Sopravvivere a un’esplosione nucleare – Video

Nel video qui sotto, il team di AsapSCIENCE analizza la scienza delle bombe nucleari per capire quali sono le probabilità di sopravvivere. Diciamo che, nel caso di un'esplosione nucleare, vorresti vestirti di bianco

1633
Sopravvivere a un'esplosione nucleare - Video
Sopravvivere a un'esplosione nucleare - Video

Sono passati quasi 80 anni da quando due bombe nucleari sono state fatte esplodere sulle città giapponesi di Hiroshima e Nagasaki, uccidendo almeno 129.000 persone e provocando effetti devastanti sulla salute a lungo termine.

Ad oggi, questi sono gli unici casi di armi nucleari utilizzate per la guerra, ma la realtà è che  oggi nel mondo esistono circa 12.700 testate nucleari. Cosa accadrebbe se domani scoppiasse una guerra nucleare?

Niente panico: questa è solo un’ipotesi. Ma nel video qui sotto, il team di AsapSCIENCE analizza la scienza delle bombe nucleari per capire quali sono le probabilità di sopravvivere. Diciamo solo che, nel caso di un’esplosione nucleare, vorresti vestirti di bianco.

Per prima cosa, chiariamo un fatto: non esiste un modo chiaro per stimare l’impatto di una singola esplosione nucleare, perché dipende da molti fattori, tra cui il meteo del giorno in cui viene sganciata, l’ora del giorno in cui è stata fatta esplodere, la disposizione geografica di dove colpisce e se esplode a terra o in aria.

Ma, in generale, ci sono alcune fasi prevedibili dell’esplosione di una bomba nucleare che possono influenzare le tue possibilità di sopravvivenza (puoi anche provare questo agghiacciante simulatore interattivo per scoprire come un’esplosione nucleare si diffonderebbe nell’area in cui vivi).

Come spiega il video sopra, circa il 35 percento dell’energia di un’esplosione nucleare viene rilasciata sotto forma di radiazione termica. Poiché la radiazione termica viaggia approssimativamente alla velocità della luce, la prima cosa che ti colpirà è un lampo di luce e calore accecanti.

La luce stessa è sufficiente a causare qualcosa chiamato cecità da flash, una forma solitamente temporanea di perdita della vista che può durare alcuni minuti.

Il video di AsapSCIENCE considera una bomba da 1 megaton, che è 80 volte più grande della bomba fatta esplodere su Hiroshima, ma molto più piccola di molte moderne armi nucleari.

Per una bomba di quelle dimensioni, le persone fino a 21 km di distanza sperimenterebbero una cecità fulminea se l’esplosione avvenisse in una giornata limpida e le persone fino a 85 km di distanza sarebbero temporaneamente accecate se avvenisse in una notte limpida.

Il calore è un problema per chi è più vicino all’esplosione. Ustioni lievi di primo grado possono verificarsi fino a 11 km di distanza e ustioni di terzo grado, del tipo che distruggono e provocano vesciche sul tessuto cutaneo, possono colpire chiunque fino a 8 km di distanza. Ustioni di terzo grado che coprono più del 24% del corpo sono solitamente fatali se non si ricevono immediate cure mediche.

Queste distanze sono variabili, in funzione non solo del tempo, ma anche di ciò che indossi: i vestiti bianchi possono riflettere parte dell’energia di un’esplosione, mentre i vestiti più scuri la assorbiranno.

Tuttavia, è improbabile che faccia molta differenza per quelli abbastanza sfortunati da essere nell’epicentro dell’esplosione.

Le temperature vicino al luogo dell’esplosione della bomba durante l’esplosione di Hiroshima sono state stimate in 300.000 gradi Celsius, che è una temperatura circa 300 volte più calda della temperatura a cui vengono cremati i corpi, quindi gli esseri umani in quell’area verrebbero quasi istantaneamente ridotti al livello più elementare elementi, come il carbonio.

Ma per quelli leggermente più lontani dal centro dell’esplosione, ci sono altri effetti da considerare oltre al calore. Un’esplosione nucleare allontana anche l’aria dal luogo dell’esplosione, creando improvvisi cambiamenti nella pressione dell’aria che possono frantumare oggetti e abbattere edifici.

Entro un raggio di 6 km da una bomba da 1 megaton, le onde d’urto possono produrre 180 tonnellate di forza sulle pareti di tutti gli edifici a due piani e velocità del vento di 255 km/h. In un raggio di 1 km, la pressione di picco è quattro volte maggiore e la velocità del vento può raggiungere i 756 km/h.

Tecnicamente, gli esseri umani possono sopportare così tanta pressione, ma la maggior parte delle persone verrebbe uccisa dal crollo degli edifici e travolta dalle macerie.

Se in qualche modo sopravvivi a tutto questo, c’è ancora l’avvelenamento da radiazioni da affrontare e la ricaduta nucleare (fallout radioattivo). AsapSCIENCE ne parla nel video sopra, ma gli effetti in superficie durano più a lungo di quanto ci si possa aspettare.

Ad esempio, uno studio su una simulazione pubblicato nel 2019 ha rilevato che una guerra nucleare tra Stati Uniti e Russia farebbe precipitare la Terra in un inverno nucleare in pochi giorni, a causa dei livelli di fumo e fuliggine rilasciati nell’atmosfera.

Sappiamo anche che le particelle radioattive possono viaggiare molto lontano; uno studio recente ha scoperto che i residui di carbonio radioattivo dei test delle bombe nucleari della Guerra Fredda sono stati trovati in fondo nella Fossa delle Marianne, il punto più profondo degli oceani del mondo.

Ancora una volta, tutto questo è ipotetico: ci sono trattati internazionali in atto per fermare la diffusione e l’uso delle armi nucleari, quindi speriamo che non sia mai necessario conoscere nessuna di queste informazioni per davvero.

Tuttavia, per saperne di più sullo stato attuale degli armamenti nucleari nel mondo, inclusa la scala delle bombe, puoi visitare il Quaderno nucleare nel Bollettino degli scienziati atomici.