Il test del missile ipersonico della Cina “vicino al momento Sputnik”

La Cina ha recentemente condotto un test “molto preoccupante” di un sistema d’arma basato su un missile ipersonico come parte del suo aggressivo progresso nelle tecnologie spaziali e militari, ha confermato un ufficiale militare americano.

Il generale Mark Milley, presidente dei capi di stato maggiore congiunti, è stato il primo funzionario del Pentagono a confermare la natura di un test effettuato quest’anno da parte dell’esercito cinese che è stato segnalato come un’arma ipersonica con capacità nucleare che è stata lanciata nello spazio e ha orbitato intorno alla Terra prima di rientrare nell’atmosfera e planare verso il suo obiettivo in Cina.

Milley ha detto di non poter discutere i dettagli perché gli aspetti riguardano l’intelligence classificata. Il generale ha affermato che anche gli Stati Uniti stanno lavorando su armi ipersoniche, le cui caratteristiche chiave includono la traiettoria di volo, la velocità e la manovrabilità che le rendono capaci di eludere i sistemi di allarme rapido che fanno parte delle difese missilistiche statunitensi.

Zhao Lijian
Gli Stati Uniti “molto preoccupati” nonostante le smentite della Cina sul missile ipersonico

Gli Stati Uniti non hanno ancora condotto test di armi ipersoniche del tipo che Milley ha detto che la Cina ha realizzato.

Quello che abbiamo visto è stato un evento molto significativo di un test di un sistema d’arma ipersonico, ed è molto preoccupante“, ha detto Milley a Bloomberg Television.

Ho visto che alcuni giornali hanno usato il termine momento Sputnik“, ha aggiunto. “Non so se è proprio un momento Sputnik, ma penso che vi sia molto vicino. Si tratta di un evento tecnologico molto significativo. E ha tutta la nostra attenzione.”

Il lancio di un satellite Sputnik da parte dell’Unione Sovietica nel 1957 sbalordì il mondo e alimentò i timori degli Stati Uniti di essere rimasti indietro tecnologicamente in una corsa agli armamenti in accelerazione nelle prime fasi dell’era nucleare.

La Cina ha contestato le notizie occidentali sul suo test, affermando che sta lavorando alla tecnologia per un veicolo spaziale riutilizzabile per scopi pacifici.

 

Veicoli militari cinesi che trasportano missili balistici DF-41 passano davanti a spettatori sbandieratori durante una parata a Pechino.
La Cina sta costruendo più di 100 silos missilistici “nucleari” nel deserto

Alla domanda sulle osservazioni di Milley, il segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki ha espresso preoccupazione per la modernizzazione militare della Cina.

Continuano a perseguire capacità che aumentano le tensioni nella regione“, ha affermato. “E continuiamo ad avere preoccupazioni al riguardo. E penso che questo si sia riflesso nei suoi commenti“.

Il segretario stampa del Pentagono, John Kirby, ha rifiutato di commentare il test o le osservazioni di Milley oltre a dire che il lavoro della Cina sulle armi ipersoniche avanzate è tra una “serie di problemi” che fanno preoccupare l’amministrazione Biden per “la traiettoria di dove stanno andando le cose nell’Indo-Pacifico”.

Alla domanda sui progressi nelle tecnologie delle armi ipersoniche statunitensi, Kirby ha affermato che “è reale, è tangibile e stiamo assolutamente lavorando per essere in grado di sviluppare tale capacità“. Ha rifiutato di fornire specifiche.

Alcuni esperti della difesa degli Stati Uniti affermano che la preoccupazione per il lavoro della Cina su un’arma ipersonica che potrebbe lanciare un’arma nucleare dallo spazio è esagerata.

James Acton del Carnegie Endowment for International Peace ha scritto in un saggio la scorsa settimana che gli Stati Uniti sono stati a lungo vulnerabili a un attacco nucleare cinese.

Mentre la prospettiva di un attacco nucleare contro gli Stati Uniti è terrificante, questo non è un momento Sputnik – in parte perché non è del tutto chiaro cosa sia stato testato, ma soprattutto perché la minaccia di un attacco nucleare cinese agli Stati Uniti non è affatto nuova“, ha scritto Acton.

Oltre ai suoi progressi nelle armi ipersoniche, la Cina ha ampliato la sua rete di silos sotterranei che potrebbero essere utilizzati per lanciare missili nucleari intercontinentali e ha respinto le richieste degli Stati Uniti di unirsi ai colloqui sul controllo delle armi nucleari. Gli Stati Uniti hanno anche espresso preoccupazione per quelli che chiamano sforzi cinesi per intimidire Taiwan, l’isola autogovernata che la Cina rivendica come parte del suo territorio, e per rivendicare isole contese e altre caratteristiche della terra nel Mar Cinese Meridionale.