Con 9 parole, Tim Cook ha spiegato il problema più grande con Facebook

Non è affatto un segreto che Apple e Facebook non siano amici. Non sono nemmeno amichevoli reciprocamente. Certo, sono per lo più educati, ma non c’è dubbio sul grado di ostilità tra le due società.

È una posizione strana per due aziende che probabilmente dipendono l’una dall’altra in modi insoliti. Ad esempio, Facebook dipende sicuramente dall’iPhone considerando che il mobile rappresenta il 98 per cento dell’utilizzo della piattaforma social.

Certo, una buona parte di questo proviene da dispositivi Android, ma almeno negli Stati Uniti, l’iPhone è probabilmente la piattaforma più importante per Facebook.

Ovviamente Facebook è importante anche per l’iPhone. Se improvvisamente non potessi usare le app di Facebook, sarebbe un male per Apple considerando che alle persone piace davvero usare Facebook, nonostante i suoi problemi. Molte di queste persone passerebbero a qualcos’altro se non potessero usarlo sul proprio iPhone.

Tuttavia, le due società non sembrano resistere alla tentazione di spararsi a vicenda ogni volta che ne hanno la possibilità. Ad esempio, Facebook ha eliminato gli annunci a tutta pagina condannando la decisione di Apple di richiedere agli sviluppatori di richiedere l’autorizzazione prima di tracciare gli utenti su app e siti Web. Questo è un grosso problema per Facebook considerando che la sua attività si basa in gran parte sul fare proprio questo.

Tim Cook ha risposto che non è “per niente concentrato su Facebook“. Il che è un modo sia brillante che brutale per prendere le distanze dall’azienda.

Più di recente, Facebook ha attaccato Apple per l’annuncio di quest’ultima azienda che stava implementando un cambiamento nelle versioni future di iOS al fine di rilevare le immagini CSAM caricate su iCloud Photos.

Will Cathcart, il CEO di WhatsApp (che è di proprietà di Facebook) ha affermato che la decisione di Apple rappresentava uno stato di sorveglianza ed era l’approccio sbagliato.

Mettiamo da parte, per un momento, il fatto che Facebook è ampiamente considerato il peggior trasgressore della privacy in un’industria tecnologica che non può resistere alla monetizzazione dei dati degli utenti in ogni occasione.

 

Il punto più importante è che, considerando quanta enfasi Apple pone sulla privacy, Facebook ha visto la possibilità di colpire l’azienda dove fa più male.

Ora, Cook ha un’altra risposta, questa volta in un’intervista con The Australian Financial Review sulle società tecnologiche e sulla privacy:

“La tecnologia non vuole essere buona. Non vuole essere cattiva, è neutrale. E quindi è nelle mani dell’inventore e dell’utente se viene usata a fin di bene o meno… Il rischio di non farlo significa che la tecnologia perde il contatto con l’utente. E in quel tipo di casi, la privacy può diventare un danno collaterale. Le teorie della cospirazione o l’incitamento all’odio iniziano a soffocare tutto il resto. La tecnologia funzionerà solo se avrà la fiducia delle persone”.

Quest’ultima parte è importante: quelle nove parole su come “la tecnologia funzionerà solo se avrà la fiducia delle persone“. È la spiegazione più chiara di cosa c’è che non va in Facebook. E, sebbene Cook non menzioni specificamente Facebook, la parte sulle “teorie della cospirazione o incitamento all’odio” rende abbastanza chiaro a chi si riferisca.

Il punto sembra essere che le aziende tecnologiche, in particolare Facebook, si concentrano sulla creazione di funzionalità e prodotti, senza riguardo per l’impatto che hanno sulla privacy degli utenti. Non è difficile capire quanto sia vero.

Secondo quanto riferito, Facebook ha lavorato su modi per analizzare i messaggi crittografati allo scopo di indirizzare gli annunci agli utenti di WhatsApp, cosa che finora non è stata in grado di fare.

La società ha anche fatto di tutto per difendere l’uso del monitoraggio dei dati degli utenti come chiave per Internet libero e aperto e cruciale per le piccole imprese. Anche se queste cose sono vere, fa davvero bene al punto di Cook, che è che “la privacy può diventare un danno collaterale“.

Se il tuo modello di business dipende dalla raccolta e dalla monetizzazione di quanti più dati possibile dai tuoi utenti, è piuttosto difficile proteggere anche la loro privacy.

Vale anche la pena ricordare che Apple sta affrontando le proprie critiche su come gestisce la privacy degli utenti in questo momento.
Naturalmente, gran parte di questo rifiuto è legato al fatto che Apple è stata a lungo un sostenitore della protezione dei dati personali e la sua decisione di includere la tecnologia su iPhone in grado di “scansionare” le tue foto per CSAM, sembra un abbandono di quella promessa.
Ha senso che Apple voglia riportare l’attenzione su chi considera il peggior trasgressore della privacy, ricordando a tutti la propria tutela privacy in buona fede.
Naturalmente, la ragione che conta è la ragione che Cook menziona: la fiducia.
A volte sembra che ci sia un’enorme disconnessione tra il modo in cui Facebook vede il suo ruolo nel mondo e il modo in cui lo vediamo tutti noi. È difficile concedere a Facebook il beneficio del dubbio se non credi che abbia in mente i tuoi migliori interessi.