Sei intrappolato in una bufera di neve. Sai cosa fare per sopravvivere?

149
Sei intrappolato in una bufera di neve. Sai cosa fare per sopravvivere?
Sei intrappolato in una bufera di neve. Sai cosa fare per sopravvivere?

Pensieri tristi ed irritati di una giovane storia d’amore erano nella mente di Dawn O’Hair mentre lasciava Chicago per Indianapolis per vedere il suo ragazzo.

Il we con il suo ragazzo, nell’inverno 1997-98, non era andato bene. Dopo un litigio con il suo fidanzato, il lunedì mattina molto presto, la O’Hair è ripartita in macchina per tornare al suo lavoro.
Avrebbe dovuto restare lì. La 23enne stava guidando sull’Interstate 65 dritta verso una bufera di neve.
“Era tutto molto problematico. Ho avuto problemi a mantenere il controllo della mia Chevrolet Cavalier del 1995”, ha detto. “Il vento era pazzesco. La neve soffiava lateralmente. Era super difficile da vedere. Era orribile”.

“Mi sono innervosita e ho deciso di accostare [ma] la mia macchina si è bloccata”, racconta. “Non sapevo cosa fare. Sono sceso e ho cercato di trovare un modo per ottenere trazione, ma senza fortuna”. Ed eccola lì, in un vero casino. Non aveva controllato le previsioni. Non aveva niente di particolarmente caldo da indossare. Niente coperte. Nessun kit invernale. Solo la sua Chevy e il tempo per riflettere su come le cose siano andate così male così in fretta.

La storia di O’Hair è fin troppo comune: persone colte alla sprovvista da una bufera di neve o da qualche altro attacco inaspettato del clima invernale.
All’inizio di ottobre, più di 80 corridori di ultramaratona hanno dovuto essere salvati nelle montagne dello Utah dopo essere stati inghiottiti da forti venti e quasi mezzo metro di neve. Mancavano più di due mesi all’inizio ufficiale dell’inverno e gli organizzatori non erano a conoscenza del maltempo che si stava rapidamente sviluppando ad altitudini più elevate lungo il percorso.

A meno che tu non viva in un clima caldo tutto l’anno e abbia intenzione di non muoverti, è importante sapere come si comportano le tempeste invernali, come evitarle e prepararsi, e il cielo non voglia, cosa fare nel peggiore dei casi.

Cos’è una bufera di neve? E perché può essere così pericolosa?

Le tempeste di neve sono spesso chiamate bufere di neve, ma non è esatto.

Non tutte le vecchie tempeste invernali sono tecnicamente una bufera di neve.
Il National Weather Service afferma che una bufera di neve deve avere grandi quantità di neve che cade o che soffia, venti superiori a 56 km/h e visibilità inferiore a 400 metri per almeno tre ore. Una bufera di neve a terra non ha neve che cade; è invece, la neve fresca già caduta prima ad essere sollevata dai forti venti che innescano la bufera.
Qualsiasi sistema meteorologico con temperature sotto lo zero insieme a neve e ghiaccio può essere un rischio per la sicurezza. Le bufere di neve, tuttavia, sono uno dei tipi più pericolosi di tempeste invernali.
Possono portare non solo “a condizioni di guida pericolose in condizioni di scarsa visibilità e strade innevate, ma possono anche portare al disorientamento per chiunque cammini o guidi, facendo sì che la persona non sappia dove si trova o dove sta andando”, afferma Michael Muccilli. , meteorologo con NWS della National Oceanic and Atmospheric Administration.

“Spesso i forti venti e le basse temperature associate alle bufere di neve possono produrre venti gelidi, che possono portare a ipotermia e congelamento, soprattutto se si rimane all’aperto per lunghi periodi”, ha detto.

La tua prima linea di difesa

Navigare su strade potenzialmente insidiose in inverno? Controlla le previsioni prima di imbarcarti.

