Gli Stati Uniti modificano i piani di evacuazione mentre lo Stato islamico minaccia gli americani ancora in Afghanistan

I funzionari statunitensi stanno cambiando la loro strategia di evacuazione in Afghanistan dopo aver appreso di potenziali minacce dallo Stato Islamico, secondo quanto riportato sabato dall’Associated Press.

Un funzionario del governo ha parlato con l’AP in condizioni di anonimato affermando che a piccoli gruppi di americani e altri verranno fornite istruzioni su come incontrare i membri delle forze armate per l’evacuazione.

Sabato, l’ambasciata degli Stati Uniti ha avvertito di potenziali “minacce alla sicurezza” fuori dai cancelli dell’aeroporto di Kabul.

L’ambasciata ha comunicato ai cittadini “di evitare di recarsi all’aeroporto e di evitare i gate dell’aeroporto in questo momento a meno che non si ricevano istruzioni individuali da un rappresentante del governo degli Stati Uniti“.

Un portavoce del Dipartimento di Stato ha affermato che i funzionari hanno emesso l’avviso di sicurezza “per evitare grandi folle fuori dai cancelli dell’aeroporto, sia per motivi di sicurezza che come mezzo per rendere l’evacuazione il più efficiente possibile“.

Il portavoce ha aggiunto che il Dipartimento di Stato ha ora “la capacità di comunicare con gli americani su base personalizzata“.

Quindi, invece di offrire una guida generale che tutti gli americani dovrebbero prendere in considerazione per viaggiare verso l’aeroporto, siamo in grado di offrire istruzioni su misura, via e-mail, telefono e SMS, tra gli altri mezzi“, ha affermato il portavoce.

Quest’ultimo sviluppo arriva mentre il governo degli Stati Uniti tenta di evacuare migliaia di americani e alleati afgani dall’Afghanistan caduto in mano ai talebani lo scorso fine settimana.

Il presidente Joe Biden ha affermato che la scadenza per completare il ritiro delle truppe dall’Afghanistan è il 31 agosto. Tuttavia, questa settimana ha ipotizzato che la scadenza potrebbe essere estesa nel caso che a quella data ci fossero ancora americani nel paese.

 

Gli Stati Uniti modificano i piani di evacuazione dopo le minacce
Funzionari statunitensi hanno detto sabato che hanno dovuto cambiare la loro strategia di evacuazione a Kabul dopo aver appreso di potenziali minacce dallo Stato Islamico. AFP TRAMITE GETTY IMAGES

Venerdì ha promesso di evacuare tutti gli americani dall’Afghanistan.

Ogni americano che vuole tornare a casa, lo riporteremo a casa“, ha detto Biden.

Ha anche affermato che i funzionari statunitensi faranno “tutto il possibile” per fornire l’evacuazione “per i nostri alleati, partner e afgani che potrebbero essere presi di mira a causa della loro associazione con gli Stati Uniti“.

Non è chiaro quanti americani siano ancora in Afghanistan, anche se Biden ha dichiarato che il numero dovrebbe essere compreso tra 10.000 e 15.000.

I funzionari del Pentagono, parlando con i giornalisti sabato scorso, hanno affermato che le grandi folle agli ingressi dell’aeroporto rappresentano minacce alla sicurezza, inclusi potenziali attacchi di Al Qaeda e dello Stato Islamico, secondo quanto riportato dal New York Times.

Tuttavia, il maggiore generale William Taylor dello stato maggiore congiunto del Pentagono ha detto ai giornalisti che i funzionari militari “hanno la capacità di continuare a selezionare coloro che arrivano al gate” all’aeroporto.

Nelle ultime 24 ore, tre aerei C-17 e 32 jet noleggiati hanno lasciato Kabul con quasi 4.000 persone, secondo quanto riportato dal quotidiano.

Venerdì, Biden ha detto che ci sono 6.000 soldati a terra in Afghanistan “tra cui l’82° Airborne che fornisce sicurezza sulla pista, la 10a Divisione da montagna dell’esercito che fa la guardia intorno all’aeroporto e la 24a unità di spedizione dei marines che assiste la partenza dei civili“.

Questo è uno dei ponti aerei più grandi e difficili della storia. E l’unico paese al mondo in grado di proiettare così tanta potenza dall’altra parte del mondo con questo grado di precisione sono gli Stati Uniti d’America“, ha aggiunto.