La preparazione alle emergenze: consigli e liste di controllo

La preparazione è semplice: a seconda di ciò che accade, rimarrai a casa, lascerai la tua casa o sarai lontano da casa. Renderlo inutilmente complicato ti rende meno preparato

1300
La preparazione alle emergenze: consigli e liste di controllo
La preparazione alle emergenze: consigli e liste di controllo

Che tu sia preoccupato per un licenziamento improvviso, invasioni domestiche, incidenti stradali, una lunga interruzione dell’elettricità, disastri naturali o declino economico e sociale a lungo termine, è fondamentale iniziare a prepararti ora. Per definizione, se aspetti di averne bisogno, sarà già troppo tardi.

Non sei solo: milioni di persone razionali di ogni ceto sociale stanno prendendo sul serio la preparazione e il movimento sta crescendo man mano che sempre più persone si rendono conto che non possono dipendere dagli altri per salvarsi da eventi improvvisi.

Prepararsi, però, può sembrare può sembrare opprimente. E come se non bastasse, c’è una “chiassosa minoranza” là fuori che inquina la preparazione razionale con estremismi, informazioni pericolose o stupidi dibattiti su Internet che in realtà non contano. Il punto centrale della preparazione è ridurre le possibilità di subire gravi eventi e riprendersi al meglio quando si verificano. Questo è tutto!

Anche qualcosa di semplice e comune come un estintore in cucina conta: la stragrande maggioranza della preparazione non ha nulla a che fare con bunker e armi.

Risparmierai un sacco di soldi e tempo e sarai più preparato se ti prendi un po’ di tempo per imparare dagli altri invece di fare gli stessi errori che fanno la maggior parte dei principianti quando cercano di “saltare le basi”; il vero Il trucco per prepararsi bene è conoscere e seguire la strada giusta, non riempire la cantina di attrezzi.

I passaggi fondamentali per la preparazione:

  1. Costruisci una solida base finanziaria e sanitaria
  2. Prepara la tua casa per due settimane di autosufficienza
  3. Sii in grado di uscire di casa con solo un attimo di preavviso
  4. Sii Preparato per le emergenze che dovessero verificarsi mentre non sei in casa
  5. Impara le abilità di base e fai pratica con la tua attrezzatura
  6. Condividi e recluta mentre continui ad imparare e ad andare oltre le basi

Non sei l’unico

Forse sei generalmente preoccupato per la politica, l’economia e i disastri naturali. O forse tu o qualcuno che ami avete attraversato un’emergenza e avete deciso di non voler essere vittime.

Qualunque siano le tue ragioni, non sei solo: milioni di persone si stanno attivamente preparando e le loro ragioni sono tanto diverse quanto loro.

Indipendentemente dalla tua posizione politica, età, sesso, posizione lavorativa e così via, probabilmente conosci persone che si stanno preparando. Tendono semplicemente a non trasmetterlo.

Suggerimenti ed errori comuni dei principianti

Le regole sane più comuni per la preparazione:

  • Non acquistare kit pronti all’uso. Il 98% di loro non vale la spesa.
  • Non puoi prevedere quando si verificherà un’emergenza.
  • Non puoi prevedere cosa accadrà, quindi sii diligente nel trovare ed evitare ipotesi nelle tue preparazioni.
  • Rimani realistico e pratico. Evita le fantasie di zombi e Rambo. Concentrati sulle cose che contano di più e ricorda che la semplicità è sempre la cosa migliore.
  • Non lasciare che la preparazione ti travolga o ti sconfigga. È importante godersi la vita ora e non cadere in una spirale oscura di depressione da giorno del giudizio o spendere i risparmi di una vita comprando scorte. Puoi prepararti senza arrenderti, proprio come l’acquisto di un’assicurazione sanitaria non significa che hai rinunciato alla tua salute.
  • Ignora il rumore e l’estremismo che cerca di prendere il sopravvento sulla preparazione. Sfortunatamente, molti dei blog, forum e gruppi Facebook correlati sono pieni di spazzatura. Evita i gruppi in cui prevalgono gli esaltati.
  • La preparazione è migliore quando ti connetti con persone che la pensano allo stesso modo.
  • Evita di usare la tua attrezzatura di emergenza se non c’è un’emergenza. Ad esempio, si può essere tentati di usare le cose che si tengono nella borsa delle emergenze per una gita in campeggio. La vita tende a complicare le cose, l’attrezzatura rimane sparpagliata e questo crea finestre in cui potrebbe colpire un’emergenza e sei impreparato.
  • Se hai un budget limitato, è meglio acquistare meno cose di alta qualità rispetto a cose economiche che falliranno quando ne avrai più bisogno. Puoi prepararti senza molti soldi acquistando bene di seconda mano.
  • Non limitarti a comprare dell’attrezzatura, buttarla in un armadio, darti una pacca sulla spalla e andare avanti. Non sei preparato a meno che non ti eserciti nell’uso delle tue attrezzature e nel provare i tuoi piani.
  • Un bug out bag non serve semplicemente per andare in una posizione predeterminata lungo un percorso predeterminato. È la borsa che prendi per prima quando devi uscire di casa.
  • È sbagliato pensare “il mio piano è quello di scappare” o “il mio piano è di rifugiarsi a casa” – le emergenze non si preoccupano dei tuoi piani e una buona preparazione significa essere in grado di fare entrambe le cose.

