Un ragazzo si fa tatuare il codice QR del Green Pass

Tecnicamente, è possibile tatuarsi quello che si vuole sul proprio corpo. Ma alcuni tatuaggi sono piuttosto poco originali come una bellissima sirena o una fenice che risorge dalle ceneri. Quindi, un ragazzo italiano ha avuto un’idea completamente originale e utile per un tatuaggio: ha deciso di tatuarsi il codice QR del suo certificato di vaccinazione contro il COVID 19 sul braccio.

Un codice QR o codice a barre è una rappresentazione visiva leggibile da una macchina di dati che viene creata utilizzando diverse larghezze e spazi di linee parallele verticali. Oggi questo tipo di codice a barre è indicato come unidimensionale (1D).

L’autorità vaccinale potrebbe decidere di modificare il codice QR

Il tatuatore che ha realizzato questo impressionante tatuaggio unidimensionale è Gabriele Pellerone, ha riferito Il Reggino, ma non ha rivelato l’identità del ragazzo che si è tatuato.

 

Pellerone ha anche pubblicato un video del tatuaggio e abbiamo provato il codice QR e funziona davvero! Ora, l’unico problema risiede nel fatto che l’autorità vaccinale potrebbe decidere di modificare i codici QR.

Tuttavia, nel frattempo, questo ragazzo italiano non dovrà mai preoccuparsi di trovare il suo codice QR sul telefono o su un pezzo di carta. Ora che anche i tatuaggi elettronici incorporati con biosensori stanno diventando presto una realtà, non possiamo fare a meno di chiederci quali altri tatuaggi potrebbe ottenere questo coraggioso ragazzo italiano. MIT e Microsoft hanno persino creato tatuaggi in grado di controllare gli smartphone.

In un’altra interessante storia di codici QR, nel 2017 un  piccolo villaggio cinese chiamato Xilinshui ha ideato un piano unico per creare un enorme codice QR di alberi accuratamente disposti, il tutto nella speranza di attirare più turisti. Il codice consisteva in  oltre 130.000 alberi meticolosamente tagliati e sistemati e poteva essere scansionato solo dal cielo.

One thought on “Un ragazzo si fa tatuare il codice QR del Green Pass

Comments are closed.