Lo Starliner di Boeing si prepara per il volo di prova senza equipaggio

Il taxi spaziale CST-100 Starliner di Boeing è stato accoppiato al razzo Atlas V, che lo lancerà per il suo secondo volo di prova senza equipaggio verso la Stazione Spaziale Internazionale alla fine di questo mese.

Durante il fine settimana, i team di ingegneri hanno spostato la capsula dal Commercial Crew and Cargo Processing Facility presso il Kennedy Space Center della NASA in Florida, al Vertical Integration Facility della United Launch Alliance presso la Cape Canaveral Space Force Station a circa 16 chilometri di distanza.

La capsula, che dovrebbe presto aggiungersi al Dragon Crew di SpaceX nel traghettare gli astronauti da e verso la stazione spaziale, sono ora completamente integrati, ha affermato Boeing in una nota. Gli ingegneri ora verificheranno se il razzo e la capsula comunicano correttamente tra loro prima del lancio, previsto per il 30 luglio.

“Vedere lo Starliner in cima all’Atlas V a pochi giorni dal lancio è il simbolo di quanto sia orgoglioso il nostro team per l’esecuzione di questa missione”, ha dichiarato John Vollmer, vicepresidente e program manager del Boeing Commercial Crew Program.

 

“Orbital Flight Test-2 è una pietra miliare fondamentale nel nostro percorso verso i voli con equipaggio e siamo tutti pronti a vedere il nostro duro lavoro prendere vita con una missione di successo dall’inizio alla fine”.

Durante la sua prima missione, l’Orbital Test Flight 1, nel dicembre 2019, la capsula Starliner non è riuscita a raggiungere la stazione spaziale a causa di errori software e problemi con i sistemi di comunicazione.

Boeing ha lavorato con la NASA per identificare e correggere i problemi prima del secondo tentativo, che è stato rinviato più volte.