Pianificazione in base ai tuoi rischi

È molto comune nei forum sociali che le persone rispondano alla richiesta di aiuto di un preparatore principiante suggeriscano di adattare i piani e le forniture specificamente per un dato evento. È una cosa buona perché ha il vantaggio di tenere le persone con i piedi per terra invece di lasciarle prigioniere delle fantasie sul giorno del giudizio.

Ma, in pratica, quel modello mentale fa sì che le persone ottengano una visione a tunnel – che quindi rende le loro preparazioni meno efficaci o efficienti – o dà la falsa impressione che ci siano enormi differenze nel modo in cui prepararsi.

La buona notizia è che la checklist di base per la preparazione è la stessa per il 98% delle persone e degli scenari.

È una volta superati quegli elementi essenziali che le cose iniziano a diventare personalizzate o complicate, ad esempio se vuoi coltivare un giardino interno nel tuo studio cittadino o hai esigenze mediche insolite.

Ci sono specifiche che sovrapponi alle basi a seconda di quali siano i rischi principali nella tua zona. Se ti stai preparando per un uragano, ad esempio, prima o poi vorrai pianificare come salvare le tue finestre. Ma le cose fondamentali come due settimane di rifornimenti e una borsa da viaggio pronta con il necessario sono le stesse in tutti gli scenari.

La gerarchia di Maslow e la regola di Pareto 80-20

Parliamo spesso della regola 80-20 (il “principio di Pareto“) e di come dovrebbe guidare la preparazione alle emergenze. Il 20% iniziale (ciò che copre questa guida) di tutto il possibile lavoro da fare nella preparazione ti porta all’80% del percorso. Passare dall’80% al 100% di preparazione richiede molto più lavoro e denaro.

Questo principio si applica durante la preparazione. Ad esempio, dovresti prepararti per l’80% degli scenari probabili, non quelli improbabili come un’invasione di zombi creati dall’impatto di un asteroide alieno radioattivo.

La gerarchia di Maslow è un noto principio psicologico che spiega ciò di cui gli esseri umani hanno bisogno per sopravvivere e prosperare in ordine di importanza:

Priorità della lista di controllo di Prepper per la preparazione con un budget

Le fondamenta sono, ovviamente, elementi essenziali come aria, acqua e riparo. Molti preparatori fanno riferimento alla regola dei 3: puoi sopravvivere 3 minuti senza aria, 3 ore senza riparo in cattive condizioni, 3 giorni senza acqua e 3 settimane senza cibo.

Una volta che hai coperto queste necessità di base, puoi pensare al livello successivo e così via. In cima alla piramide c’è l’autorealizzazione, che significa cose come godersi gli hobby e “trovare se stessi”. Usa questi due framework critici per mantenere i piedi in terra nella tua preparazione e in ordine di priorità. Ad esempio, è molto meglio garantirsi quattro pasti, anche se non ti piacciono, che due soli dei tuoi pasti preferiti.

Che ci crediate o no, ci sono persone che fanno continuamente questi errori.

Passaggio 1: metti in ordine la tua salute e le tue finanze

Problemi medici e difficoltà finanziarie sono i problemi più probabili che dovrai affrontare nella tua vita e, poiché sei un preparatore sano di mente, devi dare la priorità alle emergenze più probabili.

Tutte le statistiche sulla salute finanziaria personale sono incredibilmente negative. Ad esempio, oltre il 50% delle persone ha problemi nel gestire un’emergenza inaspettata da  500 euro (ad es. il forno della tua cucina si guasta improvvisamente).

