Una settimana di sommosse in Sudafrica, ecco le cause

JOHANNESBURG (AP) — Il Sudafrica è stato scosso dalla peggiore ondata di violenze da quando la nazione ha raggiunto la democrazia nel 1994. Ecco uno sguardo più da vicino ai disordini.

COSA HA INNESCATO LA VIOLENZA?

I disordini sono iniziati l’8 luglio quando l’ex presidente Jacob Zuma ha iniziato a scontare una pena detentiva di 15 mesi per oltraggio alla corte.

I sostenitori nella sua provincia natale di KwaZulu-Natal hanno istituito posti di blocco sulle principali autostrade e hanno bruciato circa 20 camion. Le proteste hanno chiuso le autostrade N3 e N2, che collegano i porti dell’Oceano Indiano di Durban e Richard’s Bay al polo industriale di Johannesburg ed a Cape Town.

 

I disordini si sono diffusi all’interno del KwaZulu-Natal, dove diversi centri commerciali sono stati saccheggiati da folle che hanno preso cibo, elettronica, vestiti e liquori. Gli attacchi ai centri commerciali si sono diffusi anche nell’entroterra, nella provincia di Gauteng, a Johannesburg, la città più grande del paese, ed a Pretoria, la capitale.

A Durban e Pietermaritzburg, la folla ha attaccato i magazzini dei principali rivenditori e fabbriche, che sono stati dati alle fiamme. I disordini sono durati per una settimana fino a quando sono stati schierati 25.000 soldati dell’esercito.

I disordini sono stati in gran parte limitati alle province di KwaZulu-Natal e Gauteng, che insieme rappresentano quasi il 50% del PIL del Sudafrica. La violenza non si è estesa alle altre sette province del Sudafrica.
Secondo il governo, sono stati arrecati ingenti danni a 161 centri commerciali e centri commerciali, 11 magazzini, otto fabbriche e 161 negozi e distributori di liquori. Secondo l’Economist Intelligence Unit, circa 10 miliardi di rand (680 milioni di dollari) sono stati persi in beni rubati, camion bruciati e proprietà distrutte.
L’economia del Sudafrica potrebbe subire danni a lungo termine se gli investitori nazionali e internazionali considereranno i disordini come un segno che il paese non è una destinazione sicura per i loro capitali.
L’economia del Sudafrica era già in recessione e si prevede che l’instabilità causerà un’ulteriore contrazione dell’economia. I più colpiti saranno i poveri del Sud Africa, molti dei quali non potranno acquistare cibo a prezzi competitivi nei centri commerciali delle township che sono stati chiusi o bruciati.
Le persone che ricevono sussidi governativi mensili, in particolare gli anziani, non potranno ottenerli nei centri che sono stati chiusi.

CHE COSA HA CAUSATO I MORTI?

La polizia e i funzionari del governo affermano che molti dei decessi sono stati causati da persone schiacciate nella fuga precipitosa durante il caotico saccheggio dei negozi.

Secondo il ministro della polizia Bheki Cele, almeno 20 morti si sono verificate nell’area di Phoenix, nel KwaZulu-Natal, dove i residenti stavano proteggendo il loro quartiere da sospetti intrusi. Non si sa quanti morti siano stati causati dalle sparatorie della polizia contro i rivoltosi.

Le organizzazioni per i diritti umani, tra cui Amnesty International, stanno indagando sulle morti.
LA RIVOLTA È STATA SPONTANEA?
Dopo che Zuma è entrato in prigione, numerosi post sui social media hanno incoraggiato le proteste, inclusi attacchi alle autostrade e ai centri commerciali. Sei persone sono state arrestate con l’accusa di incitamento alla violenza, ha annunciato lunedì il governo senza rivelare la loro identità. Uno degli arrestati è stato rilasciato su cauzione. Cinque sono ancora in custodia.
I disordini sono stati orchestrati, istigati e pianificati… Hanno quasi messo in ginocchio il nostro Paese“, ha affermato il ministro ad interim della presidenza Khumbudzo Ntshavheni.
Il presidente Cyril Ramaphosa ha anche affermato che la violenza era pianificata. La polizia ha detto di aver scoperto grandi nascondigli di munizioni.
L’estensione dei disordini ha messo in luce i problemi economici di fondo del Sudafrica, compresi gli alti tassi di disoccupazione e povertà. Secondo le statistiche del governo sudafricano, la disoccupazione è superiore al 32% ed è superiore al 64% per le persone di età inferiore ai 35 anni.
Più della metà dei 60 milioni di persone del paese vive in condizioni di povertà e oltre il 20% soffre di insicurezza alimentare. Il paese è uno dei più diseguali al mondo e tale disuguaglianza è aumentata dalla fine dell’apartheid nel 1994, secondo la Banca Mondiale.

Le responsabilità di ZUMA

Zuma, che è stato per anni una figura controversa, è finito in prigione per oltraggio alla corte perché si è rifiutato di testimoniare davanti a una commissione giudiziaria che indagava su accuse di corruzione durante il suo periodo come presidente del paese dal 2009 al 2018.
La commissione ha ascoltato testimonianze schiaccianti di ex ministri del Gabinetto e alti dirigenti di società statali che Zuma ha permesso ai membri della ricca famiglia Gupta di influenzare le sue nomine di Gabinetto e l’assegnazione di lucrosi contratti statali.
Il 79enne Zuma ora deve affrontare accuse separate di corruzione. È accusato di aver ricevuto tangenti dal produttore di armi francese Thales in relazione ai controversi contratti di approvvigionamento di armi del paese del 1999.
A quel tempo, Zuma era un alto funzionario del partito al governo dell’African National Congress e un ministro provinciale nel KwaZulu-Natal. Si presume che abbia ricevuto le tangenti attraverso il suo ex consulente finanziario, Schabir Shaik, che è stato condannato per accuse correlate nel 2005, condannato al carcere e successivamente rilasciato sulla parola d’ordine medica.
Zuma è stato costretto dal suo partito ANC a dimettersi da presidente nel 2018 a causa delle crescenti accuse di corruzione, ma ha ancora un notevole seguito all’interno del partito, compresi altri alti funzionari dell’ANC che stanno affrontando accuse di corruzione.
Prima di essere imprigionato, Zuma tenne discorsi accesi ai suoi sostenitori nel KwaZulu-Natal.
I gruppi per i diritti umani hanno accolto con favore la sua detenzione. Quando è entrato in prigione, la Nelson Mandela Foundation si è detta lieta di vedere Zuma in custodia e lo ha criticato per “un modello di disprezzo per lo stato di diritto e per la nostra democrazia costituzionale“.
La fondazione si è detta “profondamente turbata” dalla volontà di Zuma “di corteggiare la violenza pubblica e l’illegalità a sostegno di programmi politici e personali“.

COSA MANTERRA’ LA STABILITA’ IN SUDAFRICA?

Il dispiegamento di 25.000 soldati dell’esercito per assistere la polizia è riuscito a creare una calma inquieta nel paese. Le autostrade sono state riaperte e lunedì non sono stati segnalati incidenti violenti. I gruppi di volontari stanno aiutando a ripulire i centri commerciali distrutti.
Non è chiaro per quanto tempo saranno necessari i militari per le strade.