Nuovi focolai di COVID-19 in Cina

Un nuovo focolaio di COVID-19 in Cina si sta sviluppando rapidamente e le autorità hanno imposto un’elevata vigilanza sugli aeroporti per contenere il numero crescente di infezioni in una città di confine del nord-est causate, sembra, da contagiati giunti dall’estero.

Circa 377 casi trasmessi a livello nazionale con sintomi confermati sono stati segnalati dal 17 al 29 ottobre, secondo i dati della National Health Commission (NHC).

I numeri rimangono piccoli rispetto ai cluster al di fuori della Cina, tuttavia, mentre il resto del mondo studia come coesistere con COVID, la Cina applica un principio di tolleranza zero, con ferrei controlli intorno alle aree di confine e ai porti per evitare che viaggiatori infetti in arrivo diffondano il virus.

Negli ultimi 14 giorni, 14 aree provinciali hanno segnalato nuovi casi trasmessi localmente o portatori asintomatici“, ha detto sabato il portavoce del NHC Mi Feng.

L’epidemia si sta ancora sviluppando rapidamente e la situazione di controllo del virus è grave e complicata“.

Heihe, una piccola città del nord-est di 1,3 milioni di persone che si trova sul lato cinese del fiume Amur al confine con la Russia, ha riportato 26 casi locali il 29 ottobre, un forte aumento rispetto ai nove del 28 ottobre e solo uno il 27 ottobre.

L’epidemia ha messo in luce il lassismo mentale di alcune autorità locali“, ha detto Wu Liangyou, un altro funzionario del NHC.

La Cina rafforzerà lo screening dei test sulle persone ad alto rischio di infezione e migliorerà il monitoraggio di potenziali riacutizzazioni, poiché il virus si sta ancora diffondendo nei paesi circostanti, ha detto Wu in un briefing con la stampa.

 

I sondaggi e i risultati del sequenziamento del virus hanno mostrato che il cluster di Heihe non è correlato a un focolaio in corso che ha colpito principalmente le parti nordoccidentali della Cina, indicando che c’è una nuova fonte di virus portata dall’estero, ha affermato Wu.

Molte infezioni locali riscontrate nelle parti nord e nord-ovest della Cina dal 17 ottobre potrebbero essere ricondotte a una fonte di virus importata dall’estero, ha affermato l’NHC la scorsa settimana.

Le città di confine della Cina, molte con relativamente poche risorse, hanno subito lockdown più stretti rispetto alle città più ricche durante le epidemie.

La piccola città del sud-ovest di Ruili, al confine con il Myanmar, ha visto la sua un tempo solida attività di commercio di gioielli, un pilastro della sua modesta economia, smorzata da alcune delle più dure misure contro il virus in Cina a causa di ripetute focolai di epidemia.

Nelle principali città, i funzionari hanno promesso severe limitazioni per i principali eventi internazionali per ridurre al minimo il rischio di virus importati.

Per ospitare in sicurezza i Giochi olimpici invernali a febbraio, gli atleti cinesi e il personale che supporta l’evento dovranno ricevere un vaccino di richiamo, mentre i richiami sono raccomandati per gli atleti stranieri ma non obbligatori, secondo un rapporto della televisione di stato.

La Cina mira a completare la vaccinazione dei bambini di età compresa tra 3 e 11 anni entro la fine di dicembre, escludendo quelli con condizioni mediche che potrebbero rendere dannoso un vaccino contro il COVID-19, ha affermato Wu.

La campagna vaccinale in Cina ha già raggiunto circa il 75,8% dei suoi 1,4 miliardi di abitanti e si sta procedendo a somministrare una dose di richiamo agli adulti idonei.