Non dovresti spendere soldi per attrezzi/forniture oltre l’essenziale (ad es. due settimane di acqua a casa tua) senza prima avere preparazioni finanziarie di base come un fondo per i giorni di pioggia, un piano di riduzione del debito e risparmi per la pensione.

Storia simile con la salute personale: stiamo diventando sempre più malati e meno capaci di gestire le esigenze fisiche inerenti a un’emergenza. Sarà difficile sopravvivere se fai fatica a salire le scale, hai delle dipendenze o non riesci a mantenere la mente lucida mentre il tuo corpo attraversa uno stress estremo.

Non dimenticare altre nozioni di base “per adulti” come un’assicurazione sulla vita e la pianificazione patrimoniale. Hai una volontà? La tua famiglia sa cosa fare se ti capita un brutto incidente e non puoi parlare? Vuoi che i medici ti tengano in vita in caso di coma vegetativo? Hai aggiunto beneficiari ai tuoi conti finanziari in modo che la tua famiglia non abbia il denaro bloccato in attesa di sistemare tutta la burocrazia?

Suggerimento: fare passeggiate casuali in casa ed intorno ad essa è un ottimo modo per fare esercizio e controllare un elemento fondamentale della lista di controllo 101 (conosci l’ambiente circostante!) allo stesso tempo.

72 ore contro 2 settimane

Fino a poco tempo fa, le guide per la preparazione alle emergenze raccomandavano in genere di avere 72 ore di rifornimenti. Il sito Ready.gov del Dipartimento per la sicurezza interna degli Stati Uniti afferma attualmente: “Essere preparati significa avere cibo, acqua e altre forniture che durino per almeno 72 ore“.

Hanno torto. Sopravvivere per 72 ore è meglio di niente, ma la maggior parte degli esperti moderni ritiene che dovresti essere preparato per almeno due settimane per gestire la maggior parte degli eventi probabili.

Alcuni gruppi, come la Croce Rossa Internazionale, hanno aggiornato i propri suggerimenti; il loro sito ora consiglia di avere “scorte di 3 giorni in caso di evacuazione, scorte di 2 settimane per la casa“.

I nostri sistemi di emergenza, i primi soccorritori e i rifornimenti della Protezione Civile possono essere rapidamente sopraffatti. Il sistema non è progettato per gestire disastri improvvisi su larga scala.

Eventi recenti come l’uragano Harvey negli USA, lo tsunami giapponese, il terremoto di Haiti e gli incendi in California, Australia e Spagna sono tutti esempi di disastri localizzati in cui le persone sono state sfollate o rimaste senza servizi di base per settimane, non giorni.

Nel 2016 la Marina degli Stati Uniti, la Guardia Costiera e la Guardia Nazionale dello stato di Washington hanno svolto un’esercitazione su vasta scala di nove giorni per testare quanto bene avrebbero potuto rispondere a un enorme terremoto nella zona di subduzione della Cascadia. Quell’area copre Vancouver, Seattle e Portland attraverso la California settentrionale.

Il rapporto di 83 pagine giunge a molte conclusioni spaventose. Gli autori ammettono che i sistemi non sono pronti, le infrastrutture crolleranno e si verificherebbe una vera e propria crisi umanitaria in dieci giorni. E in Italia la situazione non è migliore.

La politica e gli stanziamenti stanno peggiorando le cose nel tempo, non migliorando. Ci vorrebbe almeno una settimana per coordinare adeguatamente le risorse esterne portate in aiuto. Ad esempio, l’esercito americano riferisce ha bisogno in media di otto giorni per mobilitare una risposta all’interno del confine degli Stati Uniti, e questo è solo per una crisi relativamente localizzata, come un terremoto.

All’esercito italiano occorrerebbe forse un po’ meno, stante la notevole esperienza accumulata, ma molto dipenderebbe dall’estensione dell’emergenza. Un’improvvisa eruzione del supervulcano dei Campi Flegrei, ad esempio, manderebbe in tilt tutti i dispositivi di soccorso, con milioni di vittime e la necessità di sfollare altri milioni di persone in uno scenario di gravi danni alle infrastrutture (strade, ferrovia, tubature dell’acqua, del gas, distribuzione elettrica).

Passaggio 2: prepara la tua casa per due settimane di autosufficienza

Iniziamo con la casa perché è dove trascorri la maggior parte del tuo tempo e di solito è il posto migliore per superare un’emergenza. Ecco perché i governi danno consigliano di “rimanere in casa” durante una crisi.

