Sbloccare lo stallo in Ucraina

L'escalation della guerra psicologica tra Stati Uniti e Russia sull'Ucraina si sta avvicinando rapidamente a un punto in cui un'uscita pacifica da una crisi con ramificazioni nel mondo reale per gli americani potrebbe essere impossibile

715
Né Biden né Putin possono permettersi di sbloccare lo stallo in Ucraina
Né Biden né Putin possono permettersi di sbloccare lo stallo in Ucraina

L’escalation della guerra psicologica tra Stati Uniti e Russia sull’Ucraina si sta avvicinando rapidamente a un punto in cui un’uscita pacifica da una crisi con ramificazioni nel mondo reale per gli americani potrebbe essere impossibile.

Il presidente Joe Biden, sostenuto dal pieno potere simbolico dell’alleanza occidentale, è bloccato in una resa dei conti con il presidente russo Vladimir Putin, che sta usando l’Ucraina come ostaggio per cercare di costringere gli Stati Uniti a rinegoziare ma questo potrebbe non essere fattibile, data l’enorme posta politica in gioco che entrambi hanno messo sul tavolo.
La resa dei conti nell’Europa orientale potrebbe sembrare un problema di qualcun altro mentre gli americani affrontano una pandemia e un’elevata inflazione e conducono le proprie battaglie politiche. E Biden ha già detto che non invierà truppe statunitensi non NATO in Ucraina.
Ma la realtà è che le due maggiori potenze nucleari del mondo stanno affrontando la loro prova di volontà più tesa dalla caduta dell’Unione Sovietica. Un’invasione russa dell’Ucraina potrebbe innescare il più grande scontro di eserciti convenzionali in Europa dalla seconda guerra mondiale. La posta in gioco per gli americani è la credibilità dell’Occidente, la percezione della potenza globale degli Stati Uniti e la possibilità di pesanti conseguenze secondarie n patria, ad esempio un aumento dei prezzi dell’energia alimentato dalla crisi.
Gli Stati Uniti non possono accettare le concessioni richieste da Putin che comprometterebbero gravemente la NATO. E le minacce statunitensi di sanzioni punitive senza precedenti contro la Russia se dovesse invadere, oltre agli sforzi per offrire a Putin una via d’uscita, non hanno funzionato.
In effetti, il governo di Kiev afferma che la Russia ha quasi completato il concentramento di forze che consentirebbero un’invasione su vasta scala. L’uomo forte del Cremlino, che ha 100.000 soldati ai confini dell’Ucraina, sta tenendo in sospeso il mondo con un gioco di poker di grande potenza. È proprio così che piace a Putin, che vive per sbilanciare gli avversari.
Alcuni analisti ritengono che il leader russo stia bluffando e abbia creato la minaccia di invasione per ottenere concessioni nei colloqui con gli Stati Uniti. Altri vedono un tentativo di destabilizzare l’Ucraina. Ma Putin potrebbe anche percepire la debolezza negli Stati Uniti e le divisioni dell’Europa, e pensare che se mai potrà schiacciare le speranze dell’Ucraina di un futuro filo-occidentale, questo è il momento.
Con gli Stati Uniti che rifiutano le sue richieste e con così tanto del suo prestigio avvolto dalla crisi, sembra improbabile che faccia le valigie e torni a casa.
L’unica cosa di cui sono fiducioso è che la decisione è totalmente, esclusivamente, completamente, una decisione di Putin“, ha detto Biden durante una conferenza stampa alla Casa Bianca mercoledì. “Nessun altro prenderà quella decisione; nessun altro avrà un impatto su quella decisione. Sta prendendo quella decisione“.

Perché l’Ucraina è così importante per Putin

Per capire questa decisione, è necessario capire perché l’Ucraina è così importante per il leader russo. Per l’ex ufficiale del KGB, la fine dell’Unione Sovietica fu un disastro storico. Ha interpretato l’espansione verso est della NATO come l’umiliazione di una grande civiltà. Questo spiega perché ha chiesto concessioni che Biden non può mai accettare, inclusa l’assicurazione che l’Ucraina non aderirà mai alla NATO e una richiesta per la rimozione di truppe e armamenti occidentali dagli stati dell’ex Patto di Varsavia come Polonia e Romania che vede come una minaccia alla sicurezza russa .
Negli ultimi dieci anni, Putin ha cercato di ricreare la vecchia sfera di influenza della Russia sugli ex stati sovietici come l’Ucraina. Il piano ha portato all’annessione della Crimea, territorio sovrano ucraino, nel 2014. Più recentemente, Putin ha sostenuto la repressione delle proteste politiche in Bielorussia e Kazakistan. Dato il suo regime autocratico, è anche chiaro che una democrazia fiorente, prospera e orientata all’Occidente in Ucraina è intollerabile. Potrebbe diventare un esempio da emulare per i russi stanchi del suo lungo governo, della corruzione e della repressione.
La conferenza stampa di Biden sarà ricordata per una gaffe in cui ha suggerito che le sanzioni contro la Russia sarebbero più leggere se Putin effettuasse solo una “piccola incursione”, una dichiarazione che il presidente ha ritrattato il giorno dopo. Ma conteneva anche un’esposizione schietta di Biden sulle motivazioni di Putin. Il presidente ha ipotizzato che il leader russo stesse combattendo per vendicare la storia e per un ruolo della Russia nel 21° secolo. “Il muro di Berlino è caduto, l’impero è andato perduto, ecc. L’Unione Sovietica è stata divisa“, ha detto Biden, indovinando la visione del mondo di Putin.
Ma pensa a quello che ha“, ha continuato il presidente. “Ha otto fusi orari, una tundra in fiamme che non si congelerà di nuovo naturalmente, una situazione in cui ha molto petrolio e gas, ma sta cercando di trovare il suo posto nel mondo tra la Cina e l’Occidente“.
Un’altra componente del progetto di restauro russo di Putin sta nell’offuscare il prestigio dell’Occidente e soprattutto degli Stati Uniti, obiettivo secondario della mossa ucraina. È anche qui che entrano in gioco i suoi sforzi di ingerenza elettorale. Sebbene ci siano discussioni sul fatto che il suo intervento a favore di Donald Trump e contro la candidata democratica Hillary Clinton sia stato decisivo nel 2016, ha scatenato forze politiche distruttive all’interno degli Stati Uniti.

