Ti perdi durante un’escursione. Sai come sopravvivere?

139
Ti perdi durante un'escursione. Sai come sopravvivere?
Ti perdi durante un'escursione. Sai come sopravvivere?

Lo scorso maggio, dopo aver trascorso la notte accampato ai margini di un bosco in Oregon, Harry Burleigh ha deciso di avventurarsi su un sentiero sconosciuto prima di tornare a casa. Quello che si aspettava come un’escursione veloce, andata e ritorno, ha preso una svolta drammatica quando ha capito di aver perso la strada: l’inizio di un’odissea di 17 giorni in cui ha dovuto sopravvivere nelle terre selvagge dell’Oregon mentre sua moglie, le autorità della contea e numerosi volontari cercavano.

Tyson Steele, nel dicembre 2019, mentre si trovava in Alaska, ha perso la sua slitta, il cane e gli effetti personali in un incendio, ed è rimasto bloccato da solo nel freddo pungente.

Sajean Geer, nel luglio 2017, ha sparso le ceneri del suo defunto marito nell’Olympic National Park nello stato di Washington, poi, disorientata dall’emozione, non è riuscita a ritrovare la strada verso la sua auto.

Le storie di queste persone esemplificano come eventi imprevisti possono trasformare una gita all’aperto in una lotta per la sopravvivenza.

Due fratelli puliscono le loro attrezzature da cucina in un ruscello durante un corso di sopravvivenza a Baden-Wuerttemberg, Mainhardt, Germania, nel giugno 2020.

Due fratelli puliscono le loro attrezzature da cucina in un ruscello durante un corso di sopravvivenza a Baden-Wuerttemberg, Mainhardt, Germania, nel giugno 2020.

Schmidt/picture alliance/dpa/Getty Images

Per coloro che non hanno intenzione di addentrarsi nella natura selvaggia, incidenti, come prendere una svolta sbagliata o un guasto alla macchina, oppure improvvisi cambiamenti climatici possono creare dei problemi, come afferma il dott. David Townes, professore di medicina d’urgenza e coadiuvante professore di salute globale presso l’Università di Washington.

Per gli avventurieri che cercano sfide all’aria aperta, “il tema comune è che molte persone sottovalutano ciò che intendono fare e, in relazione a ciò, sopravalutano la propria preparazione e le proprie capacità“, spiega Townes.

“Se dovessi mai rimanere bloccato in natura come hanno fatto queste persone, essere preparati può essere il fattore decisivo per tornare in sicurezza piuttosto che subire gravi lesioni, malattie o, addirittura, la morte”.
Ecco come pianificare in anticipo un viaggio sicuro e affrontare gli scenari peggiori:

Pianificare in anticipo

Prima di partire, studia la destinazione prescelta cercando online e/o parlando con gente del posto che ha familiarità con il sito. In entrambi i casi si possono ottenere informazioni su qualsiasi necessità relativa alla qualità dei sentieri, alla presenza di animali, all’accessibilità all’acqua, alle mappe e altro ancora. Inoltre, indipendentemente dal periodo dell’anno, è sempre opportuno essere informati sulle previsioni del tempo – da diversi giorni prima diversi giorni dopo.

Una volta pianificato il viaggio, è bene informare qualcuno di tutti i dettagli importanti. Questi includono la destinazione, se si è in gruppo o da soli, il veicolo cui ci si muove, il percorso che si intende seguire e quando si pensa di tornare.

A seconda della destinazione, è opportuno mettere in valigia questi elementi essenziali che potrebbero aiutare a prevenire o alleviare le emergenze:

  • — Compresse o gocce per purificare l’acqua
  • — Alimenti non deperibili e di valore nutrizionale come frutta secca o noci, barrette energetiche o carne secca
  • — Kit di pronto soccorso comprensivo di disinfettanti, lacci emostatici, bende e stecche in alluminio
  • — Scarpe comode con supporto alla caviglia
  • — Isolamento (una coperta termica di emergenza, giacca, cappello, guanti, impermeabile antipioggia, biancheria intima termica)
  • — Crema solare e cappello
  • — Riparo leggero, se possibile, come un sacco da bivacco, un telo o una tenda per una persona
  • — Torcia elettrica o lampada frontale
  • — Fiammiferi impermeabili, accendini e accendifuoco
  • — Nastro adesivo, coltello, cacciavite e forbici
  • — Mappa, bussola e segnalatore di posizione
  • — Batteria portatile carica