Esempi di situazioni:

  • Hai una grande spesa inaspettata o un licenziamento che fa saltare il tuo budget limitato
  • Scuola e lavoro sono sospesi a causa di un’ondata di caldo paralizzante
  • La rete elettrica o idrica si interrompe per alcuni giorni
  • Un grave terremoto
  • Un brutto uragano inonda la tua città per una settimana
  • Si sta diffondendo un’epidemia e sei messo in quarantena a casa tua
  • L’ordine civile crolla con disordini di massa nelle strade
  • Una città vicina viene attaccata da un nemico
  • Crollo totale della società

Il tuo obiettivo è riuscire a sopravvivere nella tua casa per almeno due settimane senza alcun aiuto esterno, sia dalle persone che dalla rete. Ciò significa che non puoi presumere di avere elettricità, acqua, gas per cucinare o riscaldare, comunicazioni, Internet, 112, ambulanze e così via.

Riepilogo elenco di controllo casa:

  • Acqua : immagazzinare 75 litri di acqua potabile a persona (circa 5 litri al giorno) e avere modi per trattare l’acqua sporca tramite un filtro per l’acqua portatile.
  • Cibo : almeno 23.000 calorie a persona (circa 1.500 calorie al giorno) di cibo a lunga conservazione pronto da mangiare o che necessita solo di acqua bollente per essere preparato; di solito uno o un mix di cibo extra da supermercato che normalmente mangi comunque o cibo speciale per la preparazione che dura per sempre.
  • Fuoco : accendini, fiammiferi e accendifuoco di riserva
  • Luce : proiettori, torce elettriche, candele, lanterne
  • Riscaldamento e raffrescamento : riscaldatori interni sicuri, coperte extra, ventilatore alimentato tramite USB.
  • Rifugio : un telo economico (qualsiasi cosa trovi in ​​un negozio locale) è utile per ripari improvvisati, tappare buchi in casa e ripulire i detriti.
  • Farmaci : Avere scorte di due settimane dei farmaci che si assumono per terapia e scorte di antinfiammatori, paracetamolo, antibiotici a largo spettro.
  • Igiene : salviettine umidificate, disinfettante per le mani, sapone da campo.
  • Comunicazione : una radio unidirezionale o una ricetrasmittente (se sai come usarla)
  • Alimentazione : batterie di ricambio e powerbank (la tua borsa per le emergenze avrà un caricatore solare, ma puoi anche averne un secondo per casa).
  • Strumenti : coltello, ascia, pala, guanti da lavoro, chiave inglese per le linee del gas, fascette, nastro adesivo, ecc.
  • Autodifesa : dipende dalle opinioni personali, può includere giubbotti antiproiettile, armi da fuoco, ecc.
  • Contanti : quanto puoi ragionevolmente permetterti di tenere da parte per le emergenze.
  • Salute mentale : giochi da tavolo, libri preferiti, cuffie per la musica, film scaricati su tablet, ecc.
  • Documenti : copia di atti/titoli, polizze assicurative, certificati di nascita, mappe, foto di familiari, ecc. sia in forma fisica che digitalizzati su chiavetta USB.
  • Informazioni locali e di emergenza : annotare i numeri di contatto importanti, conoscere l’ubicazione degli ospedali più vicini, ecc.

Ogni principiante dovrebbe comprendere il modello First In First Out (“conserva ciò che usi, usa ciò che conservi”). È un modo semplice per accumulare forniture per la casa senza costi o sforzi aggiuntivi e si applica ad acqua, cibo e materiali di consumo quotidiani come carta igienica e batterie.

L’acqua è troppo importante per lasciarla al caso. Quindi non dare per scontato che avrai tempo per riempire la vasca da bagno o correre al negozio, e non usare vasi inappropriati. Procurati dei serbatoi di stoccaggio dell’acqua adeguati.

Il cibo non è fondamentale come l’acqua poiché la maggior parte delle persone può sopravvivere settimane senza mangiare. Quindi, per la tua copertura di emergenza di base a breve termine, non devi pensare a “creare” cibo attraverso il giardinaggio, la caccia, ecc. La prima linea di difesa è semplicemente avere a portata di mano del cibo extra stabile. Le persone raggiungono questo obiettivo in due modi (o in entrambi):

  • Avere comunque qualcosa in più delle cose che normalmente compri e mangi.
  • Acquistare “cibo di sopravvivenza” da non utilizzare fino a un’emergenza

Il vantaggio di avere il normale cibo del supermercato è che non ti ritroverai con cose che potresti non usare mai e, in caso di emergenza, continueresti a mangiare le stesse cose a cui sei abituato. Lo svantaggio è che hai bisogno di più spazio di stoccaggio rispetto alle razioni di cibo di sopravvivenza, e se non è la tua normale abitudine cucinare molto a casa, c’è un limite a quanto puoi conservare prima di rischiare qualsiasi spreco.

