Home Editoriali Spera nel meglio ma preparati per il peggio

Spera nel meglio ma preparati per il peggio

Eventi drammatici come una guerra nucleare o un catastrofico disastro naturale potrebbero innescare un'implosione sociale

518
Spera nel meglio ma preparati per il peggio
Spera nel meglio ma preparati per il peggio

Eventi drammatici come una guerra nucleare o un catastrofico disastro naturale potrebbero innescare un’implosione sociale, soprattutto in un’epoca come questa in cui le minacce contro la nostra civiltà stanno convergendo in un modo che il nostro mondo non ha mai affrontato prima.

Oltre a tutte le cose storicamente normali come guerre, disastri naturali, incidenti automobilistici e disuguaglianza, ora abbiamo a che fare con un pianeta afflitto dai cambiamenti climatici e macchine che possono sostituire gli umani in molteplici attività, macchine che presto potrebbero essere gestite da un’intelligenza artificiale incontrollabile.

Negli anni passati, i prepper sono stati abitualmente stereotipati come uomini bianchi di una certa età, paranoici, cultori delle armi e di destra, ma negli ultimi tempi la preparazione è diventata sempre più mainstream, attraendo persone di ogni ceto sociale.

Quest’apparente boom di interesse per la preparazione si spiega con il fatto che un numero sufficiente di persone “normali” ha capito come sta diventando il mondo, con disastri naturali in continuo peggioramento, la pandemia di coronavirus e tutti i problemi dei cambiamenti climatici e molti indicatori mostrano che siamo diretti in una direzione pericolosa.

John Ramey, che è stato un consulente per l’innovazione della Casa Bianca di Obama, sostiene che “Tutte queste paure sono razionali. E la ricompensa per la preparazione è provata“, ha aggiunto. “Un grammo di prevenzione vale mezzo chilo di dolore, quindi si diffonderà naturalmente“.

Ramey, che si identifica come uno dei primi preparatori fuoriusciti nella Silicon Valley, ha detto di ritenere che sia importante esporsi, perché “sembra che fosse necessario sfondare un muro per arrivare alla percezione della gente“.

Non ci è voluto molto dopo che persone come me hanno parlato perché quei muri crollassero“.

CROLLO SOCIALE

La preparazione non è certamente un fenomeno nuovo e le sue origini possono essere fatte risalire agli anni ’30 nel Regno Unito e negli Stati Uniti, dove le minacce percepite includevano le politiche del governo durante la Grande Depressione, le minacce di guerra nucleare dopo la seconda guerra mondiale e le paure di imminente collasso sociale ed economico.

I primi membri di questo movimento di sopravvivenza indicarono la Grande Depressione e il crollo del mercato azionario del 1929 come esempi della necessità di essere preparati a qualsiasi cosa. Diversi decenni dopo, le minacce che la nostra società deve affrontare potrebbero essere cambiate, ma rimangono ugualmente, se non più pressanti, secondo Ramey.

Quando gli è stato chiesto quale potrebbe essere la causa più probabile di un collasso sociale nell’età moderna, Ramey ha detto che sarà probabilmente una combinazione di “crisi climatica che causa cose come la migrazione di massa, il collasso economico regionale e la lotta per le scarse risorse, combinate con la disuguaglianza economica di massa e il fallimento delle istituzioni (es. democrazia) portando a un conflitto creato da Russia, Cina e altri avversari”.

Forse ci si aggiungerà anche una pandemia“, ha aggiunto.

Contrariamente agli stereotipi che circondano il movimento di sopravvivenza, Ramey ha detto che non si sta preparando per un’apocalisse di zombi e non ha intenzione di nascondersi in un bunker sotto terra in caso di un evento nucleare.

Nessuno vuole essere l’ultima persona sulla terra, giù nel loro bunker a darsi una pacca sulla spalla“, ha detto.

Invece, pensiamo che il mondo diventerà molto più difficile nei prossimi decenni rispetto agli ultimi. Quindi la domanda è: ‘Come ne usciamo?’

COME PREPARARSI

Per iniziare a prepararsi per un disastro, Ramey esorta tutti i potenziali prepper a “ignorare le cose estreme come i bunker nucleari” e iniziare in piccolo, concentrandosi su quali sono i maggiori rischi, che per la maggior parte delle persone, dice, sono salute personale e finanze.

