Da Tarantino a Squid Game: perché così tante persone amano la violenza?

Il mese scorso, più di 100 milioni di persone hanno guardato lo spettacolo splatter di Netflix, Squid Game. È stato ampiamente studiato se la violenza sullo schermo sia dannosa o meno per noi. Il consenso è che può avere effetti negativi. Ma la domanda sul perché siamo attratti a guardare la violenza ha ricevuto molta meno attenzione.

La morte, il sangue e la violenza hanno sempre attirato una folla. Gli antichi romani accorrevano ad assistere venationes e duelli sanguinosi al Colosseo. Nei secoli successivi, le esecuzioni pubbliche avevano sempre grande pubblico. Nell’era moderna, il regista Quentin Tarantino dice che: “ Nei film, la violenza è bella. mi piace”. Molti di noi sembrano essere d’accordo con lui. Uno studio sui film ad alto incasso ha rilevato che il 90% aveva un segmento in cui il personaggio principale era coinvolto nella violenza. Allo stesso modo, la maggior parte degli americani ama i film horror e li guarda più volte all’anno.

Chi sta guardando questa roba?

Alcune persone hanno maggiori probabilità di godere dei media violenti rispetto ad altre. Essere maschio, aggressivo e avere meno empatia rende più probabile che ti piaccia guardare la violenza sullo schermo. Ci sono anche alcuni tratti della personalità associati al gradimento dei media violenti. Le persone estroverse, che cercano l’eccitazione e le persone più aperte alle esperienze estetiche, amano di più guardare i film violenti.

Al contrario, le persone con un alto grado di simpatia – caratterizzate da umiltà e simpatia per gli altri – tendono ad apprezzare meno i media violenti.

…ma perché?

Una teoria è che guardare la violenza è catartico, prosciugando la nostra aggressività in eccesso. Tuttavia, questa idea non è ben supportata da prove. Quando le persone arrabbiate guardano contenuti violenti, tendono ad arrabbiarsi di più.

Ricerche più recenti, derivate da studi sui film horror, suggeriscono che potrebbero esserci tre categorie di persone a cui piace guardare la violenza, ognuna con le proprie ragioni.

Un gruppo è stato soprannominato “drogati di adrenalina“. Questi cercatori di sensazioni vogliono esperienze nuove e intense e hanno maggiori probabilità di ottenere soddisfazione dall’osservazione della violenza. Parte di questo gruppo possono essere persone a cui piace vedere gli altri soffrire. I sadici sentono il dolore degli altri più del normale e ne godono.

Ad un altro gruppo piace guardare la violenza perché sente di imparare qualcosa da essa. Negli studi sull’orrore, queste persone sono chiamate “pugni bianchi“. Come i drogati di adrenalina, provano intense emozioni guardando horror. Ma non amano queste emozioni. Le tollerano perché sentono che li aiuta a imparare qualcosa su come sopravvivere.

Questo è un po’ come il masochismo benevolo, il godimento di esperienze avverse e dolorose in un contesto sicuro. Se possiamo tollerare dei dolori, possiamo guadagnare qualcosa. Proprio come le commedie “dolorose” possono insegnarci abilità sociali, guardare la violenza può insegnarci abilità di sopravvivenza.

Un ultimo gruppo sembra ottenere entrambi i vantaggi. Godono delle sensazioni generate dall’osservazione della violenza e sentono di imparare qualcosa. Nel genere horror, queste persone sono state chiamate “Dark Copers“.

L’idea che alle persone piaccia guardare la violenza sullo schermo in modo sicuro perché può insegnarci qualcosa si chiama “teoria della simulazione delle minacce“. Ciò si accorda con l’osservazione che le persone che sembrano più attratte dall’osservare la violenza (giovani aggressivi) sono anche quelle che hanno maggiori probabilità di incontrare o distribuire tale violenza.

