Perché dovresti condividere la tua preparazione e reclutare altri

Quando la comunità dei prepper ha iniziato davvero a crescere durante la crisi finanziaria del 2008, la regola non ufficiale era che si dovevano tenere tecniche e preparativi completamente nascosti

612
Essere un prepper?
Essere un prepper?

Quando la comunità dei prepper ha iniziato davvero a crescere durante la crisi finanziaria del 2008, la regola non ufficiale era che si dovevano tenere tecniche e preparativi completamente nascosti.

Quasi tutti i blogger e vlogger in quel periodo usavano nomi falsi. Alcuni mascheravano persino i loro volti durante la condivisione di video o foto.

Nonostante questa segretezza, il consiglio era di dire alla propria famiglia, agli amici e ai vicini che ci si stava preparando e perché lo si stava facendo, questo perché i vantaggi della condivisione superano i rischi.

Perché la preparazione è stata per lo più un segreto fino ad ora?

La norma della segretezza è stata alimentata da alcune circostanze. In primo luogo, nei primi giorni di preparazione c’era uno stigma della cultura pop sui pazzi con i cappelli di carta stagnola che vivevano nei boschi e davano AR-15 ai loro bambini. I programmi TV e i notiziari, quando ne parlavano, cercavano intenzionalmente le storie più “interessanti” che potevano, perché il loro vero incentivo era vendere uno spettacolo.

Strettamente correlato è che molti nella primitiva comunità dei prepper erano motivati ​​da alcune opinioni politiche estreme. Paure come “I governi ci priveranno di beni e servizi” hanno motivato e guidato la loro preparazione. Ciò ha fatto sì che la maggior parte dei prepper tacesse, perché non erano d’accordo con quelle politiche o semplicemente non volevano rendere politica la preparazione.

In secondo luogo, quando la preparazione era qualcosa che poche persone facevano, c’erano buone probabilità di essere l’unica persona nel proprio circondario a cui importava di queste cose. A volte siamo riluttanti a condividere un hobby insolito per paura di sembrare strani.

È nella natura umana proteggere ciò che abbiamo, specialmente quando le cose si mettono male. Dopotutto, quando accadono le emergenze, passano facilmente notizie di saccheggiatori che irrompono nei negozi di alimentari, persone che rubano forniture ai deboli e una mentalità generale di cane mangia cane.

Non importa quanto si  possa essere ottimista riguardo agli umani e alla loro natura, le norme sociali e lo stato di diritto potrebbero non essere applicabili. Nessun prepper sano di mente metterebbe un grande cartello sulla propria casa con su scritto “Ho cibo di emergenza“, per esempio.

La regola empirica: condividi la tua preparazione con la tua cerchia ristretta di amici, familiari e vicini

Molti prepper non si rendono conto che le persone intorno a loro, come amici e vicini, probabilmente sono già informati di queste tecniche di emergenza estrema. Le persone che si preparano in modo naturale emanano un’atmosfera di premura e sono disponibili ad “agire insieme“. Anche se non hanno idea che hai uno scantinato pieno di provviste, è molto probabile che vengano comunque a bussare alla tua porta in caso di emergenza.

Tre motivi per condividere la tua preparazione:

1. Trai vantaggio diretto dall’avere più persone intorno a te che sono pronte per una crisi
Se i tuoi vicini hanno bambini piccoli, li respingeresti se venissero a bussare, affamati e chiedendo cibo? E se fosse una famiglia di sconosciuti alla disperata ricerca del tuo aiuto?

Queste sono scelte estremamente difficili. Sebbene sia utile pensare a cosa faresti in quella situazione, puoi prendere provvedimenti per evitare il problema incoraggiando le persone intorno a te ad avere i propri rifornimenti e piani. Quando più persone intorno a te sono preparate per una crisi è meno probabile che dipendano da te o creino situazioni imbarazzanti in cui devi allontanarli o peggio. È meno probabile che tu risalti in mezzo alla folla.

Crea backup e una più ampia disponibilità di materiali di consumo, quindi se hai bisogno di qualcosa c’è una maggiore possibilità che qualcuno ce l’abbia e ti aiuti davvero.
Condividere le risorse con altri può permettere di fare acquisti più costosi.

Si possono  condividere le abilità. Non è realistico che una persona possa essere un bravo medico e un bravo elettricista e un bravo leader di combattimento o un bravo agricoltore, e così via.
La forza è nei numeri. Se ti trovassi nascosto in un edificio urbano, preoccupato di evitare bande di vagabondi, come puoi proteggerti quando sei solo e dormi?

2. Costruire comunità di prepper rende tutti più forti e più sicuri
Il giusto equilibrio per la maggior parte dei prepper è un mix di “ama il tuo prossimo” e “metti la tua famiglia al primo posto”. L’argomento è piuttosto semplice. Se credi che la maggior parte delle persone sia tristemente ignorante e impreparata ai veri pericoli che si deve affrontare, uno dei modi migliori per “insegnare a un uomo a pescare” è incoraggiarlo e aiutarlo a prepararsi da solo.

È un dono gratuito che si può fare agli altri. Sappiamo in prima persona che, anche se le persone all’inizio sono scettiche, arrivano ad apprezzare davvero chi mette a disposizione la propria conoscenza perché apre gli occhi e cambia la vita.

A molti prepper piace uscire con altre persone che la pensano allo stesso modo, che sia solo casualmente o facendo qualcosa di specifico come un corso di formazione medica. È un dato di fatto che quando si lavora su un hobby con persone con cui si va d’accordo, la  felicità, l’energia e persino le prestazioni lavorative aumentano notevolmente.

Durante le guerre, molte delle comunità che se la cavavano meglio dicevano che era lo spirito comunitario, in cui le persone si aiutavano a vicenda, uno dei motivi principali per cui riuscivano a sopravvivere.

3. C’è molto meno stigma se più persone lo stanno facendo
Oggi è un mondo completamente diverso rispetto al 2008. Persone di ogni tipo si stanno preparando: sinistra, destra, rurale, urbana, giovane, vecchia, nera, bianca, LGBTQ e così via.

C’è anche una vasta gamma di ragioni ben studiate e di buon senso per prepararsi e preparare gli altri. Potrebbe essere come voler essere pronti per le cose di tutti i giorni come incidenti stradali, cose brutte ma normali come le inondazioni o grandi eventi di collasso della società come la guerra e la rovina economica.

Saresti sorpreso di scoprire quante persone che conosci lo stanno già facendo o stanno pensando di iniziare a farlo.

Correlato: I Prepper avevano ragione?