Le Olimpiadi di Tokyo 2020 spiegate in numeri: tutto ciò che c’è da sapere

Le Olimpiadi di Tokyo 2020 posticipate lo scorso anno a causa della pandemia, finalmente sono arrivate e termineranno l’8 agosto. Saranno migliaia di atleti presenti, ma in termini numerici, le cose saranno sicuramente un po’ diverse quest’anno.

Secondo il World Economic Forum, ecco alcuni dei numeri chiave dei giochi.

Saranno presenti 11.500 atleti .

Tuttavia, il numero di funzionari, giornalisti e personale di supporto all’estero supera di sette volte il numero di atleti con più di 79.000 partecipanti.

In termini di equilibrio di genere si tratta di una divisione quasi della metà con il 51% di atleti maschi e il 49% femmine.

Per le vaccinazioni è stato vaccinato l’80% dei presenti al villaggio olimpico. Ciò è in contrasto con il pubblico giapponese in generale, dove solo il 30 per cento è stato vaccinato.

E infine, ci saranno 0 spettatori.

Con Tokyo che è entrato in stato di emergenza per la pandemia all’inizio di questo mese, non tutti sono eccitati per le Olimpiadi di Tokyo 2020. In realtà c’è una petizione su Change.Org per fermare l’eventi che ha raccolto ben 450.000 firme di persone preoccupate per il loro benessere e protezione contro il Covid-19.

Ci saranno 33 diversi sport ai Giochi Olimpici.

Questo va di pari passo con cinque sport che vengono presentati per la prima volta in assoluto: karate, skateboard, surf e arrampicata sportiva.

Ci saranno 339 medaglie in 33 diversi sport, in 42 sedi in tutto il Giappone.

Le Olimpiadi di quest’anno puntano ad essere le più verdi. Gli organizzatori sperano che l’evento non emetterà più di 2,93 milioni di tonnellate è la quantità di CO2. Per fare un confronto, le Olimpiadi di Londra hanno generato 3,3 milioni di tonnellate.

Il Giappone sta anche utilizzando 6,2 milioni di telefoni cellulari scartati per realizzare le medaglie e i podi saranno realizzati con plastica riciclata recuperata dall’oceano.

Finora, il Giappone ha speso 15,4 miliardi di dollari per Tokyo 2020, nonostante il 62% degli elettori giapponesi volesse che Tokyo 2020 fosse posticipata o cancellata.