Putin riconosce le regioni separatiste del Donbas

Il presidente russo Putin ha firmato i documenti relativi in diretta tv e ha chiesto al parlamento russo di ratificare la decisione il prima possibile

184
Putin riconosce le regioni separatiste del Donbas
Putin riconosce le regioni separatiste del Donbas

Questa sera, con un lungo discorso televisivo alla nazione, in cui ha affermato che l’Ucraina non ha una storia di vera nazione, e ha accusato le autorità ucraine di corruzione, ha confermato che riconoscerà l’indipendenza delle due autoproclamate repubbliche separatiste nell’Ucraina orientale.

Il presidente russo Putin ha firmato i documenti relativi in diretta tv e ha chiesto al parlamento russo di ratificare la decisione il prima possibile. Poi ha concluso il suo discorso dicendo “Sono sicuro che avrò il sostegno del popolo russo. Grazie“.

Immediate le reazioni del leaders europei: il Primo Ministro britannico Boris Johnson ha commentato che l’annuncio di Putin è “l’ennesima indicazione che le cose si stanno muovendo nella direzione sbagliata in Ucraina“.

Johnson ha continuato dicendo che il Regno Unito “continuerà a fare tutto il possibile per sostenere il popolo ucraino“, inclusa la preparazione di sanzioni “robuste” e continuando a “fortificare” il fianco orientale della Nato.

Ci sono state alcune speculazioni sul fatto che il Regno Unito e gli Stati Uniti potrebbero armare un’insurrezione ucraina che resisterebbe se la Russia dovesse invadere. Johnson afferma che pochi paesi hanno fornito all’Ucraina “armi difensive” come ha fatto il Regno Unito. “Ora”, ha concluso, “penseremo a cosa possiamo fare di più per sostenere l’Ucraina in un momento molto buio e difficile“.

Il segretario di Stato americano Antony Blinken ha precedentemente promesso “una risposta rapida e ferma” da parte degli Stati Uniti e di alleati e partner se la Russia si muoverà per riconoscere le regioni separatiste dell’Ucraina come parte del territorio russo, definendo tale mossa una “grave violazione del diritto internazionale“.

Ecco perché il riconoscimento delle regioni controllate dai separatisti è significativo :

La guerra è scoppiata nel 2014 dopo che i ribelli sostenuti dalla Russia hanno sequestrato edifici governativi in ​​paesi e città dell’Ucraina orientale. Gli intensi combattimenti hanno lasciato parti della regione orientale di Luhansk e Donetsk nella regione del Donbas nelle mani di separatisti sostenuti dalla Russia. La Russia ha anche annesso la Crimea dall’Ucraina nel 2014 con una mossa che ha suscitato la condanna globale.

Le aree controllate dai separatisti nel Donbas divennero note come Repubblica popolare di Luhansk (LPR) e Repubblica popolare di Donetsk (DPR). Il governo ucraino a Kiev afferma che le due regioni sono in effetti occupate dalla Russia. Le autoproclamate repubbliche non sono riconosciute da nessun governo, compresa la Russia. Il governo ucraino si rifiuta di parlare direttamente con nessuna delle due repubbliche separatiste.

L’accordo di Minsk II del 2015 ha portato a un traballante accordo di cessate il fuoco e il conflitto si è trasformato in una guerra statica lungo la linea di contatto che separa il governo ucraino e le aree controllate dai separatisti. Gli accordi di Minsk (dal nome della capitale della Bielorussia dove sono stati conclusi) vietano le armi pesanti vicino alla linea di contatto.

Il linguaggio attorno al conflitto è fortemente politicizzato. Il governo ucraino chiama le forze separatiste “invasori” e “occupanti”. I media russi chiamano le forze separatiste “milizie” e sostengono che siano locali che si difendono dal governo di Kiev.

Più di 14.000 persone sono morte nel conflitto nel Donbas dal 2014. L’Ucraina afferma che 1,5 milioni di persone sono state costrette ad abbandonare le proprie case, la maggior parte delle quali è rimasta nelle aree del Donbas che rimangono sotto il controllo ucraino e circa 200.000 si sono reinsediate nella più ampia regione di Kiev.

Subito dopo il discorso di Putin Stati Uniti, Francia e Germania hanno riunito i rispettivi consigli di sicurezza. In Italia tutti i partiti hanno chiesto al governo di riferire in parlamento.

Ora la grande paura è che la Russia rompa gli indugi e sposti forze militari nel Donbas.