi combattenti di superficie, ma una strategia asimmetrica di costruzione di navi da guerra piccole ma pesantemente armate è un percorso alternativo ragionevole.

La marina russa è in declino, mentre lotta per sostituire le sue numerose navi e sottomarini dell’era sovietica. Ma nel prossimo decennio i numeri riprenderanno a salire. Se la capacità industriale e i fondi corrisponderanno pienamente alle sue aspirazioni è ancora discutibile, ma gli analisti svedesi affermano che i numeri di SSN/SSGN raddoppieranno, passando da 10 a 21 navi entro il 2029. Gli SSK aumenteranno da 18 a 38. Il numero totale di cacciatorpediniere, fregate e corvette aumenterà da 61 a 92.

La linea europea

Tra le nazioni europee, il Regno Unito ha assunto la guida diplomatica più decisa nel resistere a ulteriori mosse russe contro l’Ucraina. In termini di hard power, ciò ha comportato la fornitura all’Ucraina di armi anticarro e addestramento, ma non comporterà l’invio di truppe. È, però, in mare che il Regno Unito può contribuire maggiormente, potenzialmente inviando navi come parte del gruppo di lavoro della NATO a rotazione nel Mar Nero e nel Mediterraneo orientale. L’HMS Prince of Wales è ora l’ammiraglia della NATO Response Force e sarà la piattaforma di comando per l’esercitazione Cold Response al largo della Norvegia a marzo con il coinvolgimento di HMS Defender, Albion e RFA Mounts Bay. Cold Response e la successiva esercitazione BALTOPS hanno lo scopo di rassicurare i partner della NATO ai confini della Russia, ma il programma potrebbe essere modificato man mano che gli eventi si svolgono.

Intanto, sei navi delle forze da sbarco russe si sono posizionate tra la Sicilia e le Baleari; secondo quanto riferito, le navi russe sono state seguite da una nave da pattuglia d’altura classe Meteoro della Marina spagnola e almeno un aereo da pattugliamento marittimo P-8A Poseidon della Marina degli Stati Uniti sembra essere stato nelle vicinanze durante il loro passaggio.

il Ministero della Difesa russo aveva annunciato che tutte e sei queste navi da guerra anfibie prenderanno parte a manovre su larga scala pianificate nel Mediterraneo. Altre navi da guerra che dovrebbero partecipare sono l’incrociatore di classe Slava Varyag , il cacciatorpediniere di classe Udaloy Admiral Tributs e la petroliera della flotta Boris Butoma, tutte della flotta del Pacifico.

Nel frattempo, un’altra nave della Marina russa, la nave per la raccolta di informazioni di classe Vishnya Vasiliy Tatishchev, è entrata nel Mediterraneo la scorsa settimana attraverso lo Stretto di Gibilterra. La sua destinazione non è chiara, ma potrebbe essere un potenziale partecipante alle imminenti manovre navali russe.

Sebbene il Ministero della Difesa russo non abbia specificato esattamente quando si svolgeranno le manovre nel Mediterraneo, esse sono configurate come parte di una serie molto più ampia di esercitazioni che vengono condotte dalla Marina russa in tutto il mondo. Queste vedranno attività nelle regioni del Nord Atlantico e del Pacifico e si prevede che coinvolgeranno circa 140 navi e 60 aerei, in totale.

Allo stesso tempo, con un focus sull’accumulo di forze russe intorno ai confini dell’Ucraina, permane la preoccupazione che queste manovre navali, così come quelle che avranno luogo in Bielorussia, possano far parte della pianificazione del Cremlino per una nuova campagna contro l’Ucraina. Questi timori sono stati rafforzati non solo dalla vastità degli schieramenti militari russi nelle aree di confine, ma anche dalla comparsa di alcuni sistemi di armi offensive, inclusi i missili balistici a corto raggio Iskander e aerei da combattimento .

Per quanto riguarda le sei navi da guerra anfibie ora nel Mediterraneo, se la Russia dovesse lanciare un’invasione dell’Ucraina, alcune o tutte dovrebbero continuare verso il Mar Nero da dove probabilmente prenderebbero parte a sbarchi anfibi lungo le coste meridionali del paese, soprattutto nel Mar d’Azov.

Un’esercitazione russa di sbarco sulla spiaggia nella Crimea occupata.

Tutte e tre le navi da guerra anfibie della flotta settentrionale ora nel Mediterraneo, e le tre della flotta baltica che dovrebbero unirsi a loro, sono in grado di trasportare diverse combinazioni di carri armati e altri veicoli corazzati, nonché truppe ed equipaggiamento.

Per ora, tuttavia, non ci sono conferme che il Mar Nero sia la destinazione finale prevista per le navi da guerra anfibie, per non parlare delle altre navi da guerra che dovrebbero raggiungerle nel Mediterraneo per manovre congiunte. Le loro operazioni potrebbero essere altrettanto facilmente una forza di distrazione per la potente armata NATO che opera nel Mediterraneo orientale.

Sebbene Neptune Strike 22 sia stato pianificato dal 2020, ora inevitabilmente ha un significato aggiuntivo alla luce della situazione con la Russia. Il segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki ha dichiarato lunedì che “questa esercitazione aiuterà a dimostrare l’unità, la capacità e la forza dell’alleanza transatlantica“.

Altrove all’interno dell’alleanza, i membri della NATO hanno schierato altre risorse navali nella regione in risposta diretta alle tensioni intorno all’Ucraina. La Spagna ha annunciato l’intenzione di inviare un cacciatorpediniere e un dragamine nel Mar Nero, con il potenziale per schierare aerei da combattimento in Bulgaria. La Francia ha affermato che sta valutando la possibilità di dispiegare truppe nella regione e restano possibili altri rinforzi della frontiera orientale dell’alleanza. Inoltre, secondo il Pentagono, gli Stati Uniti hanno già messo in allerta circa 8.500 soldati per un possibile dispiegamento rapido nella regione, per rafforzare la Forza di risposta rapida della NATO o per “essere pronti per qualsiasi altra evenienza”. il portavoce John Kirby.

Sul lato politico, nel frattempo, il Cremlino ha affermato di rimanere aperto a ulteriori colloqui con gli Stati Uniti, ma che è anche chiaro che Washington non ha soddisfatto le principali richieste di sicurezza della Russia, inclusa la promessa che la NATO non si espanderà per includere l’Ucraina.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha affermato che è nell’interesse sia di Mosca che di Washington continuare il dialogo, ma solo su quelle che i media russi hanno descritto come questioni secondarie e non su quelle fondamentali.

Secondo quanto riferito, la risposta degli Stati Uniti include proposte per affrontare la concorrenza militare in Europa, comprese misure specifiche per ridurre gli scontri nel Mar Nero e per introdurre ispezioni missilistiche su ciascuna parte.

Rimane, almeno, la possibilità di ulteriori colloqui su questioni secondarie, che potrebbero potenzialmente aiutare a disinnescare le tensioni intorno a Russia e Ucraina. Per ora, tuttavia, l’attività navale russa sembra continuare a concentrarsi sul Mediterraneo, con il potenziale che almeno alcune delle navi da guerra ora presenti potrebbero fare rotta verso il Mar Nero.