L’eredità dell’11 settembre

È difficile dimenticare il giorno più buio della storia americana.

Lo shock, l’orrore, l’angoscia, la rabbia, il senso di impotenza, il ricordo indelebile di dove ti trovavi quando New York , Washington DC e la Pennsylvania occidentale furono attaccate con aerei dirottati.

E poiché un’intera generazione è nata dall’11 settembre 2001, i media hanno ragione a rivisitare ciò che è successo – ed esaminare come il mondo è cambiato negli ultimi 20 anni.

Perché quel cambiamento è stato fondamentale, portandoci in un’era marcatamente diversa da quella in cui potevi precipitarti su un aereo all’ultimo momento.

Una cosa che ricordo è l’acuto senso di unità nazionale che gli USA, e in gran parte tutto l’occidente, espressero quando l’allora presidente George W. Bush sollevò quel megafono a Ground Zero, un senso di unità che, però, alla fine ha lasciato il posto all’iperpolarizzazione che definisce la nostra vita pubblica oggi.

Per un po’ Bush esortò la popolazione a vivere normalmente, altrimenti i terroristi avrebbero vinto.

In piedi sulle macerie con il pompiere in pensione di New York Bob Beckwith, l'allora presidente George W. Bush raduna i vigili del fuoco e i soccorritori durante un discorso improvvisato presso il sito del crollo del World Trade Center a New York City, 14 settembre 2001. (Getty Immagini).

In piedi sulle macerie con il pompiere in pensione di New York Bob Beckwith, l’allora presidente George W. Bush raduna i vigili del fuoco e i soccorritori durante un discorso improvvisato presso il sito del crollo del World Trade Center a New York City, 14 settembre 2001. (Getty Immagini).

Ma l’informazione è stata sempre più consumata dalle polemiche generate dall’11 settembre. Ci sono stati accesi dibattiti sulla guerra al terrore, il Patriot Act degli Stati Uniti, la tortura, la sorveglianza, le libertà civili e il trattamento dei musulmani. La prigione di Abu Ghraib e la baia di Guantanamo divennero simboli di questa nuova epoca tanto quanto le Torri Gemelle cadute.

E l’intervento militare in Afghanistan, e poi in Iraq, ha prodotto nell’opinione pubblica, e quindi nella politica, uno scontro su quelle lunghe guerre che continua ancora oggi. È un triste limite per gli USA ai due decenni di spese e sacrifici in Afghanistan che si avvicinano a questo anniversario ancora cercando di salvare americani da una guerra persa senza essersi mai avvicinati davvero alla vittoria.

Sono stati necessari 10 anni per uccidere Osama bin Laden, ma poi tutto l’occidente ha continuato a cercare di sostenere in Afghanistan un governo corrotto e un esercito inutile.

 

In un nuovo sondaggio commissionato dall’emittente Fox News, il 64% degli intervistati afferma che l’11 settembre ha cambiato in modo permanente l’America, rispetto al 50% all’inizio di giugno che ha affermato lo stesso della pandemia di coronavirus.

Circa il 65% afferma che le politiche successive all’11 settembre hanno reso l’America più sicura, mentre il 17% afferma che è meno sicura e per il 13% non fa alcuna differenza.

Una minoranza degli intervistati afferma che il waterboarding (38%) e l’invasione dell’Iraq (31%) sono state una reazione eccessiva.

E mentre il sondaggio è stato fatto all’inizio di agosto, il 25% afferma che l’azione militare degli Stati Uniti contro l’Afghanistan è stata una reazione eccessiva – che sarebbe quasi certamente più moderata oggi – mentre il 49% afferma che è stata “più o meno giusta”.

Garrett Graffscrivendo su The Atlantic, dice che “non può sfuggire a questa triste conclusione: gli Stati Uniti – sia come governo che come nazione – hanno sbagliato quasi tutto sulla nostra risposta, sui grandi problemi e sui piccoli“.

Mentre al-Qaeda è stata parzialmente neutralizzata, dice, “la Guerra al Terrore ha indebolito la nazione, lasciando gli americani più spaventati, meno liberi, più moralmente compromessi e più soli al mondo. Un giorno che inizialmente ha creato un senso di unità senza precedenti tra gli americani è diventato lo sfondo di una polarizzazione politica sempre più ampia… Il nemico che abbiamo finito per combattere dopo l’11 settembre eravamo noi stessi“.

L’ipotesi che gli americani abbiano più paura sembra contraddetta dai sondaggi, ma di certo oggi ci si preoccupa più del terrorismo interno e dell’estremismo politico del 6 gennaio che dei nemici stranieri. Gli argomenti morali erano accesi durante l’era del waterboarding, e oggi l’attenzione è più focalizzata sul fatto che l’America stia giocando un ruolo mondiale positivo intervenendo in queste guerre civili.

Ma non c’è davvero alcun dibattito sulla partigianeria dai tempi di Bush e il tempo di Obama, Trump e Biden. Ci sono molti fattori qui, dal declino dei partiti politici all’ascesa dei social media, ma molte delle radici possono essere ricondotte all’11 settembre.

Una volta, Pearl Harbor era considerato il peggior giorno d’America dalla Guerra Civile. Poi è arrivato il Vietnam.

E ora, la necessità di ricordare l’11 settembre dovrebbe essere bilanciata con la necessità di esaminare cosa è andato bene – e cosa stato sbagliato – da allora.