 

Una scena di Squid Game.
Una scena di Squid Game: il gioco della luce rossa, luce verde. Netflix

Guardare la violenza dalla sicurezza del nostro divano può essere un modo per prepararci a un mondo violento e pericoloso. La violenza quindi fa appello a una buona ragione. È interessante notare che uno studio recente ha scoperto che i fan dell’horror e gli individui morbosamente curiosi erano più psicologicamente resilienti durante la pandemia di COVID-19.

È davvero la violenza che ci piace?

Ci sono ragioni per riconsiderare quanto ci piace guardare la violenza in sé. Ad esempio, in uno studio i ricercatori hanno mostrato a due gruppi di persone il film del 1993, The Fugitive. A un gruppo è stato mostrato un film inedito, mentre un altro ha visto una versione con tutta la violenza eliminata. Nonostante questo, entrambi i gruppi hanno apprezzato il film allo stesso modo.

Questa scoperta è stata supportata da altri studi che hanno anche scoperto che rimuovere la violenza grafica da un film non fa sì che le persone lo apprezzino di meno. Ci sono anche prove che le persone apprezzano le versioni non violente dei film più delle versioni violente.

Molte persone possono godere di qualcosa che coincide con la violenza, piuttosto che con la violenza stessa. Ad esempio, la violenza crea tensione e suspense, che possono essere ciò che le persone trovano attraente.

Un’altra possibilità è che sia l’azione, non la violenza, quella che piace alle persone. Guardare la violenza offre anche una grande opportunità per dare un significato alla vita. Vedere la violenza ci permette di riflettere sulla condizione umana, un’esperienza che apprezziamo.

Ci sono anche altre teorie. La “teoria del trasferimento dell’eccitazione” suggerisce che guardare la violenza ci fa eccitare, una sensazione che persiste fino alla fine dello spettacolo, rendendo la fine più piacevole. L’ipotesi del frutto proibito” propone che sia la violenza considerata off-limits a renderla attraente. Coerentemente con ciò, le etichette di avvertimento aumentano l’interesse delle persone per i programmi violenti.

Infine, può essere che sia una punizione giustificata, piuttosto che una violenza, quella che ci piace guardare. In effetti, ogni volta che le persone si aspettano di poter punire i trasgressori, i centri di ricompensa del loro cervello si illuminano come una fiera. Detto questo, meno della metà della violenza in TV è inflitta ai cattivi dai buoni.

Motivi politici?

Tutto ciò suggerisce che le aziende dei media potrebbero darci violenza che molti di noi non vogliono. Dovremmo quindi considerare quali altre pressioni aziendali, politiche o ideologiche potrebbero incoraggiare la violenza sullo schermo a livello globale.

Ad esempio, il governo degli Stati Uniti ha uno stretto interesse e influenza su Hollywood. Le rappresentazioni della violenza possono fabbricare il nostro consenso con le politiche del governo, incoraggiarci a sostenere la legittimità del potere statale e della violenza statale e aiutare a determinare chi sono “vittime degne”.

I messaggi che la violenza sullo schermo invia possono, tuttavia, farci disconnettere dalla realtà. Quando i tassi di criminalità diminuiscono, la violenza sullo schermo può farci pensare che la criminalità sia in aumento. I film mentono anche sul reale impatto della violenza sul corpo umano, con quasi il 90% delle azioni violente che non mostrano conseguenze fisiche realistiche per la vittima. I film possono anche mascherare la realtà della violenza maschile contro donne e bambini.

Il politologo americano Samuel Huntington una volta scrisse che “L’Occidente ha vinto il mondo non per la superiorità delle sue idee… ma piuttosto per la sua superiorità nell’applicare la violenza organizzata. Gli occidentali spesso dimenticano questo fatto; i non occidentali non lo fanno mai”. Dovremmo essere costantemente consapevoli di come la finta violenza sui nostri schermi serva alla vera violenza nel nostro mondo.