Il cibo che non apriresti fino a un’emergenza è più costoso, ma occupa meno spazio per la stessa quantità di calorie, richiede una cottura minima o nulla e può durare su uno scaffale per 20-30 anni.

Cos’è una borsa per le emergenze? Dovresti averne una?

Un’emergenza può colpire in qualsiasi momento. Potresti avere solo pochi secondi per lasciare la tua casa. O forse guadagni un vantaggio (ad es. traffico sfrenato) evacuando mentre tutti gli altri stanno ancora decidendo cosa avranno bisogno di portare con sé.

Ecco perché una parte fondamentale dell’essere preparati è avere una borsa sempre pronta per l’uso: qualunque cosa accada, saprai di avere gli elementi essenziali giusti per sopravvivere, gestire comodamente le conseguenze e potenzialmente aiutare gli altri intorno a te.

Quindi la tua borsa per le emergenzeè essenzialmente il tuo kit di emergenza, dal momento che potrai comunque cavartela se questa è l’unica cosa che hai pronta.

Bonus : come preparatore principiante, costruire le tue borse per le emergenze è per molti versi uguale a costruire un kit di emergenza per la tua casa. Dal momento che la borsa viene sempre tenuta a casa, se succede qualcosa in casa o ti ripari sul posto durante un’emergenza più lunga, è possibile utilizzare le scorte della borsa di emergenza se necessario.

Dal momento che non puoi presumere che avrai la possibilità di utilizzare un veicolo, queste borse devono essere portatili a piedi. Ciò significa usare uno zaino e mantenere le cose a un peso ragionevole tenendo conto dell’ambiente locale.

Alcune persone pensano che una borsa per l’emergenza serva esclusivamente per “scappare fuori” lungo un percorso predeterminato verso una “posizione di uscita dalle emergenze” pre-rifornita (come una capanna nel bosco). Potrebbe succedere, ma è un presupposto che infrange le regole di preparazione.

Allo stesso modo, alcune persone dicono “Non riesco a immaginare uno scenario realistico in cui avrei bisogno di uscire di casa per più di qualche giorno“. Puoi decidere di saltare la costruzione di una borsa già pronta, se lo desideri, ma ciò significa che stai decidendo di essere meno preparato. Il punto è che non sai cosa accadrà, quindi perché non avere una borsa sempre pronta e che può fare il doppio del lavoro a casa tua? L’unica volta che pensiamo sia razionale saltare questo passaggio è per le persone anziane o disabili che dovrebbero affrontare sfide impegnative fuori casa.

Ci sono innumerevoli situazioni in cui avere questa borsa, pronta per l’uso, può fare la differenza tra la vita o la morte, o almeno la differenza tra una vita tranquilla o molto dolore e soldi persi. Qualche esempio:

  • Le autorità ordinano un’evacuazione e tu vuoi anticipare il caos e gli ingorghi partendo rapidamente mentre gli altri si affrettano a fare i bagagli.
  • Devi andare da qualche parte in fretta (forse un membro della famiglia è improvvisamente sul letto di morte) e non hai tempo per fare le valigie.
  • Ti svegli nel cuore della notte per un incendio in casa o un incendio in rapido avvicinamento che brucia la tua casa subito dopo che sei scappato.
  • Qualcuno è ferito fuori casa, quindi prendi la tua borsa (che contiene forniture mediche) e corri verso di lui.
  • L’uragano o il tornado che pensavi ti sarebbe mancato improvvisamente ha cambiato rotta e ora devi vivere in un campo per sfollati per un mese.
  • Un terremoto ti costringe a uscire e non puoi rientrare per giorni mentre tutto viene rimesso in sicurezza.
  • Fuori casa si sviluppano disordini civili e tu vuoi allontanartene.
  • Un nemico ha attaccato la tua zona, magari con un missile o un’arma biologica.
  • Un intruso in casa o un’altra situazione di violenza domestica può comportare la necessità di una fuga veloce.

La tua borsa da viaggio ha tutto ciò di cui hai bisogno per sopravvivere, come acqua e riparo, ma include anche cose da recuperare, come documenti importanti.

