Milioni di persone sotto stretto isolamento in Cina a causa della variante delta

Milioni di persone sono state confinate nelle loro case in Cina mentre il paese cerca di contenere il più grande focolaio di Covid-19 verificatosi d parecchi mesi a questa parte. Le autorità hanno disposto test di massa e limitazioni agli spostamenti.

La Cina ha fatto sapere che ieri sono stati identificati 93 casi di positività al Covid-19 (il giorno prima ne erano già stati identificati 55) dopo che un focolaio di variante Delta del SARS-COV-2 si è diffuso in più di 20 città e una dozzina di province.

I governi locali nelle principali città, tra cui Pechino, hanno subito effettuato milioni di tamponi ai residenti, isolando i complessi residenziali dei soggetti positivi e mettendo in quarantena i contatti stretti.

La capitale ha interrotto tutti i collegamenti ferroviari, autobus e aerei con le aree in cui sono stati riscontrati casi di nuovo coronavirus e ha chiuso le porte ai turisti pur in piena alta stagione delle vacanze estive. Sono autorizzati solo gli “spostamenti essenziali“, e solo per persone in possesso di un test dell’acido nucleico negativo.

Domenica scorsa i funzionari della città hanno chiesto ai residenti di non lasciare Pechino “se non necessario”.

La città di Zhuzhou, nella provincia di Hunan, ha imposto a più di 1,2 milioni di residenti di rimanere a casa in stretto isolamento per tre giorni, durante il lancio di una capillare campagna di test e vaccinazioni in tutta la città, secondo una dichiarazione ufficiale.

La situazione è ancora triste e complicata“, ha affermato il governo di Zhuzhou in un comunicato.

 

il governo cinese in passato si era vantato del suo successo nel ridurre i casi domestici praticamente a zero dopo che l’iniziale epidemia di nuovo coronavirus di fine del 2019 che si è poi diffusa a tutto il mondo partendo da Wuhan, consentendo all’economia di riprendersi.

Ma l’ultimo focolaio, che è stato collegato a un cluster a Nanchino dove nove addetti alle pulizie in un aeroporto internazionale sono risultati positivi il 20 luglio, sta minacciando quel successo con oltre 360 ​​casi segnalati nelle ultime due settimane.

Nella destinazione turistica di Zhangjiajie, vicino a Zhuzhou, un focolaio si è diffuso il mese scorso tra gli avventori di un teatro che hanno poi riportato il virus nelle loro case in tutto il Paese. Venerdì Zhangjiajie ha imposto uno stretto lockdown a tutti gli 1,5 milioni di residenti.

I funzionari stanno cercando urgentemente persone che hanno viaggiato di recente da Nanjing o Zhangjiajie e hanno esortato i turisti a non recarsi nelle aree in cui sono stati trovati casi.

Il Paese sta anche combattendo un altro focolaio nella città di Zhengzhou, devastata dalle inondazioni, nella provincia di Henan, dopo che due addetti alle pulizie in un ospedale che cura pazienti con Covid-19 provenienti dall’estero sono risultati positivi.

Sono stati rilevati più di 30 casi e a tutti i 10 milioni di residenti è stato ordinato di sottoporsi al test. Il capo della commissione sanitaria della città è stato rimosso.

La scorsa settimana il distretto di Changping della capitale ha bloccato 41.000 persone in nove comunità abitative.

Lunedì sono stati segnalati nuovi casi anche nella popolare destinazione turistica di Hainan, secondo il comunicato delle autorità sanitarie nazionali.