Navigare su strade potenzialmente insidiose in inverno? Controlla le previsioni prima di partire. – Ben Hasty/MediaNews Group/Reading Eagle/Getty Images

Consapevolezza ed attenzione sono le tue armi migliori contro le bufere di neve e altre cattive condizioni atmosferiche invernali.
Se stai facendo un viaggio su strada, “inizia a controllare le condizioni meteorologiche circa una settimana prima del viaggio e assicurati di ricontrollare ogni giorno man mano che le previsioni del tempo diventano più precise”, suggerisceo Muccilli.

“Prepara piani alternativi per il tuo viaggio e se le condizioni meteorologiche sembrano sempre più sfavorevoli, usa quei piani alternativi o ritarda il viaggio”.
Secondo Muccilli sarebbe opportuno controllare le condizioni lungo l’intero percorso, non solo i punti di partenza e di arrivo, soprattutto se bisogna passi di alta montagna.
Se stai facendo escursioni o campeggi, controllare le previsioni è un must.

Non saltare un controllo delle previsioni solo perché in alcune località è autunno, primavera o addirittura estate. Possono cullarti in un falso senso di sicurezza perché la tua guardia potrebbe non essere alta quanto il cuore dell’inverno.

Dove accadono le bufere di neve?

I russi sanno molto sulla sopravvivenza alla bufera di neve. Un uomo cammina durante una tempesta invernale a Mosca nel febbraio 2018.
I russi sanno molto sulla sopravvivenza alla bufera di neve. Un uomo cammina durante una tempesta invernale a Mosca nel febbraio 2018. – Yuri Kadobnov/AFP/Getty Images

Anche un po’ di conoscenza geografica e climatica aiuta.
Proprio come è importante sapere che le bufere di neve non sono un evento solo invernale, devi anche renderti conto che potrebbero verificarsi in luoghi che di solito associ al clima caldo.
L’Iran è stato colpito da una bufera di neve del 1972 che ha ucciso migliaia di persone. Almeno quattro persone sono morte in Spagna all’inizio del 2021 in una rara bufera di neve. E parti dell’entroterra dell’Alabama, della Georgia e della Carolina sono state colpite dalle condizioni di una bufera di neve nella tempesta del secolo avvenuta nel 1993.

Vestiti adeguatamente

Avere l’abbigliamento giusto è fondamentale se stai andando in un luogo dove potrebbero verificarsi bufere di neve e altre tempeste di freddo.

La Croce Rossa suggerisce di “indossare indumenti a strati, muffole o guanti e un cappello. Gli indumenti esterni dovrebbero essere a trama fitta e idrorepellenti. Guanti e un cappello prevengono la perdita di calore corporeo”.

È importante portare con sé abiti invernali anche se non fa così freddo o se si pensa solo di rimanere in macchina.

La stratificazione è importante: “Vestiti con diversi strati di abiti larghi e leggeri invece di un singolo strato pesante”. Potrebbe essere necessario togliere uno o due strati per evitare il surriscaldamento, la sudorazione eccessiva e poi il raffreddamento.
Se sei all’aperto, la Croce Rossa consiglia anche di coprirti la bocca per proteggere i polmoni dall’aria molto fredda. Non fare respiri profondi di aria gelida e parla il meno possibile.

Viaggi su strada

Una pala potrebbe fare la differenza tra uscire e rimanere bloccati.

Una pala potrebbe fare la differenza tra uscire e rimanere bloccati. – Michael Loccisano/Getty Images
Assicurati di avere un kit di sicurezza prima di uscire. Questo kit dovrebbe includere:

— Una coperta di sopravvivenza
— Sale stradale e una pala
— Un raschietto
— Cavi di collegamento
— Acqua potabile
— Un kit di riparazione
Una torcia elettrica e razzi stradali
Un caricatore per cellulare