E questa è la parte difficile: come metti insieme il complemento più completo di cui hai bisogno per sopravvivere e recuperare in una borsa? Come si costruisce quella borsa in modo da coprire la più ampia gamma di scenari pratici possibile?

Passaggio 3: borsa da viaggio per le emergenze per ogni adulto

Più precisamente: una borsa da viaggio per le emergenze per tutti coloro che in casa possono portarne una. Molte famiglie costruiscono una borsa separata per i bambini una volta raggiunti i 10-12 anni, modificandone il contenuto secondo necessità, ad esempio.

Ad esempio, una “borsa da viaggio” di base da 20 chili dovrebbe avere:

  • Kit di pronto soccorso individuale – Livello 1
  • 3 litri di acqua potabile conservata in una borraccia dura
  • Filtro dell’acqua
  • Pastiglie per la purificazione dell’acqua x 20-40
  • Cibo pronto da mangiare
  • Accendino x 2
  • Lampada frontale
  • Coltello da campo
  • Multi attrezzo
  • dieci metri di corda robusta
  • Carta e penna impermeabili
  • Documenti (fisici e in chiavetta USB)
  • Contanti
  • Sapone
  • Carta igienica
  • Tagliaunghie
  • Cappello
  • Calzini
  • Pantaloni robusti
  • Biancheria intima
  • Giacca / mantello impermeabile
  • bandana
  • Radio a una o due vie
  • Cavo di ricarica USB e presa a muro
  • Pacco batterie agli ioni di litio
  • Mascxhera antigas / mascherine FFP2
  • Sacchetti della spazzatura x 2
  • sacchetti stagni da 20 litri

Passaggio 4: procurati le borse per la casa, il trasporto quotidiano e forniture per veicoli

Cosa succede se si verifica un’emergenza mentre sei lontano da casa?

Chiaramente non puoi andare sempre in giro con una borsa pesante, quindi la chiave è mantenere i giusti tipi di forniture dove si adattano naturalmente al tuo modello di vita: i modelli quotidiani della maggior parte delle persone tendono ad essere abbastanza coerenti e prevedibili, quindi usa questo a tuo vantaggio.

Scenari di esempio:

  • Il tuo vagone della metropolitana perde energia tra le stazioni.
  • Assisti a un grave incidente d’auto mentre guidi verso casa nel traffico dell’ora di punta. Potrebbero volerci dai 10 ai 15 minuti perché arrivino i soccorsi.
  • Sei messo alle strette da due rapinatori mentre torni a casa di notte.
  • Un folle spara su persone a caso mentre sei nel centro commerciale.
  • Un terremoto colpisce mentre sei al lavoro. La tua auto è nel garage e lavori in città a circa 30 minuti dalla tua casa di periferia.
  • Kim Jong Un decide di interrompere la tua meritata giornata alle terme inviando un missile balistico intercontinentale sulla città vicina.

Per la maggior parte delle persone nelle società moderne, ciò significa una combinazione di:

  • Avere una borsa asttrezzata (GHB) nel bagagliaio del veicolo, nell’armadietto del lavoro, in ufficio o in qualsiasi altro luogo possa essere riposto in modo sicuro, purché sia il più vicino possibile in una giornata tipo.
  • Avere alcuni oggetti utili sempre con te, sul corpo o in una borsa per l’uso quotidiano, come uno zaino o una borsa della scuola.
  • Forniture per auto. Anche se tieni un GHB nel bagagliaio, è una buona idea tenere attrezzatura aggiuntiva specifica per i problemi del veicolo.

A Get Home Bag (GHB) prende il nome dal concetto di “La merda ci stasommergendo, quindi ho bisogno di tornare a casa perché quello è il mio posto più sicuro

Ma un GHB serve anche come unica fonte di approvvigionamento se la natura dell’emergenza significa che non puoi (o non dovresti) provare a tornare a casa. Per fare un esempio estremo, immagina che un’arma biologica venga rilasciata tra il tuo lavoro e casa, obbligandoti ad evacuare nella direzione opposta. Un esempio più comune è passare una notte in macchina durante una tempesta di neve, come accadde a molti in centro Italia nel febbraio del 2012 o sull’autostrada del Sole tra Firenze e Bologna nel novembre del 1995.

Quindi un GHB è simile a un BOB in molti modi, solo tenuto fuori casa.

