Quali studenti sono maggiormente a rischio di problemi di salute mentale durante i blocchi COVID-19?

Un nuovo studio pubblicato su JCPP Advances ha confrontato il benessere degli studenti del Regno Unito che sono rimasti a casa per la scuola durante il primo periodo di blocco della pandemia di COVID-19 con quelli che hanno avuto accesso alla scuola di persona.

Nello studio, che includeva 11.765 studenti delle classi 8-13 (età 12-21 anni), le donne, gli studenti che avevano sperimentato la povertà alimentare e coloro che in precedenza avevano avuto accesso al supporto per la salute mentale erano a maggior rischio di depressione, ansia e deterioramento del benessere.

 

Gli studenti che hanno avuto accesso alla scuola di persona hanno avuto una salute mentale peggiore, ma questo è stato spiegato dalle loro diverse caratteristiche e circostanze di fondo.

“Identificare le circostanze che potrebbero rendere alcuni alunni particolarmente vulnerabili durante i blocchi è importante, sia per assegnare posti limitati a scuola sia per sostenere efficacemente la loro istruzione e il loro benessere”, ha affermato l’autore principale Karen L. Mansfield, PhD, dell’Università di Oxford, nel Regno Unito.

Siamo riusciti a catturare le risposte di un gruppo eterogeneo di alunni durante il primo periodo di chiusura parziale della scuola nel Regno Unito e i nostri risultati hanno evidenziato fattori di rischio stabiliti e altre circostanze di maggiore rilevanza durante il blocco che erano legate alla salute mentale e al benessere degli alunni“.