Dovresti anche riempire il liquido del tergicristallo e controllare la pressione dei pneumatici, il battistrada e l’olio prima di partire. Assicurati che il telefono sia completamente carico.
E se ti imbatti in un brutto tempo invernale?
Se il tempo diventa troppo rigido per continuare a guidare, accosta, se possibile, in una stazione di servizio e aspetta il termine della tempesta. Non aggirare le barriere su strade chiuse.
E se la tua auto è bloccata nella neve?
Se le condizioni sono abbastanza sicure, puoi tentare di spalare le gomme e gettare sabbia, salgemma, terra, cartone o lettiera per gatti per dare più trazione al tuo veicolo. Se questo non funziona, chiama l’assistenza stradale o i servizi di emergenza.
Altrimenti conviene rimanere all’interno del veicolo tranne che per il tempo necessario a posizionare i razzi stradali o a stendere un panno colorato per rendersi visibile. Contatta i servizi di emergenza fornendo quante più informazioni possibili sulla tua situazione.
Non lasciare il veicolo per chiedere aiuto durante una tormenta. Potresti perdere l’orientamento. Dovresti accendere il motore per circa 10 minuti ogni ora per scaldarti ma tieni aperta una fessura del finestrino per l’aria fresca. Se possibile, rimuovi la neve dal tubo di scarico.

Escursioni all’aria aperta

Se fai un’escursione e ti perdi, quello che ti sei portato nello zaino potrebbe fare la differenza tra la vita e la morte.

Che tu stia facendo campeggio, escursionismo, sci di fondo o altri tipi di attività all’aperto, porta con te l’attrezzatura di sicurezza corretta. Questo potrebbe includere ma non è limitata a:
— Calzature adeguate
— Acqua e cibo a sufficienza
— Una lampada frontale e un accendino
— Un fischietto
— Un kit di pronto soccorso
— Una mappa o altri strumenti di navigazione
— Un ricetrasmettitore per trasmettere la tua posizione nel caso ti perdessi
GPS tracking per sapere dove ti trovi
— Una pala per scavare
Non fare mai escursioni in solitaria e assicurati che qualcuno sappia dove stai andando.

Se sei in una stazione sciistica

Se Prendi una seggiovia vestiti in modo caldo nel caso si bloccasse per un po’.
Le persone che si godono un giorno (o una notte) in una stazione sciistica dovrebbero controllare le previsioni del tempo locali appena prima di uscire sulle piste.
Sulle piste di sci, specialmente se si seguono percorsi fuoripista, è opportuno portare con sé:
— Un telefono cellulare completamente carico in una tasca interna. Il freddo può esaurire rapidamente la batteria se è in una tasca esterna. Ottieni il numero della pattuglia sciistica del resort prima di uscire e aggiungilo al tuo telefono.
— Un fischietto. Il suono va più lontano delle urla se sei a terra e una pattuglia deve trovarti.
— Una coperta termica realizzata in Mylar, sono economiche, facili da trasportare e possono tenerti più caldo e renderti più facile da individuare se rimani bloccato.

Scenari peggiori

Il NWS ha alcuni consigli aggiuntivi per situazioni terribili in cui sei solo tu contro gli elementi grezzi:
— Cerca di trovare un riparo: cerca anche di rimanere asciutto e di coprire tutto il tuo corpo.
— Non riesci a trovare un riparo? Vedi se riesci a fare una tettoia, un frangivento o una grotta nella neve per proteggerti dal vento. Prova ad accendere un fuoco. Se ci sono rocce nelle vicinanze, mettile intorno al fuoco per trattenere il calore. Global Rescue afferma che anche i rami degli alberi bassi potrebbero fornire una certa protezione.
— Senz’acqua? Dovresti sciogliere la neve per bere acqua. Il NWS e il Global Rescue avvertono che mangiare neve non sciolta abbasserà la temperatura corporea.

— Esercizio strategico: di tanto in tanto, muovi le braccia, le gambe, le dita delle mani e dei piedi per far pompare il sangue e stare al caldo. Ma non esagerare. Lo sforzo al freddo e il duro lavoro possono causare un attacco di cuore. La sudorazione potrebbe portare a brividi e ipotermia.