Oltre agli indumenti sopra elencati per il calore, sarò opportuno vestirsi adeguatamente. Se il tempo è freddo, i vestiti di cotone non sono l’ideale perché il cotone bagnato non si asciuga bene e quindi non terrà al caldo.

I materiali per accendere un fuoco sono tra gli elementi essenziali della natura selvaggia.
I materiali per accendere un fuoco sono tra gli elementi essenziali per sopravvivere nella natura selvaggia. – Immagini Mint/Immagini Getty

Scegli materiali resistenti all’acqua o che mantengono proprietà isolanti una volta bagnati, come lana o materiali sintetici.

Un piumino è un ottimo strato isolante, ma il piumino non è molto isolante quando si bagna. Ma coprendo il piumino con una sorta di giacca impermeabile sottile, si ottiene uno strato impermeabile e isolante … La stratificazione è importante perché consente di avere delle scelte.

Anche se la propria destinazione e un deserto, sarebbe opportuno portare comunque una giacca calda poiché le temperature possono scendere notevolmente di notte. E in molte zone di montagna, le condizioni meteorologiche possono cambiare drasticamente in qualsiasi momento.

Contenuto relativo

Correlato: Cosa fare in caso di un evento a livello Carrington

Gestire gli scenari peggiori

Se ci si perde, il panico è il peggior nemico.

La tua migliore possibilità di sopravvivenza è pensare razionalmente e con calma“, spiega Townes. “Pensa: ‘Quali sono le mie opzioni? Quali sono le cose di cui devo preoccuparmi in termini di minacce? Come che tempo fa, tra quanto sarà buio? È tardi? Dovrò passare qui la notte e devo organizzarmi per arrivare fino al mattino? In questo caso, ho bisogno di capire dove passerò la notte.‘”
Per queste situazioni il Corpo Forestale consiglia di seguire il suo protocollo “STOP”: Fermati, Pensa, Osserva e Pianifica. Inizialmente, rimani fermo mentre ritorni mentalmente sui tuoi passi per ricordare come sei arrivato lì. Chiediti quali punti di riferimento dovresti essere in grado di vedere e non muoverti finché non hai una ragione specifica per farlo. Usa la bussola per determinare le direzioni.
Sulla base di queste osservazioni, escogita potenziali piani, confrontali, quindi segui quello he ti rende più sicuro.
Se è buio o sei ferito o esausto, resta fermo per la notte. Se sei su un sentiero, rimani su di esso, soprattutto se ha segnali o indicazioni.
Seguire un drenaggio o un ruscello in discesa potrebbe portare alla civiltà, ma potrebbe anche essere pericoloso se devi viaggiare attraverso una fitta boscaglia o un terreno ripido.

Se c’è qualcosa su cui puoi arrampicarti in sicurezza per vedere sopra la linea degli alberi, questo può anche aiutarti a localizzare la civiltà e scegliere in quale direzione dovresti andare.
Correlato: Dovremmo prepararci per un’apocalisse di Internet causata dal sole

Rimanere vivo

A questo punto, sei concentrato sul rimanere in vita fino al salvataggio. Mantenere l’idratazione è più importante che nutrirsi poiché la disidratazione può essere molto più pericolosa.

Ogni volta che vedi dell’acqua, riempi la bottiglia anche se pensi che non sia necessaria. Non puoi essere sicuro di quando vedrai un’altra fonte d’acqua.

L’acqua corrente, come un ruscello o un fiume, di solito è più pulita dei corpi idrici stagnanti. “Se devi usare acqua stagnante come una pozza o un laghetto, si ritiene che ottenerla da vicino al centro è meglio che dal bordo“.
Se finisci il cibo, qualsiasi bacca o proteina che trovi, come pesci o insetti, di solito è commestibile Non mangiare funghi selvatici poiché la loro tossicità può essere un gioco d’azzardo.

