Russia vs Ucraina: Come si è arrivati ​​alla guerra

Il conflitto tra Mosca e Kiev è radicato nella storia. La sua essenza è che il Cremlino non riconosce l'indipendenza dell'Ucraina, ecco i particolari

608
Russia vs Ucraina
Russia vs Ucraina

Il conflitto tra Mosca e Kiev è radicato nella storia. La sua essenza è che il Cremlino non riconosce l’indipendenza dell’Ucraina.

Da più di una dozzina di anni si sviluppano i presupposti per la tensione nei rapporti tra Russia e Ucraina e l’inizio della guerra scatenata la mattina del 24 febbraio. Le argomentazioni del presidente russo Vladimir Putin risalgono ancora più indietro, al Medioevo, quando parti di quella che oggi è l’Ucraina orientale faceva parte della Russia. Da lì, la tesi del capo del Cremlino su “un popolo” imparentato a quello russo. Allo stesso tempo, il Presidente della Federazione Russa ricorda raramente che russi e ucraini non hanno sempre avuto lo stesso percorso e che di conseguenza si sono formate due lingue e due culture: imparentate, ma diverse. Quando le due repubbliche divennero paesi separati dopo il crollo dell’Unione Sovietica, ci fu un’altra differenza, di natura politica. Kiev ha seguito la strada delle democrazie occidentali, con il cambio di potere. Mosca gli voltò le spalle. La guerra attuale è il risultato della politica degli ultimi 30 anni. Può essere condizionatamente suddivisa in tre fasi, ciascuna di circa dieci anni.

1992-2003: l’Ucraina nasce, la Russia non si preoccupa

Nel dicembre 1991, l’Ucraina, insieme a Russia e Bielorussia, è stata una delle tre repubbliche che hanno sigillato il crollo dell’URSS a Belovezhskaya Pushcha. Apparentemente Mosca sperava di mantenere l’influenza con l’aiuto della Comunità degli Stati Indipendenti (CSI) e forniture di gas a basso costo. Ma è andata diversamente. Russia e Bielorussia hanno creato uno stato sindacale, l’Ucraina ha guardato sempre più all’Occidente. Ciò ha infastidito il Cremlino, ma l’Ucraina ha poi ereditato dall’URSS eserciti e un terzo arsenale dell’arsenale nucleare più grande del mondo. Kiev ha rifiutato i missili, consegnandoli alla Russia in cambio di garanzie di sicurezza (memorandum di Budapest) e assistenza economica. Mentre l’Occidente non ha ricambiato l’Ucraina e non l’ha integrata nelle sue strutture, la reazione di Mosca è sembrata contenuta. Non ci sono stati colpi, ad eccezione dell’incidente con una sparatoria in aria nel 1992, quando la nave pattuglia della flotta del Mar Nero ha alzato la bandiera ucraina e ha lasciato Sebastopoli per Odessa. La Russia nel primo decennio post-sovietico era economicamente debole e le guerre cecene hanno portato via risorse. Dividendo la flotta del Mar Nero e firmando il “Grande Trattato” nel 1997, la Federazione Russa ha riconosciuto i confini dell’Ucraina, compresa la Crimea.

2003-2013: crepe nell’amicizia post-sovietica

La prima grande crisi diplomatica tra Mosca e Kiev si è verificata sotto il presidente Putin. Nell’autunno del 2003, la Russia iniziò improvvisamente a costruire una diga nello stretto di Kerch verso l’isola ucraina di Tuzla. Kiev ha preso questo come un tentativo di ridistribuire i confini. Il conflitto è stato risolto dopo un incontro personale dei presidenti. La costruzione fu interrotta, ma l’amicizia dichiarata tra i due paesi vide le prime crepe. Nelle elezioni presidenziali ucraine del 2004, la Russia ha attivamente sostenuto il candidato filo-russo Viktor Yanukovich, ma la rivoluzione arancione gli ha impedito di vincere tra accuse di frode. Il politico filo-occidentale Viktor Yushchenko è diventato presidente. La sua vittoria divenne il punto di partenza per i cambiamenti nella politica della Federazione Russa. Queste politiche hanno lo scopo di prevenire quelle che Mosca chiama “rivoluzioni colorate” e di cui incolpa l’Occidente. Durante il governo di Yushchenko, la Federazione Russa ha chiuso due volte la valvola del gas verso l’Ucraina – nel 2006 e nel 2009, il che ha portato a interruzioni nelle forniture di transito verso l’Europa.

L’evento chiave per comprendere la situazione attuale si è verificato nel 2008. Al vertice della NATO a Bucarest, il presidente degli Stati Uniti George W. Bush ha cercato di convincere l’Ucraina e la Georgia ad aderire alla NATO (MAP). Putin si oppose aspramente, chiarendo di non riconoscere pienamente l’indipendenza dell’Ucraina. Di conseguenza, Germania e Francia hanno bloccato il piano di Bush. A entrambi i paesi post-sovietici, Ucraina e Georgia, era stata promessa l’adesione alla NATO ma senza nessuna data di chiusura di accordo. Dal momento che non è stato possibile passare rapidamente a un’alleanza militare, l’Ucraina ha tracciato una rotta per l’integrazione economica attraverso un accordo di associazione con l’Unione europea. Nell’estate del 2013, pochi mesi prima di una possibile firma, la Russia ha iniziato a esercitare una massiccia pressione economica sull’Ucraina, quasi tagliando le esportazioni ucraine al confine. In autunno, il governo di Yanukovich, divenuto presidente nel 2010, ha annunciato la sospensione dei preparativi per la firma di un accordo con Bruxelles, citando le pressioni della Federazione Russa. La decisione di Yanukovich ha scatenato proteste in Ucraina.

