L’Italia è campione d’Europa

In una notte carica di tensione, l’Italia è tornata è tornata campione d’Europa, 53 anni dopo la finale vinta con l’ausilio della monetina (all’epoca non erano previsti e rigori per stabilire il vincitore e al termine dei supplementari il vincitore venne deciso dal lancio della monetina).

 

Una partita difficile ed iniziata subito in salita per via di una distrazione collettiva della difesa che, al secondo minuto, costava agli azzurri lo svantaggio: il gol di Luke Shaw dava all’Inghilterra un vantaggio che ha messo a lungo in difficoltà gli italiani, finché un gol in mischia a metà del secondo tempo realizzato da Leonardo Bonucci, ha riportato il match in parità.

I meriti dell’Italia

Un pareggio del resto, più che meritato, visto il prolungato controllo del gioco degli azzurri che, però, soprattutto dall’inizio del secondo tempo, avevo continuato a sbattere contro la barriera costruita al limite della propria area di rigore dagli uomini di Southgate.
Appena la partita è tornata in parità si è capito subito che i tempi supplementari e i rigori sarebbero stati inevitabili poiché nessuna delle due squadre sembrava disposta o abbastanza coraggiosa da impegnare abbastanza uomini in avanti per disturbare davvero i difensori avversari.
I rigori sono sempre stati una specie di nemesi per l’Inghilterra che solo 3 volte su dieci è uscita vincitrice da quella che viene, anche un po’ ingiustamente, definita una “lotteria”.
Questa volta è stato il turno dell’Italia di deludere i fan inglesi, che per lungo tempo durante la partita avevano cantato e gioito;  Marcus Rashford, Jadon Sancho e Bukayo Saka con i loro sbagli dal dischetto dal dischetto hanno la responsabilità (ma non vanno sottovalutati i meriti del portiere italiano Gianluigi Donnarumma, giustamente premiato come migliore giocatore del torneo).
Durante le sfrenate celebrazioni italiane, Bonucci – che era stato immenso tutta la notte ed è stato giustamente premiato come “man of the match” – ha urlato “sta arrivando a Roma” nella telecamera a lato del campo per spalmare ancora più sale sulle ferite dei tifosi inglesi.
Prima dell’inizio di Euro 2020, pochi si sarebbero aspettati che l’Italia, che non era riuscita a qualificarsi per il Mondiale 2018, raggiungesse la finale, tanto meno che vincesse il torneo, ma la squadra di Roberto Mancini si è rapidamente affermata come una delle principali contendenti al titolo dopo tre entusiasmanti spettacoli nella fase a gironi.
Gianluigi Donnarumma, eroe italiano ai rigori con due belle parate, è stato giustamente nominato giocatore del torneo e il portiere è a capo di un gruppo di giovanissimi di talento che dovrebbero garantire che questa squadra rimanga competitiva per il prossimo futuro.
Per quanto riguarda l’Inghilterra, è probabile che questa sconfitta bruci ancora per un po’ di tempo sia per i giocatori che per i fan, ma la squadra ha almeno la consolazione di avere riportato la nazionale inglese ai vertici come non accadeva più da molti anni.

I giocatori italiani esultano dopo che il rigore di Bukayo Saka è stato parato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Please reload

Attendere...