Differenze di loadout comuni tra GHB e BOB:

  • Il bagagliaio delle auto può diventare molto caldo, quindi evitare cibi e medicinali che vanno a male ad alte temperature.
  • Riempire i contenitori dell’acqua solo per l’85% circa per consentire il congelamento nei climi freddi.
  • Nelle aree con leggi sulle armi più severe, ciò che puoi conservare legalmente nel tuo BOB a casa potrebbe non essere legale in un GHB/EDC fuori casa.

Dal momento che la maggior parte delle persone vano in macchina un po’ ovunque, il bagagliaio dell’auto è il punto di deposito più comune. Alcune persone arrivano al punto di seppellire il loro GHB vicino al lavoro o lungo il percorso tra lavoro e casa.

Se non guidi o semplicemente non hai la possibilità di riporre un intero zaino da qualche parte, fai del tuo meglio per integrare le forniture più importanti (ad es. un filtro dell’acqua) negli zaini o nelle borse di uso quotidiano.

Lista di controllo per il trasporto quotidiano

Poiché gli oggetti EDC vengono trasportati fisicamente ovunque tu vada, sei molto più limitato dallo spazio e dal peso. Oltre il 95% degli oggetti EDC che vedi in natura sono realizzati in tutto o in parte da questo elenco:

  • Dettagli in caso di emergenza (es. una carta plastificata di informazioni importanti conservata in un portafoglio)
  • Telefono (di solito con mappe scaricate e app utili)
  • Pacco batteria ricaricabile agli ioni di litio
  • Torcia elettrica
  • Coltello tascabile
  • Multi attrezzo
  • Accendino
  • Paracord
  • Kit di pronto soccorso
  • Maschera antigas e mascherine FFP2
  • Blocco note e penna resistenti alle intemperie
  • Armi di autodifesa, spray al peperoncino, ecc.
  • Contanti nascosti e/o carte di credito

Questi oggetti possono essere sparsi in qualsiasi modo abbia senso per te. Ad esempio, alcune persone tengono il telefono e l’accendino in tasca, la torcia sul portachiavi, il multiutensile e la pistola CCW alla cintura, il paracord a forma di braccialetto da polso e le forniture mediche, il respiratore, la batteria USB, il blocco note, penna e informazioni ICE nella loro borsa/borsetta.

Non è consigliabile utilizzare giubbotti antiproiettile, zaini o dispositivi di protezione simili per l’EDC. La paura per i tiratori attivi è esagerata.

Veicoli

Se hai un veicolo, dovresti tenere a portata di mano l’attrezzatura di base per le emergenze legate alla strada. Questi oggetti non hanno bisogno di essere tenuti in uno zaino poiché è molto improbabile che tu debba portarli a piedi per lunghe distanze.

Equipaggiamento più frequentemente tenuto in macchina:

  • In caso di emergenza le informazioni sono conservate in un vano portaoggetti o in una console
  • Mappe
  • Strumento rompifinestrini e per tagliare le cinture di sicurezza
  • Coperta di emergenza in Mylar 1-2x
  • Coperta adeguata o cappotto extra
  • Cappello extra, occhiali da sole, crema solare
  • Batteria di avviamento di emergenza
  • Cavi di collegamento
  • Cinghie di traino
  • Razzi stradali o segnale di incendio
  • Ruota di scorta
  • Chiave per pneumatici
  • Raschietto per parabrezza
  • Liquido tergicristallo antighiaccio
  • Una piccola pala (es. “e-tool” o strumento di trincea) o una cazzuola da giardino per scavare sotto gli pneumatici
  • Lettiera del gatto, sabbia o altro attrezzatura per trazione spalmabile
  • Tavole di trazione
  • Kit pronto soccorso, occhiali extra, ecc.
  • Spina per trasformare una presa accendisigari in un caricatore USB
  • Acqua immagazzinata e/o filtro dell’acqua

Passaggio 5: impara, esercitati e pianifica!

Avere attrezzatura è una cosa, ma gli esperti di sopravvivenza sanno che un’ottima preparazione è un mix di attrezzatura, abilità, pianificazione e pratica. Il che significa che non sei davvero preparato se ti limiti semplicemente ad acquistare dell’attrezzatura, la butti in magazzino e poi ti dai una pacca sulla spalla! L’attrezzatura devi saperla usare nel modo giusto.

In caso di emergenza, non vuoi fare affidamento su un prodotto  che non hai mai usato prima. Anche se qualcosa sembra semplice ora, il tuo cervello può trasformarsi in una ciotola di poltiglia di fronte al caos.