La strategia di Biden

Le sfide di Putin aiutano a spiegare l’approccio di Biden alla crisi. Ha trascorso settimane cercando di unire gli alleati occidentali, che Putin sta cercando di dividere, su un pacchetto di sanzioni che taglierebbero di fatto la Russia dall’economia occidentale. Questo è il motivo per cui i commenti di Biden di mercoledì sono stati così dannosi, perché ha sostanzialmente ammesso che l’Occidente non era sulla stessa linea. Ma diceva anche la verità. Il presidente francese Emmanuel Macron, ad esempio, questa settimana ha chiesto un canale europeo per trattare con Putin, offrendo al leader russo una divisione con gli Stati Uniti da sfruttare.
Oltre a promettere sanzioni che romperebbero molti dei legami della Russia con il mondo sviluppato, Biden sembra giocare un gioco mentale rischioso con Putin mentre affronta la sua decisione solitaria. Ha abbozzato un quadro di una prolungata e sanguinosa insurrezione in Ucraina in un momento in cui Washington sta pensando di armare il governo di Kiev come ha fatto con i Mujaheddin afgani che hanno cacciato l’Unione Sovietica dall’Afghanistan negli anni ’80.
Puoi entrare e, nel tempo, con grande perditaeconomica, entrare e occupare l’Ucraina. Ma quanti anni? Uno? Tre? Cinque? Dieci? Quanto ci vorrà? È consequenziale“, ha detto Biden mercoledì. Le possibilità di un pantano in Ucraina devono pesare su Putin, data la sua sensibilità all’opposizione politica e l’alto numero di coscritti nell’esercito russo che potrebbero iniziare a tornare a casa in sacchi per cadaveri. Potrebbe anche favorire un’incursione più limitata da parte di forze speciali e irregolari e di risorse dell’intelligence.
Uno degli aspetti più curiosi dell’approccio degli Stati Uniti alla crisi ucraina è stata la retorica allarmistica degli Stati Uniti su un’imminente invasione e la fuga di rapporti di intelligence sulla concentrazione di truppe russe. È difficile dire se l’amministrazione si stia fornendo copertura politica per dimostrare che non è stata colta di sorpresa se i carri armati russi attraversassero il confine.
Washington potrebbe anche sottolineare la minaccia per costringere gli europei a minacciare sanzioni. Ad esempio, gli Stati Uniti sono da tempo in contrasto con la Germania per il gasdotto Nord Stream 2 costruito per trasportare il gas russo nell’Europa occidentale. Il nuovo governo di Berlino ha ora segnalato che interromperà il flusso di gas se la Russia invaderà l’Ucraina. A volte, però, è sembrato che gli Stati Uniti stessero quasi pungolando Putin con le sue dichiarazioni su una probabile invasione, comprese quelle di Biden mercoledì. Una tale tattica potrebbe aumentare la pressione sul leader russo, ma è una scommessa enorme.

I repubblicani si avventano su Biden

Ma Putin non è l’unico a subire un’enorme pressione politica. Anche per Biden la situazione è complicata.
Un’invasione russa rappresenterebbe una grave sfida per l’Europa – che ancora fa affidamento sugli Stati Uniti come garante della sicurezza – creando un grosso problema di politica estera per una presidenza già vacillante per le crisi. La politica mondiale sarebbe scossa da una Russia ostracizzata ancora più determinata a frustrare gli obiettivi di Washington.
Biden potrebbe dover affrettare truppe per rafforzare gli alleati della NATO nel Baltico al fine di scoraggiare un ulteriore espansionismo russo. E una nuova situazione di stallo europea distrarrebbe gli Stati Uniti dalla loro principale battaglia strategica dei prossimi decenni: la sfida globale posta dalla Cina.
Inoltre, i principi che stanno alla base della leadership americana di una comunità di nazioni libere verrebbero infranti se un uomo forte potesse distruggere una democrazia più piccola senza conseguenze. Cina e Taiwan, in particolare, staranno a guardare come risponderanno gli Stati Uniti.
La crisi ha anche implicazioni interne di vasta portata. Se Putin invade ora, Biden sembrerà debole. Da già l’impressione di essere costantemente un passo dietro a Putin. La sua situazione è un regalo per i repubblicani che lo dipingono come confuso e maldestro in vista delle elezioni di medio termine di quest’anno e delle elezioni presidenziali del 2024.
Giovedì, il leader della minoranza al Senato Mitch McConnell ha dato un assaggio di quegli attacchi, descrivendo i commenti di Biden su una possibile “piccola incursione” della Russia come “bizzarri e devastanti”.
Perché il nostro presidente specula come un osservatore passivo in disparte? Non è un esperto. Non è lo psicoanalista di Putin. È il presidente degli Stati Uniti“, ha detto il repubblicano del Kentucky.
La sua sdegnosa critica ha sottolineato come Biden, proprio come Putin, non possa permettersi di perdere la prova della volontà che si giocherà nei giorni di tensione a venire.
Fonte: CNN