La Stazione Spaziale Internazionale fuori controllo dopo un’accensione irregolare dei propulsori del nuovo modulo russo

Una situazione insolita e potenzialmente pericolosa si è verificata giovedì alla Stazione Spaziale Internazionale, quando il modulo russo Nauka appena attraccato ha inavvertitamente attivato i suoi propulsori causando un “tiro alla fune” con la stazione spaziale e spingendola brevemente fuori posizione, secondo i controllori di volo della NASA.

 

Nauka – un modulo di laboratorio a lungo ritardato che l’agenzia spaziale russa Roscosmos ha lanciato sulla Stazione Spaziale Internazionale la scorsa settimana – ha inavvertitamente attivato i suoi propulsori dopo l’attracco con la Stazione Spaziale Internazionale giovedì mattina.
I funzionari della NASA hanno dichiarato che si è trattato di una “emergenza” poiché la stazione spaziale ha subito una perdita di controllo dell’assetto (l’angolo con cui l’ISS dovrebbe rimanere orientata) per quasi un’ora e i controllori di terra hanno perso le comunicazioni con i sette astronauti attualmente a bordo dell’ISS per 11 minuti.
È in corso un’indagine congiunta tra la NASA e l’agenzia spaziale russa Roscosmos per determinare le cause dell’accensione non programmata dei propulsori del modulo russo.
Joel Montalbano, il capo del Programma della Stazione Spaziale Internazionale della NASA, insiste sul fatto che gli astronauti non sono mai stati in pericolo e che non hanno notato alcun danno alla ISS.
Il Mission Control della NASA a Houston, in Texas, tuttavia, a un certo punto ha chiesto loro di guardare fuori della stazione spaziale per vedere se potevano individuare detriti o danni alla stazione.
L’incidente ha anche ritardato il lancio del volo di prova senza equipaggio del Boeing Starliner verso la stazione, che era previsto per oggi.
La NASA afferma che la mossa consente al “team della Stazione Spaziale Internazionale di continuare a lavorare sui controlli del modulo Nauka di Roscosmos e di garantire che la stazione sia pronta per l’arrivo di Starliner“.
Il volo spaziale è difficile e quando apportiamo nuove funzionalità possono verificarsi problemi, motivo per cui ci prepariamo e ci addestriamo per queste contingenze“, ha affermato Kathy Lueders, amministratore associato della Direzione della missione per l’esplorazione umana e le operazioni della NASA.
I funzionari della NASA sono stati pronti a minimizzare la gravità dell’incidente, descrivendolo come “un’ora piuttosto eccitante” e un “evento dinamico“.
È solo quando esaurisci tutti i tuoi piani di emergenza che inizi a preoccuparti e oggi non ci siamo arrivati“, ha detto Montalbano.
Eppure Montalbano ha anche riconosciuto che accensioni accidentali dei propulsori hanno avuto luogo solo “forse tre o quattro volte” durante i 20 anni in cui la stazione spaziale è stata in orbita.
Lori Garver, l’ex vice amministratore della NASA durante l’amministrazione Obama, ha descritto l’incidente come “un promemoria che la nostra mancanza di conoscenza delle capacità dei nostri partner russi è un rischio incontrollato. Non sono sicuro che avremmo permesso a uno dei nostri partner commerciali attraccare con (la) stazione se avessero appena riscontrato i problemi di cui abbiamo sentito parlare in anticipo con questo modulo“.