Home Attualità Taiwan si prepara per l’invasione

Taiwan si prepara per l’invasione

Il ministero della Difesa di Taiwan ha pubblicato un manuale in cui consiglia ai civili come prepararsi per una potenziale invasione cinese, incluso dove trovare rifugi antiaerei e come accumulare rifornimenti di emergenza

83
Taiwan si prepara per l'invasione
Taiwan si prepara per l'invasione

(ANSA) – Il ministero della Difesa di Taiwan ha pubblicato un manuale in cui consiglia ai civili come prepararsi per una potenziale invasione cinese, incluso dove trovare rifugi antiaerei e come accumulare rifornimenti di emergenza.

Il manuale, il primo del suo genere in risposta alla crescente pressione militare di Pechino, è composto di 28 pagine in lingua cinese: contiene i codici QR che gli utenti possono scansionare per accedere alle indicazioni su dove andare e cosa fare in caso di emergenza grave, partendo da un raid aereo e un grave incendio, fino al crollo di edifici e alla carenza di acqua o beni essenziali per sopravvivere.

L’opuscolo, secondo i media locali, ha anche una sezione sulla preparazione al combattimento e sulla mobilitazione dei riservisti in tempo di guerra, seguendo iniziative simili a quelle curate dai governi svedese e giapponese, con il contributo di studiosi ed esperti locali.

La Repubblica popolare non ha mai controllato Taiwan, ma considera l’isola parte “inalienabile” del suo territorio promettendo la riunificazione anche con la forza, se necessario. Il pressing è aumentato con la presidenza di Xi Jinping dopo la salita al potere a Taipei di Tsai Ing-wen che ha sposato una linea di autonomia.

La recente invasione dell’Ucraina da parte della Russia ha accresciuto i timori che Pechino possa un giorno portare a termine le minacce di annessione: Taiwan, oltre a continuare ad acquistare armi dagli Usa, sta valutando altre misure tra cui l’estensione del servizio militare obbligatorio a 12 mesi, dai 4 attuali.

Washington resta il principale fornitore di armamenti di Taipei, ma mantiene una politica di ‘ambiguità strategica’, lasciando la Cina nell’incertezza se una eventuale invasione possa scatenare una risposta militare americana.