Ci sono momenti ottimali per riposare, mangiare o consumare energia, secondo il Servizio Forestale. Se inizi a sentirti stanco, fermati e riposati per almeno 30 minuti prima di raggiungere l’esaurimento. Avrai anche bisogno di riposare per almeno mezz’ora dopo aver mangiato, poiché digerire il cibo e fare muoversi contemporaneamente è faticoso.

Inoltre, affronta i piccoli problemi non appena li noti. “Se ignori il tuo corpo e continui a spingere, il dolore o la malattia possono solo peggiorare e rendere più difficile il recupero“, afferma il servizio forestale. Se la stagione è calda, evita di muoverti tra le 10:00 e le 16:00. Invece, siediti in un luogo ombreggiato fino a quando il clima non si raffredda. Quando fai un’escursione, il tuo ritmo dovrebbe essere comodo.

Quando hai bisogno di un riparo, cerca strutture come capanne, tettoie o formazioni rocciose. Scegli una grotta solo se rimanere senza riparo sarebbe pericoloso per la vita.

In ogni caso, non ti inoltrare in profondità in una grotta e cerca di verificare se vi sono pipistrelli o animali di grandi dimensioni, poiché possono comportare il rischio di malattie o altri danni.

Affrontare gli elementi e le creature

Se hai freddo o vuoi cucinare del cibo, un fuoco dovrebbe essere acceso solo in determinate circostanze e con estrema cautela.
Conosci le regole sui fuochi da campo e cerca di non violarle mai, perché negli ultimi anni abbiamo assistito a orribili incendi.
Costruisci il tuo fuoco in modo che sia riparato dal vento che potrebbe trasportare lontano le braci, magari circondandolo con rocce o altri oggetti non infiammabili, oppure accendilo in una buca.
In caso di lesioni tornerebbe utile un kit di pronto soccorso. Se non hai un disinfettante, qualsiasi acqua potabile probabilmente va bene per pulire una ferita. Distorsioni o rotture possono essere trattate con una stecca di alluminio o con un aiuto improvvisato fatto di rami.
Se hai studiato l’area in anticipo, ciò potrebbe aiutarti a respingere eventuali animali pericolosi. Per la maggior parte degli animali di grossa taglia, mantenere la calma e astenersi dal compiere gesti inconsulti è di solito la soluzione migliore.

Rientrare in sicurezza

Ciò che alcune delle persone di cui parlavamo all’inizio mancavano in fortuna o preparazione, hanno potuto compensarlo con alcune abilità di sopravvivenza.

Dopo che i ricercatori hanno trovato per due volte rifugi improvvisati mentre cercavano Burleigh, l’uomo che si era perso nelle terre selvagge dell’Oregon, i soccorritori lo hanno finalmente trovato. Era indolenzito, ma sano, secondo un comunicato stampa. Quella sera si riunì con la sua famiglia. In seguito ha raccontato al The News-Review in Oregon come ha modellato un copricapo con la biancheria intima e gli attrezzi da pesca e ha usato una lente d’ingrandimento di plastica per accendere un fuoco.

Steele, l’uomo cui la slitta in Alaska è stata bruciata, è stato ritrovato dopo tre settimane quando gli elicotteri hanno visto un grande “SOS” scolpito nella neve. In attesa di essere salvato, aveva mangiato razioni in scatola e burro di arachidi e dormito in una grotta di neve, un rifugio costruito intorno alla sua stufa a legna di fortuna.

Geer, la donna che si è persa dopo aver sparso le ceneri del marito nello stato di Washington, è sopravvissuta per sei giorni prima che i ricercatori la trovassero. Si era costruita un rifugio di tronchi e muschio, aveva bevuto acqua di ruscello e mangiato ribes, aghi di pino e formiche per sopravvivere.

Con alcune conoscenze pratiche e idee chiare, è possibile sopravvivere a una situazione da incubo.