E ci sono troppi prodotti scadenti di “sopravvivenza” che cadono a pezzi sul campo quando ne hai più bisogno. O forse quel cibo di emergenza che hai comprato non si adatta bene al tuo stomaco, cosa che non ti rendi conto fino a quando non affronti la diarrea nel momento peggiore.

Una volta che hai messo a posto alcuni degli attrezzi di base in casa e nelle borse da viaggio, è tempo di iniziare ad apprendere le abilità critiche.

Fallo in parallelo mentre continui a costruire le tue scorte e a mettere a punto il tuo piano di preparazione alle catastrofi.

Anche se puoi trovare gemme nascoste gratuitamente su YouTube, è difficile sapere quali sono legittime e quali sono alcune persone a caso che ti dicono consigli di sopravvivenza sfatati tramandati da suo nonno. Abbiamo perso il conto del numero di lezioni casuali sul web che insegnano miti di sopravvivenza sfatati, come l’uso dei tamponi per tappare i fori dei proiettili.

Man mano che impari di più sulla preparazione, non dimenticare di esercitare le tue abilità nello stesso modo in cui ti eserciteresti con l’attrezzatura. È anche il momento di prendere l’abitudine di una revisione della preparazione annuale o semestrale, in cui controlli le tue scorte, aggiorni qualsiasi cosa sia scaduta, cambi i vestiti invernali ed estivi nelle tue borse da viaggio, controlli le informazioni di contatto, ecc.

La tua revisione annuale è anche un ottimo momento per fare pratica con la tua famiglia.

Passaggio 6: condividi e recluta!

La preparazione è più efficace e più divertente! — quando condividi la responsabilità con i tuoi amici, familiari e vicini.

È come uno schema di marketing multilivello, tranne per il fatto che tutti vincono!

Alcuni prepper della vecchia scuola seguono troppo la mentalità del lupo solitario, in cui tengono tutto segreto e presumono di dover attraversare lande desolate da soli con il loro fucile e il loro fedele cane mentre tutto il resto del mondo gli crolla intorno.

Le cose semplicemente non funzionano in questo modo. Durante la Grande Depressione, ad esempio, gli studi dimostrano che le aree con una “mentalità comunitaria” più elevata se la cavavano molto meglio delle aree in cui le persone tendevano ad andare da sole.

Chiaramente non vuoi trasmettere la tua preparazione a persone che non conosci, sotto forma di post pubblici sui social media o ovvie “bandiere” in giro per casa. Non dipingere obiettivi su te stesso o sulle tue cose quando si verifica un’emergenza.

Ma la famiglia, gli amici, i vicini e i colleghi sono tutte potenziali reclute. Non solo ti sentirai a tuo agio nell’aiutare gli altri a vedere la luce, ma sarai più preparato quanto più “cuscinetto” avrai intorno a te.

Un ottimo modo per incontrare altre persone che la pensano allo stesso modo nella tua comunità è attraverso la formazione locale, che può persino portare a creare o entrare a far parte di un “cerchio di resilienza” o di un gruppo di mutuo soccorso.

Allora cosa?

Non sei più un principiante a questo punto. Molto bene! Fai una pausa e smetti di pensare a brutti scenari per un po’. Il modo in cui progredirai da qui inizia a dipendere molto dai tuoi obiettivi e dalle circostanze. In parole povere, le persone tendono a:

  • Aumentare la quantità di tempo in cui possono sopravvivere nella loro casa senza aiuto, il che di solito significa aumentare le scorte (ad esempio avere più mesi o anni di cibo e acqua) e migliorare la casa in modo che non abbia bisogno della rete.
  • Pensa ad attrezzature più avanzate, come diversi tipi di armi.
  • Esplora i modi per creare il proprio cibo attraverso l’agricoltura o il bestiame, anche se si tratta di un piccolo giardino al coperto o di qualche gallina.
  • Esplora i modi per raccogliere acqua tramite sistemi di raccolta della pioggia, ecc.
  • Acquista o costruisci un veicolo per le emergenze.
  • Fai prativa nel cucinare in casa, riparare prodotti, compostare e altre tecniche generali da fattoria.
  • Crea una raccolta di risorse di libri di sopravvivenza o altre informazioni non dipendenti da Internet.
  • Continuare a migliorare la propria forma fisica e le finanze personali.
  • Copertura contro i rischi economici con metalli preziosi e/o criptovalute.
  • Costruisci o acquista un luogo sicuro, come una capanna nel bosco a una ragionevole distanza in auto da casa.
  • Continua ad apprendere abilità avanzate, come  la lavorazione dei metalli.

La preparazione è uno stile di vita senza fine.