2014-2021: Annessione della Crimea e guerra nel Donbass

A Kiev è sorto un vuoto di potere e nel marzo 2014 la Russia ha annesso la Crimea. Allo stesso tempo, le strutture paramilitari russe e locali hanno dato slancio al separatismo nel Donbass, una regione a maggioranza russofona, a Donetsk e Luhansk sono state proclamate “repubbliche popolari”, guidate da persone arrivate dalla Federazione Russa in uniformi non contrassegnate.

Kiev ha reagito lentamente, ha aspettato le elezioni presidenziali di fine maggio e solo allora ha deciso un uso su larga scala della forza, che ha chiamato “operazione antiterrorismo” (ATO). All’inizio di giugno 2014, in Francia, in occasione del 70° anniversario dello sbarco alleato in Normandia, il neoeletto presidente dell’Ucraina Petro Poroshenko ha incontrato per la prima volta il suo omologo russo Putin attraverso la mediazione dei leader di Germania e Francia. Nasce così il “formato normanno“.

In estate, l’esercito ucraino ha iniziato a respingere i separatisti, ma alla fine di agosto la Russia, secondo Kiev, ha utilizzato il suo esercito su larga scala nel Donbass. Mosca lo nega. Le forze ucraine furono sconfitte vicino a Ilovaisk, che fu l’apice del conflitto. La guerra lungo l’intera linea del fronte si è conclusa con la firma di un cessate il fuoco a Minsk a settembre, che è stato rapidamente disatteso. In seguito iniziò la guerra di posizione. All’inizio del 2015, i separatisti hanno intrapreso un’ampia offensiva. Kiev ha nuovamente accusato Mosca di utilizzare un esercito senza segni di identificazione, la Federazione Russa ha nuovamente negato tutto. Le forze ucraine furono sconfitte vicino alla città centrale di Debaltseve, che dovettero lasciare in fretta. Poi, con la mediazione di Germania e Francia, è stato firmato “Minsk-2“, un accordo che rimane ancora il principale documento per la risoluzione del conflitto. Nessuno dei suoi punti è stato pienamente attuato, per il quale le parti si accusano a vicenda.

L’ultima volta che una svolta sembrava possibile è stata nell’estate e nell’autunno del 2019, quando le parti hanno concordato e attuato il ritiro delle forze in diverse aree. Ma dopo il vertice formato Normandia a Parigi, non ci sono stati più incontri. La Russia si rifiuta di comunicare direttamente con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, accusandolo di non aver implementato Minsk-2. Nel 2021, la Federazione Russa ha ritirato due volte truppe ai confini dell’Ucraina, in primavera e nel tardo autunno. A dicembre, il presidente Putin ha lanciato per la prima volta un ultimatum agli Stati Uniti e alla NATO di non accettare l’Ucraina e altri paesi post-sovietici nell’alleanza e di non fornire loro assistenza militare. L’Alleanza ha rifiutato.

2022: L’inizio della guerra della Russia contro l’Ucraina

Il 21 febbraio 2022, il presidente russo Vladmir Putin ha riconosciuto l’indipendenza della “Repubblica popolare di Donetsk” e della “Repubblica popolare di Luhansk” separatiste. I documenti rilevanti sono stati ratificati dal parlamento del paese. Putin ha anche affermato che queste formazioni includono i territori delle regioni ucraine di Donetsk e Lugansk. Questo è molto più della regione controllata dai separatisti. La mattina presto del 24 febbraio, il capo dello Stato russo ha annunciato l’inizio di una “operazione militare speciale” contro l’Ucraina. Ha definito il suo obiettivo la “smilitarizzazione” del paese. Le forze armate della Federazione Russa hanno iniziato a colpire le città dell’Ucraina e le sue infrastrutture militari, non solo nel Donbass.

Putin riconosce le regioni separatiste del Donbas

Ucraina sotto attacco, cosa succederà da noi? Come conviene prepararsi?

Ucraina, media americani affermano che sarebbe partito l’ordine di avviare l’invasione

Colpo di scena! La Russia avvia il ritiro delle truppe schierate ai confini dell’Ucraina

Immagini satellitari mostrano dispiegamenti militari russi al confine tra Bielorussia ed Ucraina

Immagini satellitari mostrano dispiegamenti militari russi al confine tra Bielorussia ed Ucraina

Ucraina: come faremo a sapere se la guerra è iniziata?

Tensioni in Ucraina: la Russia condanna l’aumento delle truppe statunitensi in Europa

La Russia aumenta la pressione su Ucraina e NATO

Venti di guerra: gli USA esortano i cittadini statunitensi in Ucraina a lasciare il paese mentre sono allo studio spostamenti di truppe

Sbloccare lo stallo in Ucraina

Tensione in Ucraina: colloqui urgenti USA-Russia a Ginevra mentre crescono i timori di invasione