Da lì, Ramey suggerisce di costruire una “borsa piena di forniture di sopravvivenza come cibo, acqua, farmaci, radio e torce elettriche – in caso di un’emergenza che richieda una rapida evacuazione.

Ramey afferma che tutti i membri responsabili della società dovrebbero iniziare a prepararsi in qualche modo, paragonando la preparazione per un’emergenza all’acquisto di un’assicurazione sulla casa o per l’auto.

Laddove molte persone acquistano un’assicurazione sulla casa nel caso in cui la loro casa venga bruciata in un incendio, o contraggono un’assicurazione auto in caso di incidente, Ramey afferma che la stessa logica dovrebbe essere applicata per prepararsi a potenziali catastrofi, paragonando farlo a mantenere un “fondo per i giorni di pioggia“.

Mentre peggiorano gli eventi più estremi dal terrorismo agli uragani, dagli incendi alle tempeste e alle inondazioni, dalle tempeste di neve e al caldo e al freddo estremi, dobbiamo prendere dei provvedimenti, perché la nostra civiltà è costruita sulla base di un clima stabile e prevedibile, non per questi eventi così estremi“.

In sostanza, ciò che Ramey e Bitterman affermano è che gli individui devono prepararsi alle emergenze, in particolare ai disastri naturali, poiché i sistemi in atto per proteggere la società sono in definitiva impreparati per farlo su larga scala.

Secondo Ramey, la preparazione riguarda “l’appiattimento della curva”, il che significa che più un individuo può diventare autosufficiente, meno è probabile che cerchi aiuto, come un trattamento in un ospedale, e quindi più il sistema sarà in grado di fronteggiare le emergenze.

Ramey condivide una vasta gamma di consigli sulla sopravvivenza e recensioni di prodotti di sopravvivenza su The Prepared for “rational preppers” – per le persone a cui piace calcolare il rischio e vedere la preparazione come un gioco.

Spiegando la missione del sito web, Ramey ha dichiarato: “The Prepared insegna alle persone come prepararsi per gli inevitabili rovesci della vita, che si tratti di un incidente d’auto o della perdita del lavoro a causa di eventi più grandi come disastri e pandemie.

PAURA DELLA TERZA GUERRA MONDIALE

L’invito all’azione di Ramey arriva mentre la dimostrazione aggressiva della forza russa al confine orientale dell’Ucraina sta suscitando preoccupazione tra le nazioni occidentali nelle ultime settimane sul fatto che un’invasione potrebbe essere imminente, portando potenzialmente a un conflitto multi-nazione.

La Russia ha già ammassato circa 100.000 soldati vicino all’Ucraina e il Dipartimento di Stato ha ordinato alle famiglie di tutto il personale dell’ambasciata americana a Kiev di lasciare il Paese.

La portaerei USS Harry S. Truman, di stanza nel Mediterraneo, è ora sotto il controllo della Nato per la prima volta dalla fine della Guerra Fredda, mentre circa 8.500 militari statunitensi sono stati messi in “preparazione intensificata” mentre le tensioni aumentano.

La crisi ha il potenziale per estendere i suoi tentacoli in tutti gli angoli del globo“.

Sawkins ha avvertito che  il presidente cinese  Xi “guarderà” lo svolgersi della crisi ucraina. “Se la Russia invaderà l’Ucraina, Xi sarà incoraggiato a invadere Taiwan“, a commentato l’analista politica.

La Casa Bianca non ha ancora deciso se schierare forze in Ucraina.

Sawkins ritiene che questa settimana sia cruciale poiché la crisi continua a scaldarsi, con Washington che dovrebbe fornire una risposta all’aggressione di Mosca in pochi giorni. Ha invitato l’Occidente a presentare un fronte unito, esortando le nazioni a chiarire che la Russia deve fare marcia indietro.

Ha detto: “Non c’è uno sforzo unito. Putin  sa di essere riuscito a spaccare l’Occidente“. Sawkins ha avvertito che se l’Occidente non riuscirà a presentarsi come un fronte compatto, allora  un’invasione russa dell’Ucraina sarà “inevitabile”.